Maggio 25, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Una nuova ricerca rivela che i dinosauri non erano così intelligenti come pensavamo

Una nuova ricerca rivela che i dinosauri non erano così intelligenti come pensavamo

Fotografia di uno scheletro di T. rex al Museo Senckenberg di Francoforte, in Germania. Il Tyrannosaurus rex visse alla fine del periodo Cretaceo (circa 66 milioni di anni fa) e fu trovato esclusivamente nell'America settentrionale occidentale. Credito: Kay R. Gaspare

I dinosauri erano intelligenti quanto i rettili ma non tanto quanto le scimmie, come suggeriscono ricerche precedenti.

Un team internazionale di paleontologi, etologi e neurologi ha riesaminato le dimensioni e la struttura del cervello dei dinosauri e ha concluso che si comportavano come coccodrilli e lucertole.

In uno studio pubblicato lo scorso anno, si affermava che i dinosauri lo adorano T-Rex Avevano un numero eccezionalmente elevato di neuroni ed erano significativamente più intelligenti del previsto. È stato affermato che questo elevato numero di neuroni potrebbe apportare benefici diretti all’intelligenza, al metabolismo e alla storia della vita T-Rex Assomigliava ad una scimmia in alcune delle sue abitudini. La trasmissione culturale della conoscenza e l'uso degli strumenti sono stati citati come esempi di tratti cognitivi che potrebbero aver posseduto.

Critica della metodologia di conteggio dei neuroni

Ma il nuovo studio pubblicato in Documentazione anatomica, in cui Hadi George dell'Università di Bristol, il Dr. Darren Naish (Università di Southampton) e guidato dal Dr. Kai Kaspar (Università Heinrich-Heine) con il Dr. Cristian Gutierrez Ibanez (Università di Alberta) e il Dr. Grant Hurlburt ( Royal Ontario Museum) danno uno sguardo più da vicino alle tecniche utilizzate per prevedere le dimensioni del cervello e il numero di neuroni nel cervello dei dinosauri. Il team ha scoperto che le ipotesi precedenti sulla dimensione del cervello dei dinosauri e sul numero di neuroni contenuti nel loro cervello non erano affidabili.

La relazione tra cervello e massa corporea nei vertebrati terrestri

La relazione tra cervello e massa corporea nei vertebrati terrestri. Dinosauri come il T. rex avevano rapporti di dimensioni cervello-corpo simili a quelli dei rettili viventi. Credito: Cristian Gutierrez Ibanez

Questa ricerca arriva dopo decenni di analisi in cui paleontologi e biologi hanno esaminato le dimensioni e l’anatomia del cervello dei dinosauri e hanno utilizzato questi dati per dedurre il comportamento e lo stile di vita. Le informazioni sul cervello dei dinosauri provengono dalle otturazioni minerali delle cavità cerebrali, chiamate endocast, nonché dalle forme delle cavità stesse.

READ  Questa piccola bellezza è una lumaca margarita, una delle due nuove specie abbaglianti

Il team ha scoperto che le dimensioni del loro cervello erano esagerate, soprattutto quelle del prosencefalo, e quindi anche i loro neuroni erano importanti. Inoltre, hanno dimostrato che le stime del numero di neuroni non sono una guida affidabile per l’intelligenza.

Raccomandazioni per la ricerca futura

Ricostruire in modo affidabile la biologia di organismi estinti da tempo ClassificareIl team ritiene che i ricercatori dovrebbero considerare molteplici linee di prova, tra cui l’anatomia scheletrica, l’istologia ossea, il comportamento dei parenti viventi e le tracce fossili. “L'intelligenza dei dinosauri e di altri animali estinti può essere determinata meglio utilizzando una varietà di prove che vanno dall'anatomia grossolana alle impronte fossili piuttosto che fare affidamento solo sulle stime del numero di neuroni”, ha spiegato Hadi, della School of Earth Sciences di Bristol.

“Siamo dell'opinione che non sia una buona pratica predire l'intelligenza nelle specie estinte quando la popolazione di neuroni ricostruita da cellule endogene è tutto ciò su cui possiamo basarci”, ha spiegato il dottor Kai Kaspar.

“I numeri dei neuroni non sono buoni predittori delle prestazioni cognitive, e usarli per prevedere l'intelligenza in specie estinte da tempo può portare a interpretazioni molto fuorvianti”, ha aggiunto la dott.ssa Ornella Bertrand (Instituto de Paleontologia Miquel Crosafont della Catalogna).

Il dottor Darren Naish ha concluso: “La possibilità che il T. rex possa essere intelligente come un babbuino è allo stesso tempo affascinante e terrificante, con il potenziale di reinventare la nostra visione del passato”. “Ma il nostro studio mostra come tutti i nostri dati contraddicono questa idea. Erano più simili a coccodrilli giganti e intelligenti, e questo è altrettanto notevole.”

READ  Lo strano mistero dei pianeti "perduti" nello spazio può essere risolto: ScienceAlert

Riferimento: “Quanto era intelligente il T. Rex?” Testing di affermazioni di cognizione straordinaria nei dinosauri e applicazione delle stime del numero di neuroni nella ricerca paleontologica” di Kay R. Caspar, Christian Gutierrez Ibáñez, Ornella C. Bertrand, Thomas Carr, Jennifer A. D. Colburn e Arthur Erb, Hadi George, Thomas R. Holtz, Darren Naish, Douglas R. Willey e Grant R. Hurlburt, 26 aprile 2024, Documentazione anatomica.
doi: 10.1002/ar.25459