Maggio 25, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Aiuti a Israele e Hamas: la nuova rotta marittima per gli aiuti a Gaza è sulla strada giusta

Aiuti a Israele e Hamas: la nuova rotta marittima per gli aiuti a Gaza è sulla strada giusta

WASHINGTON (AP) – Un alto funzionario delle Nazioni Unite ha detto venerdì che il nord della Striscia di Gaza, duramente colpito, è ora in “carestia totale” dopo più di sei mesi di bombardamenti. La guerra tra Israele e Hamas e rigide restrizioni israeliane sulla consegna di cibo nei territori palestinesi.

Cindy McCain, direttrice americana del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, è diventata finora la più importante funzionaria internazionale a dichiarare che i civili intrappolati nella parte più isolata di Gaza erano sull’orlo della carestia.

“È terrificante”, ha detto McCain a “Meet the Press” della NBC in un’intervista trasmessa domenica. “C’è una carestia – una carestia totale – al nord, e si sta spostando verso sud”.

Ha affermato che per far fronte alla crescente catastrofe umanitaria a Gaza, abitata da 2,3 milioni di persone, è necessario un cessate il fuoco e un aumento del flusso di aiuti via terra e via mare.

Non c’è stato alcun commento immediato da parte di Israele, che controlla l’accesso a Gaza e afferma di aver iniziato a consentire più cibo e altri aiuti umanitari attraverso i valichi di terra.

Il comitato, che funge da osservatore riconosciuto a livello internazionale delle crisi alimentari, ha affermato all’inizio di quest’anno che il nord di Gaza era sull’orlo della carestia e probabilmente la dovrà affrontare questo mese. Il prossimo aggiornamento non arriverà prima di quest’estate.

Un funzionario umanitario dell’USAID a Gaza ha dichiarato all’Associated Press che i preparativi sul campo per una nuova rotta marittima guidata dagli Stati Uniti sono in corso per portare più cibo – comprese le cure per centinaia di migliaia di bambini che soffrono la fame – entro l’inizio o la metà di gennaio . Questo è il momento in cui l’esercito americano prevede di completare la costruzione Pontile galleggiante Per ricevere le spedizioni.

Il funzionario dell’USAID ha affermato che l’aumento delle consegne di aiuti sulla rotta marittima pianificata e sostenuta dagli Stati Uniti sarà graduale poiché i gruppi umanitari testeranno le modalità di distribuzione e di sicurezza per gli operatori umanitari.

READ  Il luogo del massacro del festival musicale israeliano porta i resti scioccanti del terribile attacco

Il funzionario ha parlato in condizione di anonimato per motivi di sicurezza riguardo al lavoro svolto nella zona del conflitto. Questi sono stati alcuni dei primi commenti dell’agenzia sullo stato dei preparativi per l’amministrazione Biden Progetto del molo di Gaza del valore di 320 milioni di dollariL’USAID aiuta a coordinare la sicurezza e la distribuzione sul terreno.

Venerdì, in una fabbrica nella Georgia rurale, l’amministratore dell’USAID Samantha Power ha sottolineato la crisi alimentare a Gaza e in altre parti del mondo annunciando un investimento di 200 milioni di dollari volto ad aumentare la produzione di pasta alimentare di emergenza per i bambini affamati di età inferiore ai 5 anni. .

Il potere ha parlato agli operai, ai coltivatori di arachidi e ai dignitari locali seduti tra pallet di pasta presso l’organizzazione no-profit Mana a Fitzgerald. È uno dei due produttori negli Stati Uniti che producono questo alimento nutrizionale, che viene utilizzato in contesti clinici, ed è composto da arachidi macinate, latte in polvere, zucchero e olio, ed è pronto da mangiare in sacchetti di plastica che assomigliano a grandi contenitori di ketchup. .

“Questo sforzo e questa visione soddisfano il momento”, ha detto Power. “Non potrebbe essere più tempestivo, più necessario o più importante”.

Sotto la pressione degli Stati Uniti e di altri, nelle ultime settimane i funzionari israeliani hanno iniziato a riaprire lentamente alcuni valichi di frontiera per le spedizioni di aiuti umanitari.

Ma gli aiuti che arrivano via mare, una volta operativi, serviranno solo una piccola parte – mezzo milione di persone – di coloro che hanno bisogno di aiuto a Gaza. Le organizzazioni umanitarie, inclusa l’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale, sottolineano che ottenere maggiori aiuti attraverso i valichi di frontiera è essenziale per evitare la carestia.

I bambini sotto i cinque anni sono tra i primi a morire quando guerre, siccità o altri disastri riducono l’approvvigionamento alimentare. Funzionari dell’ospedale di North Gaza Ha riferito della sua prima morte dovuta alla fame all’inizio di marzo e ha affermato che la maggior parte dei morti erano bambini.

READ  Mariupol corridoi di evacuazione “nelle mani degli occupanti” mentre il sindaco chiede a tutti di andarsene

Power ha affermato che le Nazioni Unite hanno richiesto 400 tonnellate di pasta “alla luce della grave fame che si diffonde attualmente in tutta Gaza e della grave e acuta crisi umanitaria”. Ha aggiunto che l’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale prevede di fornire un quarto di questa somma.

A livello globale, nello stabilimento della Georgia, il trattamento eseguito lì “salverà innumerevoli vite, milioni di vite”, ha affermato.

L’USAID si sta coordinando con il Programma alimentare mondiale, altri partner umanitari e governi su questo argomento Sicurezza e distribuzione per il progetto portualeMentre le forze militari americane finiscono di costruirlo. Il presidente Joe Biden, che è sotto pressione affinché faccia di più per alleviare la catastrofe umanitaria a Gaza mentre gli Stati Uniti forniscono sostegno militare a Israele, ha annunciato il progetto all’inizio di marzo.

Il comando centrale degli Stati Uniti ha dichiarato venerdì in una dichiarazione che l’assemblea navale del bacino galleggiante è stata temporaneamente interrotta a causa dei forti venti e delle onde del mare, che causano condizioni non sicure per i soldati. Il molo parzialmente costruito e le navi militari partecipanti si sono diretti al porto israeliano di Ashdod, dove proseguiranno i lavori.

Un funzionario statunitense ha affermato che l’alto mare ritarderà l’installazione di diversi giorni, forse fino alla prossima settimana. Il funzionario, che ha parlato in condizione di anonimato per discutere i dettagli dell’operazione, ha detto che la pausa potrebbe durare più a lungo se il maltempo persiste perché il personale militare e i subacquei dovranno scendere in acqua per l’installazione finale.

Le difficoltà incontrate questa settimana durante la consegna degli aiuti iniziali attraverso il corridoio terrestre recentemente riaperto verso il nord di Gaza hanno evidenziato l’incertezza sulla sicurezza e il pericolo che ancora affrontano gli operatori umanitari. I coloni israeliani hanno intercettato il convoglio prima che attraversasse mercoledì. Una volta entrato a Gaza, il convoglio è stato sequestrato dai combattenti di Hamas, prima che i funzionari delle Nazioni Unite lo riprendessero.

READ  Putin chiede la revisione dell'accordo sul grano con l'Ucraina, accusa l'Occidente di inganno

A Gaza c’è urgente bisogno di cure nutrizionali per i bambini che soffrono la fame nella parte settentrionale dei territori palestinesi. I civili sono stati tagliati fuori dalla maggior parte degli aiuti umanitari, bombardati dagli attacchi aerei israeliani e costretti a nascondersi a causa dei combattimenti.

Il funzionario dell’USAID ha affermato che i tassi di malnutrizione acuta tra i bambini sotto i cinque anni sono aumentati dall’1% prima della guerra al 30% cinque mesi dopo. Il funzionario ha descritto questo come l’aumento più rapido del tasso di fame nella storia moderna, più di quanto accaduto nei gravi conflitti e nella carenza di cibo in Somalia o nel Sud Sudan.

Il funzionario ha detto che una delle poche strutture mediche ancora funzionanti nel nord di Gaza, l’ospedale Kamal Adwan, è assediata da genitori che portano migliaia di bambini malnutriti per cure. I funzionari umanitari ritengono che molti bambini che soffrono la fame rimangano invisibili e bisognosi, con le famiglie che non sono in grado di farli superare i combattimenti e i checkpoint per accedere alle cure.

Il funzionario ha affermato che salvare i bambini che soffrono di malnutrizione acuta, in particolare, richiede un aumento significativo delle consegne di aiuti e una pausa prolungata nei combattimenti, in modo che gli operatori umanitari possano creare strutture di trattamento in tutta la regione e le famiglie possano portare in sicurezza i bambini per ricevere le cure in corso. necessario.

___

Bynum ha riferito da Fitzgerald, Georgia. Gli scrittori dell’Associated Press Lolita C. Baldur a Washington e Edith M. Lederer alle Nazioni Unite.