Maggio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Punti salienti dai playoff NBA di venerdì: i Mavericks eliminano i Clippers.  Gioco Magic Power 7

Punti salienti dai playoff NBA di venerdì: i Mavericks eliminano i Clippers. Gioco Magic Power 7

Scritto da Josh Robbins, Joe Vardon, Tim Cato e Lou Murray

Venerdì sera i Dallas Mavericks hanno sconfitto i Los Angeles Clippers 114-101 accedendo alle semifinali della Western Conference.

Luka Doncic ha guidato Dallas nel primo tempo con i suoi assist eccezionali – finendo con 13 assist – mentre la co-protagonista Kyrie Irving ha illuminato l’American Airlines Arena con il suo impressionante gol nel secondo tempo, finendo con 30 punti e cinque triple. .

Nessun titolare dei Clippers ha segnato più di 18 punti e James Harden e Paul George si sono uniti per tirare 11 su 34 dal campo e 2 su 16 su 3 nella partita dei playoff.

Mavericks 114 Clippers 101

Serie: 4-2, Mavericks in vantaggio

Dallas cavalca una difesa d’élite fino al turno successivo

I Mavericks sono diretti alle semifinali di Conference per la seconda volta in tre stagioni. La squadra è arrivata a questo punto con una difesa d’élite, per la quale la squadra ha costantemente costruito il proprio roster e fornendo la parsimonia necessaria per far emergere le sue due stelle. Nella sesta partita di venerdì, Dallas ha concluso la partita mostrando gran parte della difesa anche quando il giocatore in franchising della squadra, Dončić, ha faticato con il suo tiro.

Dončić ha concluso con 28 punti su soli 9 tiri su 26 e 1 su 10 tiri tentati dietro la linea dei tre punti. Ma è per questo che Dallas ha ottenuto due stelle, e Irving ne ha segnate 30, contribuendo a trasformare la vittoria decisiva di Dallas in una vittoria comodamente a portata di mano per l’intero secondo tempo.

Ci sono tre domande riguardanti la prossima serie di Dallas contro gli Oklahoma City Thunder, che inizierà martedì. Innanzitutto, Dallas è diventato più grande da quando ha acquisito Daniel Gafford, che ha fatto il suo debutto con i Mavericks dalla panchina contro i Thunder lo scorso febbraio con 19 punti e nove rimbalzi. Il Rookie Center Dereck Lively II non ha giocato in quella partita, ma entrambi ora formano una formidabile rotazione centrale a due teste, il tipo di dimensione fisica che è stata la principale debolezza dei Thunder per tutta la stagione. Dallas può ottenere un vantaggio con punti di seconda possibilità e rimbalzi offensivi?

In secondo luogo, Oklahoma City ha avuto il maggior numero di palle perse del campionato nella stagione regolare, mentre l’attacco di Dallas è stato il quarto più basso del campionato. Chi vince quella battaglia?

E in terzo luogo, Dončić ha faticato con i tiri per tutta la serie e non è stato un giocatore di livello MVP anche quando ha compensato con un grande sforzo difensivo. Ma sicuramente, ad un certo punto, riuscirà a sferrare qualche colpo contro i Thunder, giusto? — Tim Cato, Mavericks batte lo scrittore

I cambi di formazione prevedevano un disastro per i Clippers

La vittoria dei Clippers in questa serie è arrivata con Amir Coffey titolare al posto di Kawhi Leonard. Con Leonard incapace di giocare bene o del tutto a causa di un’infiammazione al ginocchio destro, il posto da titolare nell’attacco opposto all’All-Star George è stato il jolly nel quintetto iniziale.

READ  I vincitori del Nathan's Hot Dog Eating Contest 2022 sono Joey Chestnut e Mickey Sudou: NPR

Gara 5 è stata una sorta di punto di svolta. Kofi ha faticato inizialmente, segnando solo 3 punti su 6 field goal. L’allenatore dei Clippers Tyronn Lue lo ha eliminato all’inizio del terzo quarto. Più tardi nel terzo trimestre, PJ Tucker ha portato a casa la serie dopo quattro CD DNP.

Tucker è stato probabilmente il giocatore meno efficace con qualsiasi previsione in questa stagione. I Clippers sono stati superati di 1,9 punti a partita con Tucker a terra. Gli unici giocatori con un plus-minus peggiore per i Clippers in questa stagione sono KJ Martin (2 partite giocate), Kobe Brown (rookie), Xavier Moon (contratto a due) e Brandon Boston Jr. (usato raramente). I Clippers erano 11-17 quando Tucker ha giocato questa stagione.

Ma se cambiasse la formazione titolare prima della sesta partita. Non ha rivelato l’identità della squadra che avrebbe giocato prima della partita, ma invece di affidarsi a Norman Powell per aiutare l’attacco o Russell Westbrook per aiutare la difesa e magari far segnare per primi George e Harden, ha scelto Lou Tucker. .

Fu un disastro immediato e prevedibile. La mancanza di atletismo della squadra è stata immediatamente evidente, poiché i Clippers hanno concesso un rimbalzo offensivo dopo l’altro e sono stati uccisi nella battaglia per il possesso palla.

Quando Tucker è uscito per la prima volta, i Clippers erano sotto 20-10 con 4:45 rimasti nel primo quarto. Con Tucker in panchina per il resto del primo tempo, i Clippers sono riusciti a pareggiare la partita a 52 all’intervallo. Powell si è portato in vantaggio per 19-6 negli ultimi 6:11 del secondo quarto.

Ma Tucker era tornato lì per iniziare il secondo tempo. Dallas ha impiegato 108 secondi per costruire un vantaggio di 8-0 all’inizio del terzo quarto, caratterizzato da contropiede veloce e i primi 3 della partita per Dončić, precedentemente inefficace, e Irving, precedentemente invisibile. Tucker non ha lasciato la campo nel terzo quarto fino al 4:25, con i Clippers sotto 74-63 nonostante fossero in parità a metà tempo. Dallas ha superato i Clippers di 21 punti nei minuti di Tucker per tre quarti.

Sfortunatamente per i Clippers, Tucker ha concluso la partita con 8 punti, 2 rimbalzi, 3 palle perse e 5 falli, il peggiore dei quali è stato 4 punti a Irving. I Clippers non hanno giocato abbastanza bene dopo l’intervallo con Tucker dentro o fuori dal campo, ma essere nelle prime buche per iniziare entrambi i tempi ha condannato i Clippers e ha accelerato la fine della stagione. — Lou Murray, i Clippers hanno battuto lo scrittore

serie: 3-3

READ  Piani di rilascio dei Bears per il progetto dello stadio a Chicago

Magic amplifica la loro formazione

Con Gary Harris fuori, l’allenatore di Magic Jamal Mosley ha scelto in Gara 6 per iniziare la stessa formazione di punta che aveva impiegato per terminare Gara 5: Jalen Suggs, Franz Wagner, Jonathan Isaac, Paolo Banchero e Wendell Carter Jr.

Tutti tranne Suggs sono alti almeno 6 piedi e 10.

Perché Mosley ha scelto quel gruppo? Ha messo a terra contemporaneamente i suoi due migliori difensori, Suggs e Isaac. Ha anche mantenuto intatta la solita seconda unità dei Magic composta da Cole Anthony, Markelle Fultz, Joe Ingles, Isaac e Mo Wagner (perché Isaac è stato sostituito a metà del primo quarto e poi è tornato per iniziare il secondo). Ha anche permesso a Mosley di non fare affidamento sul debuttante Anthony Black o sullo swingman del secondo anno Caleb Hostan, che, pur essendo un giovane promettente, non gioca minuti significativi da settimane.

Ci sei riuscito? Forse era un miscuglio. Anche se Orlando ha “vinto” il primo quarto per la prima volta in tutte le serie, superando Cleveland 29-25, la stessa formazione titolare era in campo per aprire il terzo quarto quando Cleveland ha aperto con un parziale di 13-2.

In difesa, la formazione molto alta quasi certamente ha avuto un ruolo nel mantenere i Cavaliers a 7 su 28 tirando da 3 punti. Ma i Cavaliers hanno anche superato i Magic 66-38 punti nell’area.

Mosley ha apportato un grande aggiustamento lungo il quarto quarto, andando con Anthony invece che con Isaac per la stragrande maggioranza delle volte. Anthony, che è stato in svantaggio in questa serie, ha giocato un ruolo importante, afferrando un rimbalzo offensivo e facendo seguito immediatamente ad un layup per estendere il vantaggio di Orlando a 96-91.

La capacità di adattarsi rapidamente è uno dei maggiori punti di forza di Mosley.

Venerdì ha dato i suoi frutti alla grande.

Domenica, in Gara 7, Mosley continuerà sicuramente a fidarsi del suo istinto e ad adattarsi rapidamente se necessario.

Ha portato la sua squadra fin qui.

I Wizards sono a una vittoria dal raggiungere il secondo turno. – Josh Robbins, scrittore senior dell’NBA

La siccità dei Cavaliers nei playoff senza LeBron continua

I Cavaliers non vincono una serie di playoff dal 1993 senza che LeBron James indossi la loro maglia.

Venerdì sera si sono avvicinati e Donovan Mitchell ha fatto la sua migliore impressione su LeBron: 50 punti su 36 tiri in 42 minuti. Sarebbe stata una prestazione decisiva per la carriera di Mitchell, indipendentemente dalla squadra, se Cleveland avesse vinto Gara 6 e quindi la Serie. Il numero di giocatori di cui l’allenatore J.B. Bickerstaff può fidarsi diminuisce a ogni partita che passa, e un accenno di stanchezza sembra avere la meglio sui Cavaliers nei momenti finali: un turnover di Mitchell a 56 secondi dalla fine del timeout, con Cleveland in svantaggio 98-93. UN. Primo esempio. Il fatturato è stato uno degli otto per Cleveland nel quarto trimestre.

READ  È stato rivelato il prezzo elevato che i Blazers hanno chiesto per lo scambio di Damian Lillard

Mitchell e Darius Garland (21 punti in 43 minuti) hanno giocato tutto il quarto quarto e gran parte del secondo tempo. Nel frattempo, Caris LeVert non ha giocato affatto dopo l’intervallo. Questa non è una critica. Bickerstaff aveva una partita da vincere, un vantaggio di cinque punti all’inizio del quarto quarto, e ha scelto giocatori che secondo lui potevano portarlo a casa. Mitchell ha segnato tutti i 18 punti dei Cavaliers nel frame finale.

Vai più in profondità

Donovan Mitchell, nonostante la sconfitta, guida i Cavaliers verso una corsa che cambia la franchigia in Gara 7

Nei tuoi sogni più sfrenati, non avresti potuto immaginare Marcus Morris Sr. non solo in campo in prima serata, ma anche all’inizio della partita. Con Jarrett Allen impossibilitato a giocare di nuovo a causa di un infortunio alla costola, Bickerstaff ha sostituito Morris al posto di Isaac Okoro, che aveva iniziato in quel punto in Gara 5. L’idea probabilmente attenuerebbe parte delle dimensioni di Orlando, ma lo spazio extra di cui Cleveland ha goduto in Gara 5 non c’era venerdì.

Morris ha concluso con due punti al tiro 1 su 7. Evan Mobley, a lungo pubblicizzato come il futuro della franchigia, ha segnato 3 punti e 7 rimbalzi.

Nel complesso, i Cavaliers non sono riusciti a segnare una tripla. Hanno tirato meglio dei 7 su 28 segnati in Gara 6, e probabilmente avrebbero dovuto farlo a Boston. D’altra parte, Cleveland aveva un incredibile vantaggio di 66-38 nel segnare nell’area, nonostante lo svantaggio dimensionale.

Dopo la partita, Mitchell e Bickerstaff hanno sottolineato la netta discrepanza nei tiri liberi in Gara 6, dove Orlando ha tirato 26 sulla linea rispetto ai 10 di Cleveland. Mitchell ha spiegato che questo non era l’unico motivo della sconfitta, ma ha detto di aver segnato 66 gol. Fare punti nell’area e fare 10 tiri liberi è “folle”.

Gara 7, oh ragazzi, sarà presto alle porte. C’è molto in gioco per i Cavaliers e per le persone dentro quello spogliatoio. Sono in gioco i futuri. Dovranno dormire su quell’idea, più questa: Mitchell ha giocato come la versione migliore di se stesso, e in finale non è bastato.

È un pensiero pesante. — Joe Vardon, scrittore senior dell’NBA

Lettura obbligatoria

(immagine: Glenn James/NBAE tramite Getty Images)