Aprile 17, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Macron salva la legge sull’immigrazione con un voto parlamentare decisivo

Macron salva la legge sull’immigrazione con un voto parlamentare decisivo

Apri Editor’s Digest gratuitamente

Martedì il presidente francese Emmanuel Macron ha salvato le sue riforme sull’immigrazione in parlamento rendendole più severe nei confronti degli stranieri, ma ha rischiato una crisi nel suo governo quando la legge è stata approvata con il sostegno della leader di estrema destra Marine Le Pen.

Il voto parlamentare di tarda notte ha coronato 10 giorni drammatici durante i quali il governo ha perso il controllo dei suoi piani di immigrazione promessi da tempo e ha inasprito la legge per ottenere i voti dei legislatori conservatori.

È stato l’ultimo segnale che Macron non è più in grado di imporre leggi ora che la sua coalizione centrista non ha più la maggioranza parlamentare, e aumenterà le preoccupazioni sulla sua capacità di governare.

Diversi ministri di sinistra hanno minacciato di dimettersi dal governo a causa delle riforme sull’immigrazione, e quasi un quarto dei 251 parlamentari della coalizione di Macron hanno votato contro i piani o si sono astenuti.

L’Assemblea nazionale, la camera bassa del parlamento, ha approvato la legge con 349 voti favorevoli e 186 contrari. Anche il Senato ha approvato la riforma.

Il ministro dell’Interno Gérald Darmanin ha elogiato il risultato come un buon compromesso “nell’interesse dei francesi” su una questione di importanza nazionale.

Ma i legislatori centristi e di sinistra hanno condannato l’accordo come una capitolazione alle idee xenofobe di estrema destra.

Un gruppo di ONG ha descritto la legge come “la più reazionaria degli ultimi 40 anni sui diritti degli stranieri”, mentre i sindacati l’hanno definita un “tappeto rosso” per Le Pen.

READ  Almeno 17 morti, 50 feriti mentre il treno iraniano deraglia

Il governo Macron, sotto la pressione del nascente partito di estrema destra di Le Pen e di fronte all’indurimento dell’opinione pubblica nei confronti dell’immigrazione, ha inizialmente descritto la sua riforma come una riforma “equilibrata” che avrebbe risolto problemi di vecchia data.

Ha proposto un progetto di legge che renderebbe più restrittivi alcuni aspetti del sistema francese nella gestione dei richiedenti asilo e renderebbe più semplice l’espulsione delle persone che si trovano illegalmente nel paese. Ma includeva anche una procedura favorevole alle imprese per la concessione di permessi di lavoro a persone prive di documenti che lavorano in settori con carenza di manodopera.

Questa riforma è un esempio delle riforme di Macron Allo stesso tempo (E allo stesso tempo) il suo approccio alla formulazione delle politiche, un riflesso di come il suo governo ha abbracciato a lungo idee e reclutato politici sia di sinistra che di destra.

Ma i piani di immigrazione hanno suscitato l’opposizione di tutto il parlamento e, nel tentativo di salvare la riforma, il governo ha inasprito le sue proposte per cercare di assicurarsi i voti di cui ha bisogno nell’Assemblea nazionale.

Martedì pomeriggio, Le Pen ha invertito la rotta e ha ordinato ai suoi 88 legislatori di sostenere la versione più dura della legge nonostante pochi giorni prima avesse affermato che era troppo indulgente.

La sua mossa ha messo il governo sulla difensiva quando ha raggiunto un compromesso in una commissione parlamentare trasversale dopo i negoziati con il partito conservatore repubblicano.

“Se andremo al potere, andremo oltre e agiremo in modo più efficace, ma questa legge è sulla strada giusta”, ha detto Le Pen. “C’è stata una vittoria indiscutibile per le nostre idee”.

READ  Zelensky ha detto che le forze russe hanno iniziato la battaglia del Donbass

Il suo cambiamento ha aumentato la pressione sui parlamentari della coalizione centrista di Macron, alcuni dei quali hanno convinzioni di sinistra e sono restii a votare per il partito Raggruppamento Nazionale di Le Pen.

Tre membri del governo, il ministro della Sanità Aurélien Rousseau, il ministro dell’Istruzione superiore Sylvie Retilio e il ministro dell’Edilizia Patrice Verguerite, hanno detto al primo ministro Elisabeth Borne che stavano valutando le dimissioni.

La versione finale della legge mantiene una proposta annacquata per consentire ai lavoratori privi di documenti di richiedere permessi di lavoro se lavorano in settori come la sanità o l’edilizia che soffrono di carenza di manodopera.

Ma i legislatori di destra hanno anche aggiunto nuove disposizioni non proposte dal governo Macron, come le quote annuali di migranti e l’obbligo per gli stranieri di rimanere in Francia fino a cinque anni prima di poter beneficiare di programmi anti-povertà come i sussidi per l’edilizia abitativa.

Ha inoltre reso più difficile per gli immigrati portare i propri familiari in Francia e ha posto fine a un sistema che concedeva automaticamente la cittadinanza alle persone nate in Francia da genitori immigrati.

La lotta di Macron sull’immigrazione avrà conseguenze di vasta portata, ha affermato Mathieu Gallard, analista del sondaggista Ipsos.

Ha aggiunto: “Questo ci dimostra che il Partito del Raduno Nazionale è chiaramente in una posizione di forza”. Ha creato ribelli all’interno del gruppo stesso di Macron, quindi lascerà cicatrici. “La sua posizione è stata indebolita.”