Luglio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il video mostra commando appoggiati dall’Iran che dirottano una nave mercantile durante un raid in elicottero

Il video mostra commando appoggiati dall’Iran che dirottano una nave mercantile durante un raid in elicottero

  • Domenica i ribelli Houthi, sostenuti dall’Iran, hanno dirottato una nave mercantile battente bandiera internazionale nel Mar Rosso.
  • Un nuovo video pubblicato dai militanti li mostra mentre effettuano un raid in elicottero sulla nave.
  • Il gruppo con sede nello Yemen ha affermato che l’incidente è collegato alla guerra in corso di Israele contro Hamas.

Un nuovo video pubblicato dal gruppo ribelle Houthi mostra militanti sostenuti dall’Iran che conducono un drammatico raid in elicottero su una nave mercantile battente bandiera internazionale nel Mar Rosso, dirottando la nave e tenendo in ostaggio l’intero equipaggio.

Il filmato straziante, lungo quasi quattro minuti, pubblicato lunedì dagli Houthi con sede nello Yemen, mostra frammenti di come la nave è stata sequestrata il giorno prima. Il film inizia mostrando in lontananza la nave Galaxy Leader, battente bandiera delle Bahamas, prima di passare all’atterraggio di un elicottero sul ponte della nave: un’operazione aggressiva anche per gli standard iraniani.

Si possono vedere diversi uomini armati di fucili uscire dall’elicottero e prendere d’assalto il ponte, prendere posizione mentre si avvicinano al ponte della nave, prima di entrare nella cabina di pilotaggio e urlare contro una manciata di membri dell’equipaggio. Ulteriori filmati mostrano alcuni ribelli che operano da altre posizioni all’interno della nave, così come filmati che mostrano il Galaxy Leader che naviga tra diversi motoscafi più piccoli.

READ  Guerra di Gaza: Israele bombarda Gaza City mentre i carri armati ritornano nelle regioni centrali

Portavoce degli Houthi Egli ha detto domenica il gruppo ribelle aveva sequestrato la nave perché legata a Israele e aveva avvertito tutte le navi legate a Israele che sarebbero diventate un “obiettivo legittimo” per un’azione militare. Il portavoce ha suggerito che i paesi che hanno cittadini che lavorano nel Mar Rosso evitino l’associazione con navi appartenenti a Israele.

Ma i funzionari israeliani si tirarono indietro. Domenica l’esercito israeliano ha dichiarato in una dichiarazione su Telegram che la nave Galaxy Leader non è una nave israeliana e che ha lasciato la Turchia diretta in India. I dati di spedizione disponibili al pubblico da sabato mostrano che la nave era a metà della traversata in direzione sud del Mar Rosso.

Ufficio del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu Egli ha detto La nave è di proprietà di una compagnia britannica e gestita da una compagnia giapponese, nonostante quanto riportato Affiliato Con un miliardario israeliano. L’ufficio ha detto che i 25 membri dell’equipaggio a bordo della nave erano di diverse nazionalità, tra cui ucraina e messicana, ma nessuno di loro era israeliano. Ha condannato “fortemente” quello che ha confermato essere un “attacco iraniano”.

“Questo è un altro atto di terrorismo iraniano e rappresenta un passo avanti nell’aggressione dell’Iran contro i cittadini del mondo libero, con conseguenze internazionali per quanto riguarda la sicurezza delle linee di navigazione globali”, ha affermato l’ufficio di Netanyahu. Le attività navali iraniane in tutto il Medio Oriente – compresi i dirottamenti di navi e il contrabbando di armi agli Houthi – allarmano da tempo le forze armate occidentali, e i funzionari statunitensi spesso criticano Teheran per azioni che ritengono destabilizzanti.

READ  Il direttore della CIA afferma che i calcoli cinesi su Taiwan sono stati influenzati dal conflitto in Ucraina

Nel frattempo, lo stato degli ostaggi a bordo della Galaxy Leader è sconosciuto, così come il governo giapponese Ha detto E lavorare per garantire il loro rilascio attraverso negoziati con gli Houthi. Compagnia di navigazione della linea NYK, Egli ha detto Non c’era carico a bordo della nave quando è stata sequestrata vicino a Hodeidah, sulla costa occidentale dello Yemen. Non è chiaro dove si trovi esattamente adesso la nave, anche se un portavoce degli Houthi ha detto, dopo aver confermato la sua cattura, che era stata spostata sulla costa yemenita.

Il portavoce ha detto: “Le forze armate yemenite trattano con l’equipaggio della nave in conformità con i principi e i valori della nostra religione islamica”. Hanno aggiunto che gli Houthi continueranno a prendere di mira le risorse israeliane finché il Paese non porrà fine alla guerra contro Hamas, anche se Israele – e gli Stati Uniti – hanno escluso di farlo e continuano a sottolineare la necessità di schiacciare completamente Hamas a causa della sua responsabilità nell’ottobre 2019. 7 terrore. Attacchi.

Da quel giorno, gli Houthi hanno lanciato molteplici ondate di droni e missili contro Israele, costringendo il Paese ad attivare il livello più alto della sua avanzata rete di difesa aerea. Anche le navi da guerra della Marina americana nel Mar Rosso hanno abbattuto le minacce Houthi in più di un’occasione, l’ultima volta ha abbattuto un drone la scorsa settimana. In aggiunta alla loro lista di provocazioni, all’inizio di novembre i militanti Houthi hanno abbattuto un drone militare statunitense, un MQ-9 Reaper, al largo delle coste dello Yemen.

READ  Il primo ministro polacco chiede all'ucraino Zelenskyj di "non insultare" nuovamente il popolo polacco | Notizie della guerra tra Russia e Ucraina

Gli Houthi sono uno dei numerosi gruppi sostenuti dall’Iran che hanno intensificato i loro attacchi contro Israele e gli Stati Uniti dall’inizio della guerra in corso. I combattenti di Hezbollah in Libano continuano a scontrarsi quotidianamente con le forze dell’esercito israeliano in attacchi transfrontalieri, e i gruppi sostenuti da Teheran in Iraq e Siria hanno lanciato dozzine di attacchi missilistici e droni contro le forze americane di stanza nei due paesi.