Maggio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Eruzione del vulcano islandese: le barriere si rafforzano mentre la lava scorre verso la città |  Islanda

Eruzione del vulcano islandese: le barriere si rafforzano mentre la lava scorre verso la città | Islanda

Le squadre di emergenza hanno lavorato tutta la notte per rafforzare le barriere difensive attorno alla città di pescatori di Grindavik, evacuata, mentre la lava della quarta eruzione vulcanica avvenuta sulla penisola islandese di Reykjanes da dicembre scorreva verso di loro.

Dopo settimane di avvertimenti sull'accumulo di roccia semifusa nel sottosuolo, l'Ufficio meteorologico islandese (IMO) ha affermato che l'eruzione, avvenuta sabato alle 20:23 ora locale (2023 GMT), ha creato una fessura lunga circa 3 chilometri nella terra. Tra due montagne.

L’IMO ha affermato che la lava scorreva principalmente nel sud e nel sud-est ad una velocità di circa un chilometro all’ora durante la notte e potrebbe raggiungere l’oceano. Dighe e barriere difensive sono state rinforzate per evitare che il letto lavico “molto più ampio” distrugga la principale strada costiera.

Domenica a mezzogiorno, gli scienziati hanno affermato che i flussi sembravano rallentare leggermente, ma rappresentavano comunque un rischio per le infrastrutture dentro e intorno a Grindavik. “L'attività sismica è diminuita dall'inizio dell'eruzione”, ha detto Palme Erlendsson dell'IMO a RÚV Radio.

Un altro esperto dell’IMO, Einar Horleifsson, ha affermato che le barriere installate dalle autorità intorno alla città sembrano resistere e reindirizzare i flussi lontano dalle strutture principali, ma un flusso separato verso l’impianto geotermico rappresenta comunque un rischio.

Sabato un veicolo di emergenza è parcheggiato su una strada vicino all'attività vulcanica. Fotografia: Marco De Marco/AP

La centrale elettrica di Svartsinje, che fornisce elettricità e acqua a circa 30.000 persone nella penisola di Reykjanes, è stata evacuata e gestita a distanza sin dalla prima eruzione nell’area, e sono state costruite dighe per proteggerla.

Il luogo dell'eruzione si trova a poche miglia a nord-est di Grindavik e circa 30 miglia a sud-ovest della capitale islandese, Reykjavik. I 3.800 residenti della città furono evacuati prima della prima eruzione del vulcano lo scorso dicembre, e da allora solo 100 sono tornati.

READ  Si dice che i colloqui di guerra tra Israele e Hamas stiano lavorando da settimane verso un cessate il fuoco

Centinaia di persone sono state evacuate dalla vicina località termale Blue Lagoon, una delle attrazioni turistiche più famose dell'Islanda, poiché le riprese mostravano fumo fluttuante e magma rosso-arancio che si sollevava dal terreno, ha riferito RÚV.

Magnus Tommy Gumundsson, un geofisico che ha sorvolato il sito in elicottero. Lo ha detto a Roof Ha aggiunto che l'eruzione di sabato è stata la più potente mai avvenuta sulla penisola, con una fessura più lunga rispetto alle eruzioni precedenti, che secondo lui erano “molto attive” sabato sera.

I pochi residenti che sono tornati alle loro case a Grindavik dall’ultima eruzione di febbraio, che ha tagliato il riscaldamento a più di 20.000 persone mentre le colate di lava hanno distrutto strade e condutture, sono stati evacuati in sicurezza, hanno detto i funzionari.

La città fu evacuata per la prima volta a novembre, quando il sistema vulcanico Svartsinje fu risvegliato dopo quasi 800 anni da una serie di terremoti che crearono grandi fessure nel terreno a nord della città, fino ad eruttare il 18 dicembre.

In quell'occasione la città fu risparmiata, ma una seconda eruzione iniziata il 14 gennaio scagliò verso di essa la lava e molti edifici furono distrutti, anche se le mura difensive rinforzate dopo la prima eruzione bloccarono gran parte del flusso.

La terza eruzione, avvenuta l'8 febbraio, è durata solo poche ore, ma ha inghiottito un'importante conduttura di acqua calda. Nessuna delle recenti eruzioni di Reykjanes ha influenzato i voli nazionali o internazionali provenienti dagli aeroporti islandesi.

L'Islanda si trova su un punto caldo vulcanico nell'Oceano Atlantico settentrionale e ospita 33 sistemi vulcanici attivi. Le autorità hanno una vasta esperienza nella gestione delle esplosioni ripetute. L’evento recente più dirompente è stata l’eruzione del vulcano Eyjafjallajökull nel 2010, che ha portato alla chiusura diffusa dello spazio aereo in Europa.

READ  Il senatore John F. Kennedy invita il Canada alla "tirannia dell'élite amministrativa"