Aprile 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Decine di migranti si sono ammassati alla barriera di confine di Melilla

Decine di migranti si sono ammassati alla barriera di confine di Melilla

I migranti africani si siedono in cima a una recinzione di confine mentre cercano di attraversare dal Marocco nell’enclave spagnola di Melilla in Nord Africa, il 21 novembre 2015. REUTERS/GESU’ Blasco de Avellaneda/File Photo

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

RABAT/MADRID (Reuters) – Decine di migranti sdraiati vicino a una recinzione di confine marocchina, alcuni sanguinanti, molti apparentemente senza vita, sono stati fotografati in un video che mostra le conseguenze di un tentativo di attraversamento di massa in un’enclave spagnola venerdì che ha visto la partecipazione di almeno 23 persone . Morire.

Le autorità marocchine hanno affermato che il disastro si è verificato dopo che i migranti hanno tentato di sfondare la recinzione nell’enclave di Melilla, con alcuni morti in un naufragio dopo quella che le autorità hanno descritto come una fuga precipitosa, e altri sono caduti mentre si arrampicavano. Leggi di più

Il capo dell’Associazione marocchina per i diritti umani, Omar Naji, ha affermato che i suoi membri e simpatizzanti hanno filmato il nastro, che mostrava un gran numero di persone gravemente ferite, con le forze di sicurezza marocchine in piedi sopra di loro.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Ha detto che i migranti hanno riportato ferite lievi per ore senza cure mediche, portando a un alto numero di vittime.

Circa 2.000 migranti hanno cercato di raggiungere il territorio spagnolo prendendo d’assalto la recinzione dell’enclave prima di combattere per due ore le guardie di frontiera e circa 100 di loro hanno attraversato il confine.

Il Marocco ha affermato che 23 migranti sono morti e dozzine sono rimaste ferite, ma l’Associazione marocchina per i diritti umani ha fissato il bilancio delle vittime a 29, citando funzionari sanitari locali senza nome. La Reuters non ha potuto parlare con nessuno dei migranti che hanno cercato di attraversare.

READ  L'Australia evacua la sua ambasciata a Kiev, invita la Cina a parlare a nome dell'Ucraina

Il transito di massa è stato il primo tentativo dal Marocco a una delle due enclavi spagnole in Nord Africa da quando Rabat e Madrid hanno concordato quest’anno di rafforzare la cooperazione nel controllo delle frontiere.

L’accordo, che ha posto fine a mesi di gelide relazioni, è arrivato dopo che la Spagna ha appoggiato la posizione del Marocco sul Sahara occidentale, una regione contesa a cui Rabat dice appartenere ma un movimento per l’indipendenza sta combattendo per uno stato separato.

Il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez ha definito il raid un “attacco all’integrità territoriale del nostro paese” e ha accusato i trafficanti di esseri umani. Feriti anche decine di uomini della sicurezza marocchini e spagnoli.

Tuttavia, il presidente regionale di Melilla Eduardo de Castro ha affermato che le foto sono difficili da spiegare e ha accusato le forze di sicurezza marocchine di una risposta sproporzionata.

Un funzionario marocchino ha affermato che il personale di sicurezza non ha usato una forza eccessiva.

Bastoni, coltelli e acido

Uno dei video dell’Associazione marocchina per i diritti umani mostrava dozzine di migranti africani rannicchiati insieme, molti immobili e pochi che si muovevano debolmente mentre ufficiali marocchini in tenuta antisommossa guardavano.

La stessa clip mostrava le forze di sicurezza che facevano entrare i migranti storditi e sanguinanti davanti a quelli sdraiati a terra. Un altro agente di sicurezza marocchino lo ha mostrato mentre picchiava una persona sdraiata.

L’incidente di venerdì è avvenuto pochi giorni dopo l’intensificarsi delle tensioni nell’area intorno a Melilla, secondo Ousmane Ba, un immigrato senegalese nella vicina Nador che gestisce un gruppo comunitario per aiutare altri migranti.

Ba, che non è stato né coinvolto né testimone dell’incidente di venerdì, ha detto che i migranti che vivono nelle vicinanze si sono scontrati più volte con le forze di sicurezza marocchine mentre tentavano di attraversare la recinzione di confine all’inizio di questa settimana.

READ  L'ex capo delle comunicazioni dell'AIIB ha detto che gli è stato consigliato di fuggire dalla Cina dopo le dimissioni infuocate

Ha detto che molti di loro vivevano in condizioni difficili nelle vicine campagne ed erano disperati. “Non ho mai visto migranti attaccarlo violentemente con violenza”, ha detto. “Siamo dispiaciuti per i morti vicino al recinto”.

Una fonte della polizia spagnola ha affermato che i migranti che hanno preso d’assalto la recinzione hanno usato bastoni, coltelli e acido contro le forze di sicurezza e hanno cambiato tattica per cercare di attraversare da un punto debole visto collettivamente, piuttosto che in tentativi separati lungo la recinzione.

Le immagini pubblicate su Twitter dal sindacato della Guardia Civile spagnola – che Reuters non ha potuto verificare – mostravano un folto gruppo di giovani migranti che si riversava nelle strade vicino al confine.

Alcuni sembravano portare bastoni e sparare proiettili mentre sbuffi di fumo si diffondevano nell’aria intorno a loro.

Il filmato pubblicato sulla pagina Facebook di Segnan Live, una stazione televisiva locale, mostrava migranti che lottavano in una piccola sezione della recinzione di confine in un grande gruppo mentre le sirene suonavano nelle vicinanze e granate lacrimogene emettevano pennacchi di fumo.

Un’immagine delle rovine pubblicata da AMDH ha mostrato una grande concentrazione di persone sdraiate in quello che sembrava essere un cancello di confine, in un angolo chiuso dove si incontrano due alte recinzioni di ferro, con le ambulanze parcheggiate nelle vicinanze.

L’Associazione marocchina per i diritti umani e i gruppi spagnoli per i diritti umani hanno rilasciato una dichiarazione chiedendo indagini ufficiali sul disastro e che i morti non vengano seppelliti fino a dopo.

“Questo è l’incidente più grave (al confine tra Spagna e Marocco) dal 2014, quando 15 persone sono state uccise”, ha affermato Esteban Beltran, direttore di Amnesty International per la Spagna.

(Segnalazione) Ahmad Al-Jashtimi, Graham Kelly, Aislin Laing e Belen Carino; Scritto da Angus McDowell; Montaggio di John Stonestreet e David Clarke

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.