Febbraio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I due sono stati accusati di aver acquistato illegalmente tecnologia americana per l’esercito iraniano

I due sono stati accusati di aver acquistato illegalmente tecnologia americana per l’esercito iraniano

Sul caso hanno lavorato le indagini della Homeland Security.

Secondo i documenti giudiziari resi pubblici dal Dipartimento di Giustizia, due uomini sono stati accusati di aver acquistato illegalmente tecnologia americana per il programma droni del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica.

Secondo i documenti del tribunale, il cittadino iraniano Hossein Hatfi Ardakani e il coimputato Gary Lam, che risiedevano in Cina e Hong Kong, sono stati accusati presso il tribunale federale di Washington, DC, di aver acquistato microelettronica per il programma del Corpo delle Guardie rivoluzionarie iraniane dal 2014 al 2015.

Il Dipartimento di Giustizia ha affermato che Ardakani e i suoi cospiratori hanno utilizzato “una rete di società straniere per realizzare sforzi di ostruzione ed evasione”. Non è chiaro quanti cospiratori sarebbero coinvolti.

In un caso, secondo le accuse, Ardakani e Lam hanno indotto una società francese ad acquistare inavvertitamente diversi convertitori analogico-digitali da una società americana con applicazioni nelle comunicazioni wireless e a banda larga, sottosistemi radar e satellitari, multiportanti e telefoni cellulari. Multimedialità. Ricevitori, posizionamento di array di antenne e immagini a infrarossi.” La tecnologia è stata spedita a Hong Kong e poi “riesportata in Iran”, secondo i documenti del tribunale.

Il Dipartimento di Giustizia ha affermato che il caso è stato indagato principalmente dalla Homeland Security Investigations.

“Ardakani e i suoi cospiratori hanno messo insieme una sofisticata rete di società di copertura per nascondere l’acquisizione illecita di tecnologia statunitense e straniera per l’acquisto di componenti letali di droni”, ha affermato l’agente speciale responsabile Michael J. Kroll delle indagini sulla sicurezza nazionale del New England. . “Questi stessi componenti sono stati trovati utilizzati dagli alleati dell’Iran nei conflitti attuali, incluso in Ucraina. L’interruzione di queste reti criminali da parte delle indagini sulla sicurezza nazionale significa che centinaia di migliaia di componenti critici dei droni non verranno mai più utilizzati.”

READ  La Corea del Nord blocca la capitale per una "malattia respiratoria"

I due uomini sono accusati di aver cospirato per esportare merci americane in Iran e frodare gli Stati Uniti, un’accusa che prevede una pena massima di cinque anni di prigione. Sono inoltre accusati di esportazione illegale e tentata esportazione di merci in Iran, nonché di associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio di denaro internazionale. Ognuna di queste accuse comporta una pena massima di 20 anni di carcere.

In un annuncio separato, il Dipartimento di Giustizia ha affermato che i funzionari hanno sequestrato più di 800.000 dollari da società collegate al programma aereo della Guardia rivoluzionaria iraniana, senza nome, e il Dipartimento del Tesoro ha annunciato che Ardakani era soggetto a sanzioni da parte dell’Ufficio di controllo dei beni esteri del dipartimento.

I due uomini non sono stati immediatamente raggiungibili.