Luglio 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La Finlandia sta valutando la possibilità di imporre ulteriori restrizioni alle frontiere poiché diventa impossibile il ritorno dei richiedenti asilo

La Finlandia sta valutando la possibilità di imporre ulteriori restrizioni alle frontiere poiché diventa impossibile il ritorno dei richiedenti asilo

Il presidente finlandese Sauli Niinistö si rivolge alla 78a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite presso la sede delle Nazioni Unite a New York, Stati Uniti, il 20 settembre 2023. REUTERS/Caitlin Ochs/file Photo Ottenere i diritti di licenza

HELSINKI (Reuters) – La Finlandia ha dichiarato lunedì che è diventato impossibile rimpatriare i richiedenti asilo che non soddisfano i criteri di protezione e ha affermato che potrebbe imporre ulteriori restrizioni all’ingresso di migranti dalla Russia dopo l’aumento del numero di richiedenti.

Più di 500 richiedenti asilo, per lo più provenienti da Yemen, Somalia, Siria e Iraq, sono arrivati ​​in Finlandia – una base orientale dell’UE – attraverso la Russia nelle ultime due settimane, spingendo Helsinki a chiudere metà dei suoi valichi di frontiera e accusando Mosca di incanalare i migranti verso l’Europa. . I suoi limiti. Mosca nega questa accusa.

“Deportare i migranti che non soddisfano i criteri di asilo è diventato impossibile, quindi entrare al confine significa restare in quel paese, se lo si desidera”, ha detto il presidente finlandese Sauli Niinistö durante una visita di stato in Polonia.

Niinistö ha chiesto di trovare una soluzione a livello di Unione Europea per fermare l’ingresso incontrollato nello spazio Schengen europeo senza passaporti.

“È impossibile per ogni paese provare a gestire da solo una situazione che potrebbe scoppiare in un paese vicino subito dopo”, ha detto Niinisto.

I migranti che entrano in Finlandia dalla Russia possono ora chiedere asilo solo in due dei quattro valichi rimanenti sul loro confine condiviso di 1.340 chilometri (830 miglia).

Il primo ministro finlandese Petri Orbo ha detto che il suo governo adotterà ulteriori misure se necessario, ma ha rifiutato di dire se chiuderà tutti i rimanenti valichi di frontiera con la Russia.

READ  L'Albania taglia i legami con l'Iran per l'attacco informatico, gli Stati Uniti promettono più misure

“L’importante è che siamo fermi… Se la situazione non cambia, adotteremo rapidamente ulteriori misure”, ha detto Orbo durante una visita al valico di Vartius, che è ancora aperto a circa 700 chilometri a nord della capitale . Helsinki,

Tommy Kivinjori, capo del dipartimento legale della guardia di frontiera finlandese, ha detto che tutti coloro che sono arrivati ​​inizialmente non volevano venire in Finlandia, ma sono stati costretti a chiedere asilo dopo che le autorità russe hanno chiuso loro le porte di frontiera.

“Non avevano altra scelta in questa situazione”, ha detto Kivenjouri a Reuters.

Lunedì il Cremlino ha dichiarato di aver presentato una protesta ufficiale contro la chiusura parziale delle frontiere, affermando che la decisione riflette una posizione anti-russa.

Nel 2021, Polonia, Lituania e Lettonia hanno accusato la Bielorussia, uno stretto alleato di Mosca, di aver creato artificialmente una crisi migratoria ai loro confini trasportando in aereo persone dal Medio Oriente e dall’Africa e cercando di spingerle oltre confine – un’accusa che la Bielorussia ha ripetutamente negato .

(Relazione di Issi Lehto a Helsinki – Preparazione di Muhammad per il Bollettino Arabo) Resoconto aggiuntivo di Terje Solsvik e Gwladys Foch a Oslo e Anna Ringström a Stoccolma; A cura di Jonathan Oatis e Gareth Jones

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda