Maggio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Israele ha informato gli Stati Uniti di un piano per evacuare i civili palestinesi prima della possibile operazione di Rafah

Israele ha informato gli Stati Uniti di un piano per evacuare i civili palestinesi prima della possibile operazione di Rafah

WASHINGTON (AP) – Questa settimana Israele ha informato i funzionari dell’amministrazione Biden su un piano per evacuare i civili palestinesi in vista di una potenziale operazione nella città di Rafah, nel sud di Gaza, volta ad eliminare i militanti di Hamas, secondo funzionari statunitensi che hanno familiarità con i colloqui.

I funzionari, ai quali non è stato permesso di commentare pubblicamente e hanno chiesto l’anonimato per parlare di questo delicato scambio, hanno affermato che il piano dettagliato dagli israeliani non ha cambiato l’opinione dell’amministrazione americana secondo cui procedere con un’operazione a Rafah avrebbe messo un gran numero di persone civili a rischio. in pericolo.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu si era impegnato a condurre un’operazione militare a Rafah Nonostante gli avvertimenti del presidente Joe Biden Altri funzionari occidentali ritengono che ciò ucciderebbe più civili e aggraverebbe una crisi umanitaria già terribile.

L’amministrazione Biden ha affermato che potrebbero esserci conseguenze per Israele se dovesse procedere con l’operazione senza un piano credibile per proteggere i civili.

“In assenza di un piano del genere, non possiamo sostenere un’importante operazione militare a Rafah perché il danno che farebbe va oltre ciò che è accettabile”, ha detto venerdì scorso il segretario di Stato americano Antony Blinken al Forum di Sedona, un evento ospitato in Arizona. da Amnesty International. Istituto McCain.

Circa 1,5 milioni di palestinesi si sono rifugiati nella città meridionale di Gaza, dove l’area è stata devastata dalla guerra iniziata il 7 ottobre dopo che i militanti di Hamas hanno attaccato Israele, uccidendo 1.200 persone e prendendo circa 250 in ostaggi.

L’agenzia per gli aiuti umanitari delle Nazioni Unite ha affermato venerdì che centinaia di migliaia di persone sarebbero “a rischio di morte imminente” se Israele andasse avanti con l’attacco di Rafah. La città di confine è un importante punto di ingresso per gli aiuti umanitari ed è piena di palestinesi sfollati, molti dei quali risiedono in campi densamente popolati.

READ  Droni russi attaccano Kiev e Odessa poche ore prima del vertice Nato

I funzionari hanno aggiunto che il piano di evacuazione condiviso dagli israeliani sulla questione non era ancora stato finalizzato e le due parti hanno concordato di continuare a discutere la questione.

L’addetta stampa della Casa Bianca, Karine Jean-Pierre, ha detto venerdì ai giornalisti che gli israeliani non hanno rivelato alla Casa Bianca un piano “globale” per una possibile operazione a Rafah. Tuttavia, il processo è stato discusso durante le recenti chiamate tra Biden e Netanyahu, nonché durante le recenti conversazioni virtuali con alti funzionari della sicurezza nazionale israeliani e americani.

“Vogliamo essere sicuri che questi colloqui continuino perché è importante proteggere le vite dei palestinesi, quelle vite innocenti”, ha detto Jean-Pierre.

La rivelazione che Israele continua ad attuare l’operazione Rafah è arrivata venerdì con l’arrivo del direttore della CIA William Burns in Egitto, dove i negoziatori stanno cercando di raggiungere un accordo. Accordo di cessate il fuoco tra Israele e Hamas.

Hamas sta studiando l’ultima proposta di cessate il fuoco e rilascio degli ostaggi avanzata dai mediatori americani, egiziani e del Qatar che cercano di evitare il processo di Rafah.

Hanno pubblicamente esercitato pressioni su Hamas affinché accettasse i termini dell’accordo che porterebbe ad un cessate il fuoco prolungato e allo scambio degli ostaggi israeliani catturati il ​​7 ottobre e dei prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane.

Hamas ha detto che invierà una delegazione al Cairo nei prossimi giorni per discutere ulteriormente dell’offerta, ma non ha specificato quando.

Israele e i suoi alleati hanno cercato di aumentare la pressione su Hamas riguardo ai negoziati sugli ostaggi. Segnalare che Israele continua ad andare avanti con la pianificazione dell’operazione Rafah potrebbe servire come tattica per spingere i militanti a concludere l’accordo.

READ  La principessa Kate è stata vista in pubblico per la prima volta dopo un intervento chirurgico addominale

Netanyahu aveva detto all’inizio di questa settimana che le forze israeliane sarebbero entrate a Rafah, che secondo Israele è l’ultima roccaforte di Hamas. Indipendentemente dal fatto che si raggiunga o meno un accordo di tregua in cambio degli ostaggi. Le sue dichiarazioni sembrano mirate a compiacere i suoi partner di governo nazionali, e non è chiaro se avrebbero avuto qualche impatto su un eventuale accordo raggiunto con Hamas.

Blinken ha visitato la regione, compreso Israele, questa settimana e ha definito l’ultima proposta “estremamente generosa” e ha affermato che “il momento di agire è adesso”.

Venerdì in Arizona, Blinken ha ripetuto i suoi commenti fatti all’inizio di questa settimana secondo cui “l’unica cosa che si frappone tra il popolo di Gaza e un cessate il fuoco è Hamas”.