Maggio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La BBC a bordo di una barca inseguita dalla Cina nel Mar Cinese Meridionale

La BBC a bordo di una barca inseguita dalla Cina nel Mar Cinese Meridionale

  • autore, Jonathan Capo
  • Ruolo, Corrispondente del Sud-Est asiatico
  • Rapporto da Mar Cinese Meridionale

Potevamo vedere la nave cinese più grande avvicinarsi, entrambe le nostre navi viaggiavano ad alta velocità. L'equipaggio cinese era abbastanza vicino da poter vedere i loro volti. Due di loro ci hanno fotografato e noi abbiamo fotografato loro.

La BBC era a bordo della nave della Guardia costiera filippina BRB Bagakai quando martedì è stata avvicinata da navi cinesi.

Gli equipaggi filippini hanno corso per appendere barriere di schiuma gialla sul lato in preparazione all'impatto. All'improvviso, la nave cinese ha effettuato una brusca virata sulla nostra prua, costringendo il capitano filippino a rallentare improvvisamente. La distanza tra le due navi era inferiore a cinque metri.

Stavamo correndo verso Scarborough Shoal, un piccolo atollo situato a 220 chilometri (137 miglia) a ovest della costa filippina, ma rivendicato anche dalla Cina.

Commenta la foto, Gli ufficiali della guardia costiera cinese hanno filmato una troupe della BBC

Le navi cinesi erano determinate a fermarci, ed erano molte: a un certo punto erano 10 della guardia costiera e della milizia navale.

Il capitano filippino ha fatto affidamento sulla velocità e sulla manovrabilità della sua nave di costruzione giapponese per avere la meglio sui cinesi, ed è arrivato a 600 metri di acque poco profonde, il più vicino mai raggiunto, ci ha detto.

Siamo stati subito portati all'interno, dove abbiamo potuto sentire getti d'acqua che colpivano le pareti metalliche della nave. Hanno fracassato il tettuccio di poppa e hanno distrutto la ringhiera su un lato.

La seconda nave del nostro convoglio, che trasportava rifornimenti per i pescatori filippini, è stata gravemente danneggiata dopo essere stata sottoposta a dieci colpi diretti di cannoni ad acqua.

Questo gioco marittimo del gatto col topo non è nuovo nel Mar Cinese Meridionale. Ma questi scontri sono diventati più frequenti e più pericolosi, da quando il presidente Bongbong Marcos ha permesso alla Guardia Costiera di sfidare la presenza cinese nelle zone contese in modo molto più aggressivo che in passato.

Commenta la foto, Diverse navi della Guardia costiera cinese hanno seguito la barca

“Il governo cinese ha sempre detto che esiste una linea rossa”, ha detto il commodoro Guy Tarella, portavoce della guardia costiera nel Mar delle Filippine occidentali, il nome filippino per le aree rivendicate dalla Cina.

“Hanno detto che non potevamo oltrepassare il limite delle 12 miglia nautiche delle acque basse, ma sotto questa amministrazione abbiamo effettivamente infranto quella linea rossa, per dimostrare che la Cina non rispetta il diritto internazionale”.

La missione che stavamo svolgendo fa parte di quella risposta più forte.

Il suo scopo ufficiale era quello di fornire cibo e carburante ai pescatori filippini che lavorano a Scarborough Shoal da decenni, ma che lamentano continue molestie da quando la Guardia costiera cinese ne ha preso il controllo nel 2012.

Una sentenza di un tribunale internazionale del 2016 ha affermato che gli elementi chiave delle rivendicazioni della Cina nel Mar Cinese Meridionale, come la linea dei nove trattini e una serie di attività nelle acque filippine, erano illegali. La Cina afferma di non riconoscere la sentenza.

Commenta la foto, Gli ufficiali della guardia costiera filippina hanno monitorato le navi cinesi

Il numero di navi cinesi visibili intorno alle secche era spaventoso. Possiamo vederli in ogni direzione, di gran lunga superiori a qualsiasi cosa le Filippine possano schierare.

“Noi siamo il Davide per il loro Golia”, ha detto il Commodoro Tarriela.

È difficile prevedere dove porterà questa nuova politica il presidente Marcos, anche se ha ricevuto un forte sostegno dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden e ha ampliato un programma di modernizzazione a lungo termine per le forze armate.

Le navi cinesi erano chiaramente abili nelle loro tattiche, sebbene fossero rischiose. Forse avrebbero potuto mantenere il loro assedio quasi indefinitamente.

Dopo che abbiamo affrontato le loro navi, la Cina ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma di essere riuscita a espellere le navi filippine, che accusava di entrare nelle sue acque territoriali.

È vero che il BRP Bagacay si è ritirato da Scarborough Shoal dopo essere stato colpito dai cannoni ad acqua da entrambi i lati. La seconda nave, che trasportava rifornimenti e gran parte delle sue apparecchiature elettroniche danneggiate, era ancora circondata da navi cinesi a 20 chilometri dietro di noi, quindi la nostra nave è tornata in suo aiuto.

Al mattino, dozzine di pescherecci si sono radunati intorno a noi per ricevere i loro aiuti. Da lontano, una nave della guardia costiera cinese stava monitorando la situazione. Con quelle che vedono come le tattiche di bullismo della Cina ancora una volta smascherate, la Guardia costiera filippina ritiene che questa missione sia stata portata a termine con successo.

Commenta la foto, I pescatori si sono avvicinati alla barca per ricevere assistenza dalla guardia costiera filippina