Luglio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’Arabia Saudita afferma che quest’anno durante l’Hajj sono morte 1.301 persone

L’Arabia Saudita afferma che quest’anno durante l’Hajj sono morte 1.301 persone



CNN

L’Arabia Saudita ha dichiarato domenica che più di 1.300 persone sono morte durante la stagione dell’Hajj quest’anno – con “molti casi” dovuti a colpi di calore e viaggi “non autorizzati” che rappresentano più di quattro decessi su cinque.

“Il sistema sanitario ha trattato molti casi di stress da calore quest’anno e alcune persone sono ancora in cura. Sfortunatamente, il numero di morti ha raggiunto 1.301”, ha affermato il governo saudita in una nota pubblicando i suoi primi dati ufficiali.

La dichiarazione afferma che l’83% di coloro che sono morti erano “non autorizzati a eseguire l’Hajj” e “hanno camminato per lunghe distanze sotto la luce solare diretta, senza un adeguato riparo o riposo”. Ha aggiunto che tra i deceduti c’erano “molti anziani e persone con malattie croniche”, aggiungendo che le famiglie di tutti i morti sono state ora identificate.

Il caldo estremo è stato identificato come uno dei fattori principali dietro centinaia di morti e feriti segnalati quest’anno durante la stagione dell’Hajj. Lunedì la Mecca, la città santa considerata un centro nevralgico per i pellegrini, ha visto le temperature salire al livello record di 125 gradi Fahrenheit. Varie autorità hanno anche affermato che i problemi sono esacerbati dal numero di viaggi Hajj non ufficiali.

L’Arabia Saudita richiede che ogni pellegrino ottenga una delle 1,8 milioni di licenze disponibili per accedere legalmente alla Mecca. Queste licenze possono costare diverse migliaia di dollari USA. I pellegrini senza licenza di solito non viaggiano in autobus turistici organizzati con aria condizionata o facile accesso a scorte di acqua e cibo.

Il governo saudita sembra inoltre suggerire che la natura non autorizzata di molti voli sia stata un fattore determinante nel tempo necessario per emettere un bilancio ufficiale delle vittime, poiché ciò avrebbe complicato il processo di identificazione.

READ  Il Sudafrica respinge le accuse statunitensi di spedizione di armi alla Russia

“L’identificazione è stata completata, nonostante l’iniziale mancanza di informazioni personali o documenti di identificazione, sono state seguite le procedure adeguate per l’identificazione, la sepoltura e l’onore del defunto con la presentazione dei certificati di morte”, si legge nella nota.

Alcuni pellegrini hanno espresso il loro rammarico per la scarsa infrastruttura e organizzazione della stagione dell’Hajj di quest’anno. Anche i pellegrini in viaggio ufficiale trascorrono gran parte della giornata camminando all’aperto sotto il caldo torrido.

Alcuni Lo hanno riferito testimoni alla CNN Come hanno visto i fedeli perdere conoscenza e passare davanti a corpi coperti da un telo bianco.

AFP/Getty Images

I pellegrini musulmani eseguono il Tawaf d’addio, o “tawaf”, facendo sette volte il giro della Kaaba, il santuario più sacro dell’Islam, nella Grande Moschea della città santa della Mecca.

L’annuncio arriva contemporaneamente dal Regno dell’Arabia Saudita governo egiziano Si è impegnato ad annullare 16 licenze Turismo Hajj Aziende coinvolte nell’Hajj illegale alla Mecca che deferiscono i dirigenti delle aziende alla pubblica accusa nel timore che tra le vittime ci siano centinaia di egiziani.

La decisione egiziana è stata presa sabato in una riunione di gabinetto dopo che un rapporto ha evidenziato la natura discutibile del modo in cui operano alcune compagnie turistiche.

Il numero ufficiale degli egiziani è 31, ma l’agenzia di stampa Reuters e altri media hanno riferito che durante l’Hajj sono morti tra i 500 ei 600 egiziani.

Il rapporto, esaminato dal Gabinetto, afferma che ad alcuni operatori non sono stati rilasciati visti validi, quindi i loro titolari non hanno potuto entrare nella città santa della Mecca, e sono stati invece costretti ad entrare “attraverso i passi del deserto a piedi”. Alcune aziende sono state accusate anche di non aver fornito alloggi adeguati, lasciando i turisti esposti al caldo.

READ  Forte terremoto colpisce il Pakistan e l'Afghanistan

Durante l’incontro, il primo ministro egiziano Mostafa Madbouly ha espresso le sue “sincera condoglianze e vicinanza” alle famiglie dei pellegrini deceduti, impegnandosi a fornire loro il sostegno necessario.

I permessi per l’Hajj vengono assegnati ai paesi secondo un sistema di quote e l’Arabia Saudita richiede a ciascun pellegrino di ottenere uno degli 1,8 milioni di permessi disponibili per accedere legalmente alla Mecca.

Ma poiché il costo di un permesso di questo tipo ammonta a diverse migliaia di dollari, molti pellegrini tentano di raggiungere il sito illegalmente e di solito non viaggiano in autobus turistici organizzati e climatizzati né hanno un facile accesso ad acqua e cibo.

L’Hajj è cronometrato secondo il calendario lunare islamico, che quest’anno è caduto durante le temperature torride in Arabia Saudita. Quest’anno i pellegrini hanno compiuto il viaggio con temperature estreme che hanno raggiunto i 49 gradi Celsius (120 gradi Fahrenheit).

Ahmed, un indonesiano di 44 anni, ha detto alla CNN di aver visto molte persone ammalarsi e persino morire a causa del caldo.

“Per tutto il percorso verso casa, ho visto molti pellegrini morti, circa ogni poche centinaia di metri, c’era un cadavere che giaceva coperto da una coperta”. [white fabric] tessuto.”

“Ogni volta che l’acqua viene distribuita dalla gente del posto o da alcuni gruppi, viene immediatamente inondata di pellegrini”, ha aggiunto, affermando di non aver visto un solo operatore sanitario o un’ambulanza lungo il percorso.

Come parte dell’Hajj, i credenti eseguono una serie di rituali dentro e intorno alla città santa della Mecca, spesso inclusa la camminata quotidiana per lunghe ore a temperature torride.

Il numero esatto di decessi rispetto al numero totale di decessi nella stagione dell’Hajj di quest’anno potrebbe continuare ad aumentare, poiché i governi sono a conoscenza solo dei pellegrini che si sono registrati e si sono recati alla Mecca come parte della quota del loro Paese.

READ  L'inferno della guerra di Volodymyr Zelenskyj a Davos