Febbraio 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I parlamentari francesi approvano le controverse riforme sull’immigrazione

I parlamentari francesi approvano le controverse riforme sull’immigrazione

Commenta la foto,

La leader di estrema destra Marine Le Pen ha affermato che la riforma rappresenta una “vittoria ideologica” per il suo partito

Il Parlamento francese ha approvato una legge che inasprisce la politica francese sull’immigrazione.

Il disegno di legge modificato è stato sostenuto sia dal partito centrista Ennahda, guidato dal presidente Emmanuel Macron, sia dal partito di estrema destra Raggruppamento Nazionale, guidato da Marine Le Pen.

Il voto ha diviso il partito di Macron e il ministro della Sanità Aurelien Rousseau si è dimesso per protesta.

I leader di un terzo delle regioni francesi hanno affermato che non aderiranno ad alcune misure previste dalla legge.

Il Parlamento ha respinto una bozza precedente la settimana scorsa, quando il partito Raggruppamento Nazionale e la sinistra hanno votato contro. In risposta, il governo ha riscritto il disegno di legge, rendendone alcune disposizioni più rigorose.

La nuova legislazione rende difficile per gli immigrati portare i propri familiari in Francia e ritarda il loro accesso alle prestazioni sociali.

È inoltre vietato detenere minori nei centri di detenzione.

Una disposizione controversa distingue tra cittadini e immigrati, anche quelli che vivono legalmente nel paese, nel determinare l’ammissibilità ai benefici.

La versione più severa è piaciuta ai partiti di destra, che lunedì l’hanno sostenuta.

Le Pen ha accolto con favore la modifica del disegno di legge e l’ha definita una “vittoria ideologica” per l’estrema destra.

“Questo è il nostro disegno di legge”, ha detto Eric Ciotti, leader del Partito repubblicano di destra. L’ha descritta come “risoluta e coraggiosa”.

Ma la sinistra sostiene che Macron sta lavorando per dare potere all’estrema destra. Il leader del Partito socialista Olivier Faure ha affermato: “La storia ricorderà coloro che hanno tradito le loro convinzioni”.

Trentadue dei 101 dipartimenti francesi, tra cui Parigi, hanno dichiarato che si rifiuteranno di attuare le disposizioni della legge sui benefici per i non cittadini.

Il voto francese è arrivato poche ore prima che l’Unione Europea accettasse di riformare il sistema di asilo nei 27 Stati membri dell’Unione.

Il nuovo accordo, approvato dai governi dell’Unione Europea e dai membri del Parlamento Europeo, prevede la creazione di centri di detenzione alle frontiere e la possibilità di una rapida deportazione dei richiedenti asilo respinti.

Il nuovo sistema, che la presidente del Parlamento Roberta Mizzola ha salutato come un accordo storico, consente ai richiedenti asilo provenienti dagli Stati membri del sud, che hanno il maggior numero di arrivi, di essere trasferiti in altri paesi.

Occorre ancora ottenere l’approvazione formale da parte del Parlamento e degli Stati membri.

La nuova legislazione francese ha rivelato divisioni all’interno della coalizione di governo. 27 deputati hanno votato contro la decisione, mentre 32 si sono astenuti, ovvero quasi un quarto dei deputati che hanno sostenuto Macron.

Il ministro della sanità Aurelien Rousseau, che in gioventù era membro del partito comunista, si è dimesso per protestare contro la legge sull’immigrazione.

“Alcune misure del disegno di legge mi mettono molto a disagio”, ha affermato Yael Braun-Bivett, portavoce della camera bassa del parlamento e membro del partito di Macron.

Il disegno di legge avrebbe potuto essere approvato se il partito di Le Pen si fosse astenuto dal voto, ma non se avesse votato contro. Il governo ha indicato l’entità della sua maggioranza per confermare che questa non dipende dai voti dell’Assemblea nazionale.

Intervenendo dopo il voto, il Primo Ministro ha convenuto che alcune misure della legge potrebbero non essere costituzionali.

“Chiederemo al Consiglio costituzionale”, ha detto alla radio francese, riferendosi alla Corte suprema, che rispetta i principi della Costituzione.

Gruppi per i diritti umani hanno denunciato la nuova riforma come la legge sull’immigrazione più regressiva degli ultimi decenni.

Il partito di Macron ha perso la maggioranza in parlamento alle elezioni del giugno 2022. Da allora, il governo si è spesso trovato incapace di ottenere voti in parlamento.++

READ  Una forte pioggia uccide 56 persone nel nord-est del Brasile