Febbraio 1, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Scandalo corruzione in Ucraina: Usa promette “stretto controllo” degli aiuti

Martedì gli Stati Uniti si sono impegnati a monitorare rigorosamente il modo in cui l’Ucraina spende miliardi di dollari in aiuti, sulla scia di un devastante scandalo di corruzione che ha portato a una serie di dimissioni a Kiev.

E mentre Washington ha affermato di non avere prove di un uso improprio dei fondi occidentali, il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price ha promesso che ci sarebbe stato un “rigoroso monitoraggio” per garantire che gli aiuti statunitensi non venissero deviati.

Diversi alti funzionari ucraini sono stati licenziati martedì sulla scia di uno scandalo di corruzione che ha coinvolto pagamenti illegali a vice ministri e contratti militari gonfiati.

Un totale di cinque governatori provinciali, quattro viceministri e due capi di agenzie governative hanno lasciato i loro incarichi, insieme al vice capo dell’amministrazione presidenziale e al vice procuratore generale.

Nel suo discorso serale, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che l’epurazione è “essenziale” per preservare un “paese forte”, mentre Price l’ha elogiata come “rapida” ed “essenziale”.

Tuttavia, lo scandalo arriva in un momento delicato per Kiev, poiché richiede un sostegno crescente da parte dell’Occidente e contrasta l’avanzata russa a est.

La corruzione potrebbe smorzare l’entusiasmo occidentale per il governo ucraino, che ha una lunga storia di governo traballante.

Nel fine settimana, il viceministro delle infrastrutture è stato arrestato dalla polizia anticorruzione con l’accusa di aver accettato una tangente di 367.000 euro per acquistare costosi generatori, accusa che nega.

Ciò avviene in un momento in cui i civili ucraini soffrono di interruzioni di corrente prolungate, in mezzo a paralizzanti attacchi russi alle infrastrutture energetiche del paese.

READ  Il gruppo di resistenza elettronica ucraino prende di mira la rete elettrica e le ferrovie russe

Nel frattempo, un’inchiesta di un quotidiano ucraino ha accusato il ministero della Difesa di aver firmato contratti per fornire cibo ai soldati in prima linea a “due o tre volte” il prezzo normale.

Secondo gli analisti, le dimissioni di alto profilo dimostrano che la corruzione ha non solo responsabilità penali, ma anche responsabilità politiche.

“È un buon esempio di come le istituzioni, i meccanismi anticorruzione e i controlli e gli equilibri debbano ancora essere creati [2014 Maidan] Katerina Ryzenko di Transparency International Ucraina, una ONG anti-corruzione, ha dichiarato a Euronews che la Rivoluzione della dignità sta funzionando nonostante una guerra totale.

“Ma la parte finale di questi eventi deve essere giocata dall’accusa, dall’organo investigativo e dal tribunale quando questi casi saranno giudicati nella misura massima consentita dalla legge”, ha aggiunto.

Il ministero della Difesa ucraino, che avrebbe firmato contratti gonfiati per un valore di 320 milioni di euro, ha affermato che le dimissioni aiuterebbero a “mantenere la fiducia della comunità e dei partner internazionali”.

Domenica ha negato le accuse, definendole “disinformazione” e avvertendo che danneggiano “gli interessi della difesa durante un periodo speciale”.

A gennaio, il leader della Repubblica cecena russa ha criticato gli aiuti occidentali all’Ucraina definendoli un “programma di riciclaggio di denaro”.

“Vedo che alcuni sono preoccupati per gli aiuti esteri all’Ucraina. Non preoccuparti! Questo è un efficace programma di riciclaggio di denaro. Questo denaro verrà sottratto da funzionari occidentali e ucraini e non più del 15% dell’aiuto totale raggiungerà il trincee”, ha scritto Ramzan Kadyrov nel suo Telegram.

Non ci sono prove per questa affermazione da parte di un fedele alleato di Putin.

READ  I capi delle finanze del G20 hanno fatto pochi progressi politici alla riunione dell'Indonesia

Zelensky è stato eletto nel 2019 con la promessa di riforme radicali per combattere la corruzione e migliorare l’economia.

Durante il suo mandato, il presidente ucraino ha destituito diversi ministri e funzionari mentre lottava per combattere l’influenza maligna dei potenti del paese.