Luglio 2, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Pechino limita i trasporti pubblici mentre il COVID si diffonde in Cina

Pechino limita i trasporti pubblici mentre il COVID si diffonde in Cina

  • Pechino chiude più di 60 stazioni della metropolitana e 158 linee di autobus
  • Zhengzhou imporrà severe restrizioni COVID la prossima settimana
  • Shanghai ha difficoltà a uscire dal blocco durato un mese

PECHINO/SHANGHAI (Reuters) – La capitale cinese Pechino ha chiuso mercoledì dozzine di stazioni della metropolitana e linee di autobus nel tentativo di arginare la diffusione del COVID-19 e scongiurare il destino di Shanghai, dove milioni di residenti sono sotto stretto blocco. per più di un mese.

Secondo le ultime previsioni e dati, l’implacabile battaglia della Cina contro il coronavirus, che si ritiene sia emerso nella città di Wuhan alla fine del 2019, ne sta minando la crescita e danneggiando le società internazionali che vi investono.

La città centrale di Zhengzhou, che ospita 12,6 milioni di persone e lo stabilimento di produzione di iPhone di Apple Foxconn (2354.TW)ha annunciato il lavoro da casa e altre restrizioni COVID per la prossima settimana alla fine di martedì, unendosi a dozzine di grandi città sotto una qualche forma di blocco.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

I fornitori di servizi hanno affermato che la capitale ha chiuso più di 60 stazioni della metropolitana, circa il 15% della rete e 158 linee di autobus. La maggior parte delle stazioni e delle strade sospese si trovano nel distretto di Chaoyang, epicentro dell’epidemia a Pechino.

Con dozzine di nuovi casi al giorno, Pechino sta cercando di evitare un blocco completo, come ha fatto inizialmente anche Shanghai, sperando invece che i test di massa rilevino e isolino il virus prima che si diffonda.

La città di 22 milioni di persone ha chiuso scuole, ristoranti, palestre e luoghi di intrattenimento, nonché alcune attività commerciali e condomini in aree ad alto rischio. Leggi di più

READ  'Non eravamo pronti per questo': obitorio della regione di Kiev al punto di rottura | Ucraina

In quello che sarebbe un segnale preoccupante per i residenti di Pechino, i lavoratori in equipaggiamento protettivo sono stati visti costruire un muro di metallo blu alto due metri attorno a un complesso di appartamenti, con un cartello al cancello che diceva “Solo ingresso. Nessuna uscita”.

Dodici dei 16 distretti di Pechino hanno condotto il secondo round di tre round di test questa settimana, dopo aver condotto tre controlli la scorsa settimana.

A Shanghai non si vede la fine del lockdown.

Più di un mese dopo, alla maggior parte delle persone nella città più grande della Cina continentale è ancora vietato lasciare i loro complessi di appartamenti.

Alcuni residenti hanno beneficiato di un temporaneo allentamento delle precauzioni da domenica, quando di solito solo un membro della famiglia può uscire per una passeggiata veloce e fare la spesa.

Gli ultimi dati hanno mostrato che Shanghai ha trovato 63 nuovi casi al di fuori delle aree soggette a severe restrizioni, indicando che ha molta strada da fare prima di raggiungere l’obiettivo di nessun caso per diversi giorni per allentare significativamente le restrizioni.

L’isolamento ha alimentato rare esplosioni di risentimento, con gli utenti dei social media che giocano a gatto e topo con la censura per mantenere in circolazione le prove delle difficoltà.

Alcuni si sono rivolti alla tecnologia blockchain per proteggere dalla cancellazione video, foto e opere d’arte sull’argomento. Leggi di più

Tali atti di sfida sono imbarazzanti per il Partito Comunista al potere in un anno delicato in cui il presidente Xi Jinping dovrebbe assicurarsi un terzo mandato.

Le autorità affermano che la politica zero COVID mira a salvare quante più vite possibili, indicando i milioni di morti per COVID al di fuori della Cina, poiché molti paesi abbandonano le precauzioni per “convivere con COVID” anche se l’infezione si diffonde.

READ  Un generale russo è stato ucciso in Ucraina alla fine di febbraio

Ma la politica sta danneggiando i consumi interni e la produzione industriale, interrompendo le principali catene di approvvigionamento globali e riducendo i ricavi di alcuni dei più grandi marchi mondiali, come Apple. (AAPL.O)padre di Gucci Portachiavi (PRTP.PA) E il proprietario di Taco Bell Yum China (9987.HK). Leggi di più

Capital Economics stima che il COVID si sia diffuso in regioni che generano il 40% della produzione cinese e l’80% delle sue esportazioni.

“Le recenti tendenze della mobilità indicano che lo slancio della crescita della Cina è peggiorato in modo significativo ad aprile, con la congestione del traffico, i volumi di passeggeri della metropolitana e altri indicatori ad alta frequenza ai minimi dall’inizio del 2020”, ha affermato in una nota l’agenzia di rating Fitch.

Fitch ha ridotto le sue previsioni di crescita per il 2022 al 4,3%, dal 4,8%, ben al di sotto dell’obiettivo ufficiale cinese del 5,5%.

Starbucks Corporation (SBUX.O) Martedì, ha affermato che le sue vendite in Cina, dove la catena si è espansa rapidamente negli ultimi anni, sono diminuite del 23%, oscurando la crescita del 12% in Nord America. Leggi di più

Foxconn ha detto mercoledì che avrebbe continuato la produzione a Zhengzhou. Leggi di più

Diverse fabbriche sono state chiuse dopo la chiusura di Shanghai da marzo. Mentre alcuni stanno iniziando a riaprire, il ripristino dei lavoratori, pur affrontando catene di approvvigionamento vacillanti, si è rivelato difficile. Leggi di più

Le autorità di Shanghai hanno aiutato Tesla (TSLA.O) Ha spostato più di 6.000 lavoratori e ha svolto lavori di disinfezione per riaprire la sua fabbrica il mese scorso, secondo una lettera inviata da Tesla ai funzionari visti da Reuters. Leggi di più

READ  L'incontro con i fantasmi del principe Harry con Charles è durato 15 minuti: Report

Nella Lingang Free Trade Zone di Shanghai, 252 aziende, ovvero il 52% delle attività commerciali presenti, hanno ripreso l’attività a partire dal 3 maggio.

Ha aggiunto che le autorità hanno supportato gli operatori di screening per COVID, offrendo centinaia di milioni di yuan in affitti e assegnando funzionari per aiutare ad attuare le misure COVID.

Anche il commercio internazionale è in subbuglio.

Uno studio degli analisti della Royal Bank of Canada ha rilevato che un quinto della flotta globale di navi portacontainer è bloccata nei porti. Leggi di più

E nel porto di Shanghai, 344 navi erano in attesa di attraccare, con un aumento del 34% rispetto al mese scorso. Hanno detto che ci vogliono 74 giorni in più del solito per spedire qualcosa da un magazzino in Cina a un altro negli Stati Uniti.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Reporting su Aizhou Chen, He Xiang Ming, Brenda Goh e gli uffici di Pechino e Shanghai; Scritto da Marius Zaharia. Montaggio di Robert Persell

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.