Maggio 25, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Ruanda: i dipendenti pubblici intentano una causa in tribunale per la nuova legge

Ruanda: i dipendenti pubblici intentano una causa in tribunale per la nuova legge

  • Scritto da Domenico Casciani
  • Corrispondente domestico e legale

Commenta la foto, Il progetto del Ruanda è concepito per fungere da deterrente per le traversate in piccole imbarcazioni

Il sindacato degli alti funzionari pubblici lancia una sfida legale senza precedenti al piano dei ministri del Ruanda.

La Food and Drug Administration americana ha affermato che sta intervenendo perché teme che il piano di inviare alcuni richiedenti asilo in Ruanda possa costringere i funzionari a infrangere la legge.

Secondo una nuova legge, i ministri possono ignorare la Corte europea dei diritti dell’uomo e ordinare ai funzionari di regolamentare i voli.

Il sindacato vuole che sia la Corte Suprema a decidere se questo elemento metterebbe i dipendenti pubblici in una posizione giuridica difficile.

La FDA teme che i dipendenti pubblici si trovino intrappolati tra giudici e ministri e che una direttiva volta a violare il diritto internazionale possa metterli in conflitto con la legge sul pubblico impiego.

Il governo ha affermato che il consiglio di Darren Tierney, capo del dipartimento di fitness ed etica, era che la legge non sarebbe stata infranta.

In un messaggio pubblicato sul sito del governo, “Nell'attuazione della decisione, i dipendenti pubblici agiranno in conformità con il Codice della funzione pubblica, compreso l'impegno a non ostacolare l'attuazione delle politiche una volta prese le decisioni”, ha scritto Tierney.

“Agiranno in conformità con la legge, che è la legge emanata dal Parlamento e in base alla quale verrà esercitata la discrezionalità riconosciuta e affermata del Ministro”.

Il piano per il Ruanda è una parte fondamentale dell'impegno del primo ministro Rishi Sunak di impedire ai migranti di attraversare la Manica su imbarcazioni pericolose.

IL Integrità della legislazione ruandese Ribalta una decisione della Corte Suprema dello scorso novembre secondo cui il Paese non era un luogo sicuro in cui inviare veri rifugiati perché da lì avrebbero potuto essere rimandati ai loro paesi di origine e sottoposti a torture e maltrattamenti.

In pratica, i ministri ordineranno ai principali dirigenti della pubblica amministrazione di preparare e inviare voli, anche se i giudici affermano che il caso non è risolto.

La First Division Association (FDA), che rappresenta i leader di Whitehall, ha affermato che l'azione ha fatto sì che i membri temessero che potesse essere loro ordinato di violare il diritto internazionale e il Codice della funzione pubblica, il codice delle regole legalmente supportato.

Dave Penman, segretario generale della FDA, ha affermato che i membri della FDA non hanno una visione politica sulla questione se il piano del Ruanda sia giusto o sbagliato, ma hanno bisogno di certezza sul fatto che l'azione li metta in conflitto tra i ministri e la legge.

“Questo [measure] “Non è una coincidenza o una cattiva formulazione”, ha detto.

“È una scelta politica del governo, fatta non per il bene del Paese ma per evitare di far arrabbiare qualcuna delle fazioni in guerra all’interno del suo partito”.

“È anche irresponsabile. I dipendenti pubblici sanno che devono sostenere l’attuale governo e attuare le politiche, indipendentemente dalle loro convinzioni politiche, ma sanno anche che hanno l’obbligo legale di aderire al Codice della funzione pubblica.

“Di fronte a un governo pronto ad agire in modo così codardo e sconsiderato, spetta alla FDA difendere i nostri membri e l’integrità della pubblica amministrazione”.

La FDA chiederà ora alla Corte Suprema di dare priorità al suo caso, ma non vi è alcuna garanzia che i giudici lo facciano.

Ma se il caso raggiungesse un’udienza completa – anche se le date di partenza non sono ancora state fissate – potrebbe paralizzare temporaneamente la politica.

Nello scenario peggiore, i giudici potrebbero stabilire che il governo ha creato un conflitto illegale che impedisce agli alti funzionari pubblici di attuare il piano.

Sono state pubblicate foto e video di agenti delle forze dell'immigrazione che trattenevano diversi migranti in vari alloggi, prima che fossero portati via in manette e messi in auto sicure.

Ogni persona presa in considerazione per il trasferimento forzato in Ruanda deve essere informata per iscritto almeno sette giorni prima di tale intenzione e ha il diritto di presentare un ricorso legale.

Il governo aveva precedentemente affermato che l’obiettivo era il decollo dei voli entro la primavera, ma ora afferma che ciò dovrebbe avvenire entro 9-11 settimane.

Il Partito Laburista ha detto che annullerà il piano per il Ruanda se vincerà le prossime elezioni.

Tuttavia, quando è stato chiesto più volte se il partito avrebbe rilasciato i detenuti come parte di questa politica, il vice coordinatore della campagna nazionale laburista, Eli Reeves, non ha detto.

Ha dichiarato al programma World at One di BBC Radio 4: “Vogliamo rimandare le persone nei loro paesi se le loro richieste falliscono, motivo per cui abbiamo questi accordi di rimpatrio e stiamo anche nominando 1.000 assistenti sociali”.

I laburisti hanno affermato che coloro che sono arrivati ​​su piccole imbarcazioni potranno presentare domanda di asilo, cosa che agli attuali arrivati ​​è vietato fare.

Il partito ha aggiunto che il governo laburista non pianificherà alcun volo per il Ruanda che trasporti richiedenti asilo.

Ma ciò significa che tutti i paesi già programmati prima delle elezioni per uscire in seguito potrebbero comunque andarsene.

La natura precisa di come il Labour ha gestito la questione delle piccole imbarcazioni è ora sotto esame approfondito, con le elezioni generali alle porte, e il quadro giuridico che erediterà in caso di vittoria è più chiaro di quanto non fosse prima.

“Grande preoccupazione”

Il numero 10 ha detto che “non è esatto” dire che il Ministero degli Interni non è stato in grado di localizzare gli altri, ma una fonte governativa ha riconosciuto la possibilità che alcuni fossero fuggiti prima di essere arrestati.

Il ministero dell’Interno ha affermato di aver aumentato la capacità di detenzione a oltre 2.200 posti e di disporre di 500 escort altamente qualificate.

Il ministero ha affermato che sono stati prenotati voli charter commerciali e che l'aeroporto è stato messo a disposizione.

Anwar Solomon, amministratore delegato del Refugee Council, ha dichiarato: “La mossa del governo di detenere persone sta causando paura, angoscia ed estrema ansia tra uomini, donne e bambini che sono fuggiti da guerre e persecuzioni per trovare sicurezza nel Regno Unito”.

Ha affermato che il governo dovrebbe concentrarsi sull’elaborazione delle richieste di asilo “in modo efficiente ed equo”, piuttosto che su “schemi di cattura dei titoli che fanno sprecare tempo e risorse”.

“Bufala pre-elettorale”

Ciò avviene dopo che i dati hanno mostrato che martedì 268 persone sono arrivate nel Regno Unito attraverso la Manica su cinque barche.

I dati preliminari del Ministero degli Interni mostrano che un totale di 7.567 persone hanno effettuato il viaggio da gennaio ad aprile.

Questo numero è superiore del 27% rispetto al numero di arrivi registrati nello stesso periodo dell'anno scorso.

Nel frattempo, il primo richiedente asilo respinto è andato in Ruanda nell’ambito di un programma di deportazione volontaria separato.

Nell’ambito del programma, annunciato a marzo, ai migranti a cui è stata respinta la domanda viene offerta fino a 3.000 sterline per trasferirsi nel Paese dell’Africa orientale.

Il ministro ombra dell'Interno Yvette Cooper ha descritto la notizia del ritorno volontario come una “espediente pre-elettorale”, aggiungendo che i contribuenti “pagavano 3.000 sterline affinché un volontario salisse su un aereo”.

Il leader liberaldemocratico Sir Ed Davey ha detto: “Hanno dovuto pagare qualcuno 3.000 sterline. Non c'è dubbio che sia una questione di elezioni, non si tratta di fermare seriamente le barche”.

Report aggiuntivi di Jennifer McKernan e Becky Morton