Febbraio 2, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Stephen Curry colpisce 16 secondi per vincere il premio All-Star Game Player of the Year;  LeBron James vincitore del gioco delle unghie

Stephen Curry colpisce 16 secondi per vincere il premio All-Star Game Player of the Year; LeBron James vincitore del gioco delle unghie

CLEVELAND – I due ragazzi di Akron hanno rubato la scena all’All-Star Game di Sunday Night.

Stefano Curry Rimasto in una clinica di tiro per tutta la sera, registrando 16 triple e segnando 50 punti, mentre LeBron James Si è scontrata con un ridicolo tiro in sospensione con una gamba sola per prendere il Team Durant di LeBron 163-160.

In una notte in cui la National Basketball Association ha onorato i 75 più grandi giocatori, due di loro – Curry e James – hanno messo in scena prestazioni degne dell’occasione.

“Sì, gli ho detto sul campo dopo la partita che era una sorta di finale perfetto”, ha detto Curry, che è stato nominato Giocatore del gioco. “Inseguivo due o tre punti in più, credo Demar [DeRozan] Colpire un colpo grosso, e poi [James] È uscito e ha colpito il vincitore del gioco.

“È stato il finale perfetto. Ovviamente ho avuto il miglior giocatore; ho giocato davvero bene tutta la notte. Ha vinto la partita. Tutta la storia della nostra serie e le relazioni con Akron, e tutto quel tipo di analisi di come è andata, quindi era carino, inesplorato in nessun altro modo.

“È proprio sul naso di come dovrebbe andare.”

Curry, che ha battuto il record NBA con tre tre punti all’inizio di questa stagione, ha realizzato 16 tre punti, che sarebbero stati il ​​massimo in qualsiasi partita nella storia della NBA, e ha battuto il precedente record All-Star di nove. . Dopo aver stabilito il record del primo tempo con otto da tre punti, Curry ha avuto il pubblico – che ha fischiato ad alta voce la stella dei Golden State Warriors prima della partita – quando ha inchiodato cinque tre punti consecutivi all’inizio del terzo quarto, di cui uno su tre possedimenti consecutivi.

Ha poi raggiunto il suo 15° numero 3 – più di quanto chiunque altro avesse mai ottenuto in qualsiasi partita NBA – alla fine di una sequenza di passaggi che lo ha visto passarlo a James, che lo ha lanciato a Nikola Jokica chi è passato Giannis Antikonmo, che poi lo trasforma in Carrie nell’angolo. Curry poi lo fece volare e si voltò per festeggiare prima che la palla cadesse dolcemente in rete.

Durante il timeout successivo, Curry ha detto nel microfono che indossava per TNT: “Qualcuno può dirmi qual è il record del punto?”

Alla fine, Curry ha “solo” ottenuto 50 punti: mancare 2 dei suoi 3 punti nel quarto quarto gli avrebbe permesso di superare i 52 punti. Antonio Davis Ha stabilito il record nel 2017, prima che James finisse la competizione con il suo pugnale Zach Lavigne.

READ  Draymond e Ja Morant rispondono alla partita del giorno di Natale tra i Warriors e i Grizzlies

“Non avrei potuto sognarlo”, ha detto James di colpire il vincitore della partita. “Non avrei potuto sognare questo momento meglio della realtà appena accaduta. Per me tornare qui, come continuo a dire, 35 minuti [north] Cresciuto qui ad Akron, Ohio, vincendo l’All-Star Game, io e il mio attore eravamo nelle retrovie a guardare l’All-Star Game. Ricordo che 25 anni fa avevamo 12 e 11 anni, desideravamo avere l’opportunità o i mezzi per arrivare a Cleveland e vedere alcuni dei più grandi giocatori di basket di tutti i tempi perché ci hanno ispirato così tanto.

“Per me essere qui oggi, per la mia migliore amica essere qui, per mia moglie, i miei figli, la mia famiglia, mia madre. Ci sono così tante persone che mi hanno visto crescere da bambina in quello che sono oggi. Io non potevo nemmeno – non potevo immaginare quel momento migliore”.

Le gesta di James e Curry, così come di Antetokounmue, che è stato l’unico giocatore in qualsiasi squadra a giocare a qualsiasi tipo di difesa per lunghi periodi della serata, si sono affiancate alla celebrazione del 75° anniversario della NBA, in cui la lega ha onorato i 75 più grandi giocatori nella sua storia. Una foto di gruppo numerosa è stata scattata a coloro che hanno assistito all’interno del ring prima dell’inizio della partita.

Sono stati poi onorati durante l’intervallo con un gala del regista premio Oscar Spike Lee che includeva un video narrato dall’attore premio Oscar Forest Whitaker, e poi hanno visto ogni giocatore essere onorato con una posizione, a partire dagli attaccanti, seguito dai centri e fine. con le guardie. L’ultimo giocatore annunciato è stato Michael Jordan, che quella notte ha ricevuto il più grande applauso.

“Far parte dei 75 più grandi giocatori di basket di tutti i tempi mi riporta di nuovo alla mia infanzia, crescendo a Spring Hill e registrando tutte le mie ispirazioni sul mio muro, Allen Iverson, Jason Kidd, Gary Payton, Michael Jordan, Magic Johnson, Oscar Robertson”, ha detto James. “Vedere questi ragazzi oggi e poi essere sul palco con questi ragazzi… Ragazzi non capite.

“Sto cercando di farti capire il più possibile, ma è solo pazzesco.”

Il gioco stesso utilizzava il formato utilizzato per la prima volta a Chicago due anni fa, Elam Ending, che quest’anno ha portato lo stesso livello di intensità e competizione agli ultimi momenti del suo debutto.

READ  Lo svedese Ericsson regala a Ganassi un'altra vittoria per la Indy 500

Dopo che le due squadre hanno giocato ciascuno dei primi tre quarti per beneficenza – il vincitore ha guadagnato separatamente $ 100.000 per beneficenza (il Team LeBron gioca nel programma I Promise Scholars Program di Kent State e il Team Durant gioca alla Great Cleveland Food Bank) – sono state giocate nel quarto trimestre con un punteggio obiettivo.

Durante le presentazioni, non è stata una sorpresa che James, cresciuto a 40 miglia a sud ad Akron, Ohio, abbia ricevuto un enorme benvenuto dal pubblico che ha giocato davanti a 11 delle sue oltre 18 stagioni nella NBA, scatenando un enorme ruggito e alzando le braccia ai fan mentre lo facevano.

Domenica sera avrebbero dovuto essere onorate anche due stelle del Golden State: Carrie, che ha suonato, e Draymond Greenche non l’ha fatto – è stato fischiato dopo che James e i Cleveland Cavaliers hanno giocato quattro anni consecutivi nelle finali NBA, dal 2015 al 2018, vincendone tre.

LeBron ha vinto il primo quarto 47-45, grazie a Luca Doncic Segnando gli ultimi sei punti per la squadra. La squadra di Durant è tornata e ha vinto il secondo quarto 49-46 – nonostante abbia segnato otto triplette nel primo tempo di Stephen Curry – portandosi in vantaggio per 94-93 nel primo tempo. Poi le due squadre hanno pareggiato nel terzo quarto grazie a un forte gioco difensivo di Antetokonmo a fine quarto.

Ciò ha lasciato il punteggio di 139-138 a favore della squadra di Durant che si è diretta al quarto posto, il che significa che il punteggio target era di 163 punti, 24 in più rispetto al totale del leader della squadra dopo tre, in un cenno al compianto Kobe Bryant e al torneo finale di James preparazione dopo Gioele Embiid Antetokounmpo ha scambiato canestri per tutto il quarto trimestre.

“Stavo solo cercando di vincere”, ha detto Antetokonmo. “Sono davvero competitivo. Una specie di all-star game, non è stato fatto per me. Ovviamente, vengo qui e cerco di godermi il gioco il più possibile, ma non so come non averlo Ho paura di andare in giro perché cerco sempre di camminare a tutta velocità, non importa quello che faccio, perché è così che sono un giocatore”.

Per il secondo anno consecutivo, la squadra di Durant era senza il suo capitano, come Kevin Durant Non ha potuto giocare la partita di domenica a causa della distorsione alla MCL che lo ha tenuto fuori dai giochi nell’ultimo mese. Inizialmente Durant avrebbe dovuto assistere alla partita, nonostante il suo infortunio, ma non è successo dopo la morte di sua nonna questo fine settimana. verde (dorso, polpaccio) e James Harden Anche (bicipite femorale) ha saltato la partita per infortunio, con palla di lamilloE il Dignità Murray E il Garrett Allenrispettivamente, sono sfruttati per fungere da sostituti di esso.

READ  Il Cremlino risponde alle critiche del capo olimpico sulla reazione "spaventosa" dell'allenatore della Valeeva

Donovan Mitchell Ha annunciato solo due ore prima della sua mancia domenicale che non avrebbe giocato neanche lui, a causa di una malattia delle vie respiratorie superiori che gli ha impedito di partecipare a qualsiasi cosa sabato e, infine, all’All-Star game stesso. Chris PaoloNel frattempo, salterà le prossime sei-otto settimane, almeno, dopo aver subito una frattura da avulsione del pollice destro nella vittoria di mercoledì sugli Houston Rockets. Tuttavia, nonostante quell’infortunio, Paul ha giocato per poco più di due minuti nel primo quarto della partita di domenica, sbagliando il suo unico tiro (layup sinistro) prima di restare fermo tutta la notte.

La squadra di LeBron è migliorata fino a 5-0 da quando la NBA si è allontanata dal tradizionale formato Est-Ovest per l’All-Star Game nel 2018 e ha invece adottato l’attuale configurazione per ottenere i migliori voti da ciascuna delle squadre del draft della conferenza dalle restanti partite. 22 partecipanti.

Ma il fervore competitivo che è durato fino all’ultima campana ha riassunto come il cambio di format abbia dato nuova vita alla manifestazione.

“Penso di sì”, ha detto l’allenatore dei Suns Monty Williams, che ha allenato la squadra di LeBron, quando gli è stato chiesto se la nuova formula funzionasse. “Penso che anche prima dell’ultimo periodo ci sia un livello di competizione che non hai mai visto prima.

“I ragazzi vogliono vincere nel quarto. Vogliono cambiare la loro vita con quei soldi. E noi siamo nei rally, parliamo di vincere il quarto, non siamo fuori a vincere, e nel quarto quarto è NBA basket, e tu hai il meglio del meglio in esso”.

“Guardi il blocco di Jarrett su Joel, quello era un gioco in prima serata, Giannis che rubava, il tiro di LeBron. Steve fa 50. Non giochi così se vai in giro”.