Giugno 25, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Come Nikola Jokic, il vincitore della serie dei Nuggets della stagione, i Celtics stanno facendo un test con la realtà

Come Nikola Jokic, il vincitore della serie dei Nuggets della stagione, i Celtics stanno facendo un test con la realtà

DENVER — I Celtics hanno fatto molte cose memorabili quest'anno. Ma c’è un buco in quella che sperano sarà la ripresa del campionato. Erano imbattuti dai campioni in carica.

Adesso c'è una semplice domanda su questa squadra: riusciranno a battere i Nuggets nelle finali NBA?

Giovedì sera hanno dimostrato ancora una volta di non riuscire a capire come battere Nikola Jokic. I Celtics sono andati in profondità nel campionato cercando di superare gli avversari, ma non riescono a battere i padroni della NBA.

“È un buon passante, ma a volte puoi aiutare a lanciare la palla verso il punto, e Aaron Gordon è un grande passante”, ha detto Jayson Tatum. “Non esiste una risposta sbagliata, ma la risposta giusta può essere diversa a seconda del possesso”.

Anche se Tatum ha guadagnato slancio nella corsa all'MVP dopo la pausa All-Star, questo gioco probabilmente chiuderà le porte a quel ritorno. Joki ancora una volta ha dominato mentre Tatum non è riuscito a trovare consistenza su entrambe le estremità del campo.

Questa partita è stata una cartina di tornasole per la sua candidatura, e l'impressione duratura di lui che passa in secondo piano probabilmente influenzerà la sua posizione al momento delle votazioni. Ci sarebbero voluti sempre dei Celtics con un record stellare per realizzarlo, ma Jokic sembrava inarrestabile e coinvolto giovedì mentre Tatum non era così coinvolto.

“Lo dico sempre, parliamo del rispetto reciproco degli spazi e della comprensione del flusso del gioco”, ha detto Tatum. “Quindi non è mio compito prendere il controllo del gioco e cercare di incentrarlo su di me, ed è un gioco televisivo nazionale. Gli altri ragazzi ce l'avevano. Quindi, se devo stare nell'angolo, se devo essere un facilitatore qualche volta, allora così sia.”

Jaylen Brown ha segnato 41 punti, il massimo della stagione, mantenendo i Celtics a distanza ravvicinata mentre la difesa di Denver ha ingoiato l'attacco a metà campo. Ma i Celtics hanno commesso troppi errori, tra cui brutte palle perse, fughe di palla, passaggi difensivi sbagliati e tiri liberi di Brown (7 su 14).

READ  I pipistrelli dei Rangers dominano i Diamondbacks nella vittoria in Gara 4 mentre il Texas si avvicina sempre di più al primo titolo delle World Series

“E questo inizia con me”, ha detto Brown. Ha aggiunto: “Si inizia dai massimi livelli, e si inizia con Jason, e abbiamo commesso molti errori e questo ci è costato la partita”.

Per quanto questa sconfitta sia stata autoinflitta e potesse ridursi al fatto che Tatum ha mancato un triplo aperto per passare in vantaggio nell'ultimo minuto, Jokic ha vinto questa partita. I Celtics non hanno perso tanto perché l'ex MVP ha dominato dall'inizio alla fine.

Ad essere onesti, i Celtics hanno provato praticamente di tutto. Hanno iniziato la partita con una zona ibrida che ha cercato di mantenere Kristaps Porzinis nell'area con corpi piantati sulle corsie di guida di Jokic. I Nuggets hanno rapidamente risolto il problema inserendo i corpi in entrambi i punti inferiori.

I Celtics provano a mettere un altro giocatore in profondità e ad aiutare Gordon a bloccare la palla mentre Porzinis resta su Jokic. Anche questo non ha funzionato.

Poi, quando Borzinis pensava di aver messo in ombra Jokic dove lo voleva in una copertura uno contro uno, il lungo uomo di Denver lo ha attraversato come Hakeem Olajuwon.

“Quando dai a Gordon la palla, lui la lancerà”, ha detto Jokic. “Come dico ai giocatori, a volte non ho nemmeno bisogno di guardare perché so dov'è. Devo solo lanciarlo lì e la maggior parte delle volte lo prenderà. Ma se non lo prende, è colpa mia.”

Se Brown aiuta presto e Tatum si rivolge a Gordon, Jokic troverà Michael Porter Jr. nella terza posizione aperta.

Bisogna sperare che Jokic commetta un errore. E anche quando lo fa, Gordon rimette tutto a posto. Jokic è difficile da battere una volta arrivato dov'è.

“Era sicuramente nel sacco stasera ed è un grande giocatore di basket. Alcune delle cose che ho imparato da lui oggi in realtà – ha detto Porzinis – È molto intelligente, molto astuto e fa molte cose che non gli vedi fare”. sul campo aiuta questa squadra a vincere. È incredibile. Più lo aiuti un po', più troverà Gordon, troverà tutte queste persone e questo dimostra quanto sia importante per loro e cosa sta facendo per loro. Davvero, davvero, davvero (difficile da fermare).”

READ  Come i Bucks hanno dominato gli Heat in Gara 2 senza Giannis Antetokounmpo

I Celtics devono ancora trovare l'equilibrio nel fermare Jokic e nel giocare la loro migliore formazione. Partita ravvicinata con Al Horford? Mettergli più guardie e fare meno aree in cui competere?

“Sento che avrei dovuto proteggere Jokic un po', un po' di più”, ha detto Brown. “Vorrei aver avuto un po' quelle opportunità. Avrei potuto tenerlo lontano da canestro e avremmo potuto togliere alcuni dei layup che avevano. Ma sento che avevamo ancora tutte le possibilità di vincere questa partita e potevamo semplicemente farlo”. non farlo.”

Brown insiste nel dire che ogni sera affronta le sue più grandi sfide difensive. Se l’allenatore Joe Mazzola dovesse mettere alla prova la sua gestione dello spogliatoio, la questione dipenderebbe da chi coglierà le opportunità nei momenti importanti.

I giocatori di Boston parlavano di continuare a raggiungere un altro livello e di essere motivati ​​per arrivarci. Ma quando hai un grande vantaggio in testa alla classifica, riesci a trovare quella scintilla? Bene, ora sanno che i Nuggets sono sulla loro strada.

I Celtics hanno il miglior record della NBA. Ma a fine giugno non importerà a nessuno. Non sei la squadra migliore se non sei i campioni. Finora non sono riusciti a battere i campioni.

Quando a Porziņģis è stato chiesto se i Nuggets avessero il numero dei Celtics, ha respinto l'idea.

“Non mi piace che abbiano il nostro numero. Non mi piace quel genere di frasi – ha detto Porzinis – Ci hanno picchiato più volte. Il margine tra chi vince e chi perde è piccolo. Ci hanno picchiato a casa. Tanto di cappello a loro. Poi ci hanno picchiato in casa loro. È molto piccolo. “Le cose sarebbero potute andare per il verso giusto.”

READ  Stephen Curry colpisce 16 secondi per vincere il premio All-Star Game Player of the Year; LeBron James vincitore del gioco delle unghie

Dopo anni di fallimenti contro squadre demoralizzate e disfunzionali, Porzinis sorride ironicamente dopo questo tipo di partite. Questa è solo la seconda serie di sconfitte consecutive in questa stagione. La sua squadra l'anno scorso È stato serie di sconfitte.

“Mi piace il fatto che subiamo quella sconfitta nella stagione regolare. Fa male. Deve fare male – ha detto Porzinis – E dobbiamo imparare e dobbiamo migliorare e anche alcune cose mentali che possiamo prendere da questa partita. Abbiamo avuto alcune giocate emozionanti che non possiamo lasciare accadere nei playoff. Alcune tecnologie di cui non abbiamo proprio bisogno. Queste sono le cose che prenderemo da questa partita e a cui torneremo.”

Porziņģis è stato determinante e fondamentale per portare i Celtics dai massimi livelli in questa stagione. Quindi, quando Jokic lo ha superato ripetutamente giovedì sera, ci ha ricordato che un grande vantaggio in classifica e una classifica generazionale netta si trasforma in un piccolo divario tra due squadre vincenti una volta arrivate in campo.

“Sì, sono una buona squadra e sì, hanno risposte per tutto, in termini di confronto, difesa e attacco”, ha detto Jokic. “Sono una squadra ben costruita e stanno giocando davvero bene. Sono la migliore squadra della NBA in questo momento. È davvero difficile giocare contro una squadra alta. È una grande squadra”.

I Celtics sono ancora una grande squadra, ma i Nuggets potrebbero avere il sopravvento. Il discorso dei Celtics di raggiungere un altro livello sembra fondato sulla realtà. Possono battere le squadre di 50 punti quanto vogliono, ma tutti sanno che i Nuggets li giocheranno alla pari.

“Quello che mi piace è che abbiamo spazio per migliorare, per giocare meglio, e sì, è possibile”, ha detto Porzinis. “Speriamo di rivederli.”

(Foto di Jayson Tatum e Nikola Jokic: Ron Chinoy/USA Today)