Agosto 8, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli Stati Uniti vincono la causa per il sequestro di uno yacht di lusso russo alle Fiji, salpa

Gli Stati Uniti vincono la causa per il sequestro di uno yacht di lusso russo alle Fiji, salpa

WELLINGTON, Nuova Zelanda (AP) – Gli Stati Uniti hanno vinto una battaglia legale martedì per sequestrare uno yacht di lusso di proprietà russa alle Fiji e non hanno perso tempo a prendere il comando della nave da 325 milioni di dollari e a farla navigare lontano dalla nazione del Pacifico meridionale.

La sentenza del tribunale ha rappresentato una grande vittoria per gli Stati Uniti poiché hanno dovuto affrontare ostacoli nei loro tentativi di sequestrare i beni degli oligarchi russi in tutto il mondo. Sebbene questi sforzi siano accolti con favore da molti oppositori della guerra in Ucraina, alcune azioni hanno messo alla prova i limiti della giurisdizione statunitense all’estero.

Alle Figi, la Corte Suprema del Paese ha revocato un ordine di sospensione che impediva agli Stati Uniti di sequestrare lo yacht di lusso Amadea.

Il presidente della Corte Suprema Kemal Kumar ha stabilito che, sulla base delle prove, le possibilità dell’avvocato difensore di presentare ricorso in appello ascoltato dalla Corte Suprema erano “da zero a molto scarse”.

Kumar ha affermato di aver accettato le argomentazioni secondo cui mantenere lo yacht di lusso ormeggiato alle Fiji nel porto di Lautoka “sta costando caro al governo delle Fiji”.

Il giudice ha concluso che “il fatto che le autorità statunitensi si siano impegnate a pagare le spese sostenute dal governo delle Fiji è del tutto irrilevante”. Ha detto che l’Amadea “ha navigato nelle acque delle Fiji senza alcun permesso, molto probabilmente per evitare il processo da parte degli Stati Uniti d’America”.

Gli Stati Uniti hanno rimosso la nave robotica entro un’ora o due dalla sentenza del tribunale, forse per garantire che lo yacht non fosse coinvolto in ulteriori azioni legali.

READ  La Russia invade l'Ucraina, si sentono esplosioni vicino all'aeroporto di Leopoli

Un portavoce del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti non ha risposto immediatamente a un’e-mail in cui chiedeva un commento.

All’inizio di maggio, il ministero della Giustizia ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava che la nave Amadea era stata sequestrata alle Fiji, ma che si è rivelata prematura dopo che gli avvocati hanno presentato ricorso.

Non è stato subito chiaro dove gli Stati Uniti intendano impadronirsi di Amadea, che l’FBI ha collegato all’oligarca russo Suleiman Karimov.

Christopher Pride, direttore dei pubblici ministeri delle Fiji, ha affermato che le questioni irrisolte sul riciclaggio di denaro e sulla proprietà di Amadea devono essere risolte negli Stati Uniti.

“La risoluzione riconosce l’obbligo delle Fiji di rispettare le richieste di assistenza internazionale reciproca e gli obblighi internazionali delle Fiji”, ha affermato Pride.

Nei documenti del tribunale, l’FBI ha collegato Amadea alla famiglia Kerimov attraverso il loro presunto uso di nomi in codice mentre erano sulla nave e l’acquisto di oggetti come un forno per pizza e un lettino termale. La nave è diventata l’obiettivo della task force KleptoCapture, che è stata lanciata a marzo per sequestrare i beni degli oligarchi russi per fare pressione sulla Russia per porre fine alla guerra.

La nave da calcio lunga 106 metri (348 piedi) è dotata di un’aragosta viva, un pianoforte dipinto a mano, una piscina e un grande eliporto.

L’avvocato Faisal Hanif, che rappresentava la Millemarin Investments, il proprietario del giornale, ha affermato che il proprietario era un altro ricco russo che, a differenza di Karimov, non è soggetto a sanzioni.

Gli Stati Uniti hanno riconosciuto che i documenti sembrano mostrare Edward Khudianatov come proprietario, ma hanno affermato che era anche il proprietario del secondo e più grande super yacht, Scheherazade, che è legato al presidente russo Vladimir Putin.

READ  Stati Uniti: le questioni NATO della Turchia con Svezia e Finlandia saranno risolte

Gli Stati Uniti si sono chiesti se Khdianatov fosse davvero in grado di acquistare due superyacht per un totale di oltre 1 miliardo di dollari.

“Il fatto che Khudianatov sia considerato il proprietario di due dei più grandi superyacht registrati, entrambi legati a individui sanzionati, indica che Khudinatov come proprietario di paglia pulito e non autorizzato viene utilizzato per mascherare i veri proprietari effettivi”, ha scritto l’FBI in una dichiarazione giurata.

I documenti del tribunale affermano che l’Amadea ha spento il suo transponder poco dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina e ha navigato dai Caraibi attraverso il Canale di Panama verso il Messico, arrivando con oltre $ 100.000 in contanti. Ha poi navigato per migliaia di miglia (chilometri) attraverso l’Oceano Pacifico fino alle Fiji.

Il Dipartimento di Giustizia ha affermato di non credere ai documenti che mostrano che l’Amadea si sarebbe poi diretto nelle Filippine, sostenendo che era effettivamente diretto a Vladivostok o altrove in Russia.

Il dipartimento ha affermato di aver trovato un messaggio di testo sul telefono di un membro dell’equipaggio che diceva “non andremo in Russia” seguito dall’emoji “silenziosa”.

Gli Stati Uniti hanno affermato che Karimov ha acquistato segretamente la società Amadea battente bandiera Cayman l’anno scorso attraverso varie società di facciata. L’FBI ha detto che un mandato di perquisizione alle Fiji ha rivelato e-mail che mostravano che i figli di Karimov erano stati sulla nave quest’anno e che l’equipaggio aveva usato nomi in codice: G0 per Karimov, G1 per sua moglie, G2 per sua figlia e così via.

Karimov ha fatto una fortuna investendo nel produttore d’oro russo Paulius, per il quale la rivista Forbes ha stimato il suo patrimonio netto a $ 14,5 miliardi. Gli Stati Uniti gli hanno imposto sanzioni per la prima volta nel 2018 dopo essere stato arrestato in Francia e accusato di riciclaggio di denaro, arrivando a volte con valigie piene di 20 milioni di euro.

READ  Cremlino: "inquietante" il commento di Biden sulla morte di Putin

Khdinatov è il presidente ed ex amministratore delegato di Rosneft, la compagnia petrolifera e del gas controllata dallo stato russo.