Febbraio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La guerra tra Israele e Hamas, la crisi umanitaria a Gaza, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

La guerra tra Israele e Hamas, la crisi umanitaria a Gaza, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

Il 22 dicembre, presso la sede delle Nazioni Unite a New York, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite adotta una risoluzione che chiede di accelerare la consegna di aiuti ai civili a Gaza. Kyodo/Reuters

Mark Regev, consigliere senior del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, ha dichiarato sabato in un’intervista alla CNN che il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres sta “offrendo un’ancora di salvezza a Hamas” chiedendo un cessate il fuoco umanitario.

Venerdì il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione che chiede misure urgenti per consentire un accesso umanitario “sicuro” e “senza ostacoli” a tutte le parti di Gaza, ma si è fermato prima di chiedere la cessazione immediata delle ostilità.

Regev ha dichiarato: “Ringraziamo gli Stati Uniti per il loro sostegno diplomatico alle Nazioni Unite e per aver impedito che questo tipo di risoluzione venisse approvata dal Consiglio di Sicurezza”.

Venerdì gli Stati Uniti si sono astenuti dal votare la risoluzione dopo aver usato il loro potere di veto contro i precedenti sforzi riguardanti la guerra tra Israele e Hamas nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Alla domanda sull’affermazione dell’alto funzionario del Ministero della Difesa israeliano responsabile di Gaza, Moshe Tetro, secondo cui “non c’è carenza di cibo a Gaza”, Regev ha detto che negli ultimi giorni ci sono stati camion carichi di cibo autorizzati da Israele. Ha aggiunto che i camion stavano ancora aspettando al valico per entrare, “e non a causa di Israele”.

Regev ha detto: “Bisogna porsi la seguente domanda, ovvero: è possibile per Hamas sapere che la sua unica possibilità di sopravvivenza è sacrificare la popolazione di Gaza e dire che non permetteremo la distribuzione di aiuti umanitari?”

Ha anche difeso gli appelli di Israele affinché le persone si spostino da alcune aree di Gaza, affermando che “tutti i problemi legati al reinsediamento non sono nulla in confronto alla possibilità di essere uccisi rimanendo coinvolti nel fuoco incrociato”.

READ  Rishi Sunak diventa il nuovo Primo Ministro del Regno Unito: aggiornamenti in tempo reale

Regev ha affermato che i precedenti appelli dell'IDF affinché le persone si spostassero a sud dal nord erano “buon senso” e “la cosa giusta da fare” date le circostanze.

Regev ha detto: “Ora che i combattimenti sono iniziati nel sud, abbiamo dovuto essere più specifici e abbiamo chiesto alle persone di recarsi in aree specifiche dove non intendiamo vedere combattimenti seri e intensi”.