Ottobre 3, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Biden si dirige in Vietnam nell’ultimo tentativo di affrontare la Cina

Biden si dirige in Vietnam nell’ultimo tentativo di affrontare la Cina

HONG KONG – La visita del presidente Joe Biden in Vietnam questo fine settimana potrebbe essere breve, ma avrà importanti implicazioni per gli sforzi americani di respingere la Cina.

Il Vietnam, uno stato comunista monopartitico al confine con la Cina, è emerso come uno dei partner più importanti degli Stati Uniti nel sud-est asiatico, una regione che si trova in prima linea nella competizione tra le due maggiori economie del mondo.

Washington e Hanoi hanno normalizzato le relazioni nel 1995, 22 anni dopo la fine del coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra del Vietnam, e sono “partner globali” dal 2013. Durante la visita di Biden, si prevede che la relazione salirà di due livelli fino a diventare “partner strategico globale”. “, il più alto livello di relazioni diplomatiche in Vietnam, mettendo gli Stati Uniti allo stesso livello di Cina, Russia, India e Corea del Sud.

Alexander Foving, professore alla Daniel K. Inouye dell’Asia-Pacific Security Studies Center di Honolulu, la promozione rappresenta una grande vittoria diplomatica per gli Stati Uniti.

“Invia il messaggio che gli Stati Uniti sono in grado di attrarre molti paesi importanti nella regione, persino il Vietnam, che è governato dal Partito Comunista e si ritiene sia vicino alla Cina”, ha affermato.

Negli ultimi anni la Cina ha acquisito influenza in tutto il sud-est asiatico, soprattutto in paesi come Cambogia, Laos e Myanmar, ha affermato Fufeng. Secondo lui, il miglioramento delle relazioni tra Stati Uniti e Vietnam “corregge in una certa misura l’equilibrio di potere regionale”.

Curt Campbell, coordinatore del Consiglio di sicurezza nazionale per gli affari indo-pacifici, ha descritto il Vietnam, un paese di circa 100 milioni di abitanti, come uno “stato oscillante” regionale.

Ciò è in parte dovuto al fatto che Stati Uniti e Vietnam “condividono un impegno comune” nel prevenire il dominio cinese in Asia, ha affermato Fueng.

Ha detto che il Vietnam vuole “approfittare del mercato cinese e commerciare con la Cina, ma allo stesso tempo vuole ridurre la sua esposizione verso la Cina”.

Il Vietnam è importante per gli Stati Uniti dal punto di vista economico e strategico.

Secondo il rapporto dell’istituto, l’anno scorso ha superato la Gran Bretagna diventando il settimo partner degli Stati Uniti nel commercio di beni. Ufficio censimento. Nel frattempo, gli Stati Uniti rappresentano il più grande mercato di esportazione del Vietnam.

Gli Stati Uniti erano anche il Vietnam La seconda più grande fonte di turisti L’Agenzia Nazionale del Turismo ha riferito l’anno scorso dopo la Corea del Sud.

READ  L'Ucraina ha detto che gli attacchi russi hanno ucciso tre persone a Odessa e preso di mira la base aerea di Poltava

Il Vietnam, che lo scorso anno è stata l’economia asiatica in più rapida crescita, sta cercando di diventare il prossimo hub globale di semiconduttori e ha un’industria dei veicoli elettrici in crescita. VinFast, produttore vietnamita di auto elettriche Ora è una delle aziende automobilistiche di maggior valore al mondo dopo che il suo debutto commerciale negli Stati Uniti il ​​mese scorso ha visto il suo valore aumentare oltre quello di aziende come Ford e General Motors.

Anche il Vietnam è diventato una destinazione sempre più importante per gli investimenti statunitensi, soprattutto perché la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina spinge alcune aziende statunitensi a delocalizzare parte delle loro attività produttive.

“Il Vietnam diventerà un anello sempre più importante nella catena di approvvigionamento globale”, ha affermato Le Hong Hiep, ricercatore senior di studi sul Vietnam presso l’ISEAS-Yusof Ishak Institute di Singapore.

Washington, che nel 2016 ha revocato il divieto di vendita di armi al Vietnam, lo vede come un mercato promettente per armi ed equipaggiamento militare mentre Hanoi cerca di ridurre la sua dipendenza da Mosca.

Strategicamente, dicono gli esperti, gli Stati Uniti vedono il Vietnam come un partner importante nei loro sforzi per contrastare l’ascesa della Cina, in particolare le sue pretese espansive nel Mar Cinese Meridionale, una via d’acqua ricca di risorse attraverso la quale ogni anno fluiscono trilioni di dollari in scambi commerciali.

Matthew Pottinger, che ha ricoperto il ruolo di vice consigliere per la sicurezza nazionale nell’amministrazione Trump, ha affermato che il rapido viaggio di Biden ad Hanoi aveva senza dubbio lo scopo di inviare un segnale a Pechino.

In un’intervista a NBC News, ha affermato che l’amministrazione Biden, rafforzando le relazioni con il Vietnam, sta “facendo pressione” sulla Cina.

Il Vietnam è un partner importante negli sforzi di Washington per contrastare l’ascesa della Cina, in particolare le sue pretese espansionistiche nel Mar Cinese Meridionale.Aaron Favela/AP

“Ciò dimostra che l’amministrazione capisce cosa sta succedendo qui”, ha detto Pottinger.

Ha aggiunto che in un certo senso gli Stati Uniti sono stati un “ardente corteggiatore” nei confronti della Cina e hanno inviato una serie di alti funzionari a Pechino nel tentativo di migliorare le relazioni.

Anche gli Stati Uniti stanno tormentando la metafora del “corteggiante desideroso”, ha detto Pottinger: “Stiamo cercando di rendere gelosa anche l’altra parte”.

READ  La Fed ha aumentato il tasso di interesse di riferimento di 0,75 punti percentuali, il più grande aumento dal 1994

Tuttavia, Heap ha affermato che la visita di Biden in Vietnam non riguarda solo la Cina. Ha affermato che i due paesi hanno un “grande interesse” a lavorare insieme su questioni come il commercio, gli investimenti, la tecnologia e la mitigazione del cambiamento climatico.

Ha detto: “È vero che la Cina ha un ruolo da svolgere in tutti questi sviluppi, ma è solo una parte del quadro”. “Ci sono altre cose più importanti in questa partnership in evoluzione”.

Hiep ha affermato che è improbabile che Hanoi e Washington menzionino la Cina in relazione all’evoluzione delle loro relazioni, soprattutto perché il Vietnam vuole mantenere l’equilibrio nelle sue relazioni con le due potenze.

La Cina ha messo in guardia gli Stati Uniti dall’utilizzare le sue relazioni con i singoli paesi asiatici per prendere di mira una “terza parte”.

Il portavoce del Ministero degli Esteri cinese Mao Zedong ha dichiarato: “Gli Stati Uniti dovrebbero abbandonare il gioco a somma zero e la mentalità della Guerra Fredda, aderire alle norme fondamentali che governano le relazioni internazionali, astenersi dal prendere di mira qualsiasi terza parte ed evitare di minare la pace, la stabilità, lo sviluppo e la prosperità. nella regione.” Ning ha detto lunedì in una conferenza stampa regolare a Pechino.

I gruppi di difesa hanno esortato Biden a sfruttare la sua visita per sollevare la questione del Vietnam Peggioramento della situazione dei diritti umani E preme per la liberazione di oltre 150 prigionieri politici.

L’anno scorso, il Dipartimento di Stato ha aggiunto il Vietnam alla sua Lista di controllo speciale per le violazioni della libertà religiosa, così come ha fatto la Commissione statunitense sulla libertà religiosa internazionale. Lo ha detto in un rapporto Martedì, affermando che, sebbene il Vietnam abbia fatto alcuni progressi negli ultimi dieci anni, la recente repressione della società civile e le crescenti violazioni della libertà religiosa segnalano “una chiara inversione di rotta rispetto a questa traiettoria precedentemente positiva”.

Heap ha affermato che i diritti umani sembrano essere passati in secondo piano nella competizione degli Stati Uniti con avversari come Cina e Russia.

“Gli Stati Uniti ora sembrano dare priorità ai propri interessi strategici rispetto a considerazioni di valore, quindi hanno espresso interesse per la situazione dei diritti umani in Vietnam, ma sembrano adottare un approccio meno critico”, ha affermato.

Relazioni regionali più ampie

C’è stata una certa delusione nella regione per il fatto che Biden, arrivato in India venerdì per partecipare al vertice annuale del Gruppo delle 20 economie, abbia scelto di saltare un incontro dei leader del sud-est asiatico in Indonesia questa settimana dopo aver partecipato all’evento in Cambogia l’anno scorso. La vicepresidente Kamala Harris ha invece rappresentato gli Stati Uniti al vertice annuale dei 10 membri dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico (ASEAN), in quella che era la sua terza visita nella regione.

READ  La Germania afferma che il commercio cinese potrebbe creare una rischiosa dipendenza

Si prevedeva che il presidente cinese Xi Jinping fosse assente a entrambi gli eventi.

La Casa Bianca nega che l’amministrazione Biden sia insufficientemente coinvolta nella regione, sottolineando che l’anno scorso Biden è diventato il primo presidente ad ospitare alla Casa Bianca gli stati membri dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico (ASEAN). Anche gli Stati Uniti e l’Associazione delle Nazioni del Sud-Est asiatico (ASEAN) hanno migliorato la loro relazione trasformandola in un partenariato strategico globale in occasione del vertice cambogiano dello scorso anno.

I leader dell’ASEAN durante il vertice dell’ASEAN martedì a Giakarta, in Indonesia. Ahmed Ibrahim / A.B

“Direi che l’impegno dell’America e il nostro rapporto con l’ASEAN e i suoi stati membri non sono mai stati così forti”, ha affermato Daniel Kritenbrink, sottosegretario di Stato per gli affari dell’Asia orientale. Lo ha detto ai giornalisti giovedì.

Heap ha affermato che l’impegno degli Stati Uniti nel Sud-Est asiatico è migliorato negli ultimi anni, soprattutto sotto l’amministrazione Biden. Ha sottolineato il quadro economico di Biden per la regione indo-pacifica, nonché gli sforzi per rafforzare le relazioni con paesi come le Filippine, che quest’anno hanno concordato una presenza militare statunitense ampliata.

Mentre gli Stati Uniti sono in vantaggio rispetto alla Cina nella maggior parte dei paesi del sud-est asiatico in termini di soft power e popolarità, secondo un recente rapporto la regione generalmente vede la Cina come la potenza economica dominante in Asia. Analisi completa dei sondaggi È stato pubblicato il mese scorso dal Center for Strategic and International Studies, un think tank con sede a Washington.

Il rapporto avverte che il divario di influenza economica si sta solo ampliando a favore della Cina, che è il principale partner commerciale di tutti e dieci gli Stati membri dell’ASEAN e il maggiore investitore per la maggior parte di essi. Ha aggiunto che le crescenti preoccupazioni regionali riguardo alla retorica e alle azioni della Cina creano opportunità per gli Stati Uniti di rafforzare le relazioni.

Il rapporto afferma: “Washington deve presentare un’agenda politica, di sicurezza ed economica positiva per affrontare questo momento”.