Dicembre 9, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La Russia arruola forze speciali afghane addestrate dagli USA per l'Ucraina: rapporto |  Notizie talebane

La Russia arruola forze speciali afghane addestrate dagli USA per l’Ucraina: rapporto | Notizie talebane

Secondo l’Associated Press, i soldati delle forze speciali afghane, che hanno combattuto al fianco delle forze statunitensi e poi sono fuggiti in Iran dopo il caotico ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan lo scorso anno, sono stati reclutati dall’esercito russo per combattere in Ucraina.

Tre ex generali afgani hanno detto all’AP che i russi vogliono attirare migliaia di ex commando afgani in una “legione straniera” che offre uno stipendio fisso di $ 1.500 al mese e promette un rifugio sicuro per se stessi e le loro famiglie in modo che possano evitare la deportazione. Sede di quella che molti credono sarà la morte per mano dei talebani.

“Non vogliono combattere, ma non hanno scelta”, ha detto uno dei generali, Abdul Raouf Arghandiwal, aggiungendo che le decine di commando in Iran a cui aveva inviato messaggi temevano maggiormente la deportazione.

Mi chiedono: mi dai una soluzione? cosa dovremmo fare? Se torniamo in Afghanistan, i talebani ci uccideranno”.

Argandiwal ha affermato che il processo di reclutamento è svolto dalla forza mercenaria russa Wagner Group.

Un altro generale, Hebatullah Alizai, l’ultimo comandante dell’esercito afgano prima che i talebani prendessero il potere, ha affermato che lo sforzo è stato aiutato anche da un ex comandante delle forze speciali afghane che viveva in Russia e parla la lingua.

Il reclutamento russo arriva dopo mesi di avvertimenti da parte dei soldati statunitensi che hanno combattuto con le forze speciali afghane che i talebani erano decisi a ucciderli e che avrebbero potuto unirsi ai nemici degli Stati Uniti per sopravvivere o per rabbia verso il loro ex alleato.

Un rapporto repubblicano al Congresso in agosto ha avvertito specificamente del pericolo che i commando afgani – addestrati dalla Marina degli Stati Uniti e dai berretti verdi dell’esercito – potessero finire per fornire informazioni sulle tattiche statunitensi o combattere per lo Stato islamico, l’Iran o la Russia. .

READ  Come l'Estonia vuole stare lontana dalla propaganda russa

“Non abbiamo fatto uscire queste persone come promesso, e ora stanno tornando a casa”, ha detto Michael Mulroy, un ufficiale della CIA in pensione che ha prestato servizio in Afghanistan. “Onestamente non voglio vederli su nessun campo di battaglia, ma di certo non combatto gli ucraini”.

Mulroy era scettico, tuttavia, sul fatto che i russi sarebbero stati in grado di persuadere molti dei commando afgani a unirsi a loro perché la maggior parte di loro sapeva di essere motivata dal desiderio di far funzionare la democrazia nel loro paese piuttosto che come armi a pagamento.

Il reclutamento arriva quando le forze russe vacillano a causa dell’avanzata militare dell’Ucraina e il presidente russo Vladimir Putin continua uno sforzo di mobilitazione vacillante, spingendo centinaia di migliaia di uomini russi a fuggire dal paese per sfuggire al servizio.

Il ministero della Difesa russo non ha risposto a una richiesta di commento.

Il portavoce Yevgeny Prigozhin, che ha recentemente ammesso di essere il fondatore del gruppo Wagner, ha respinto l’idea di uno sforzo in corso per reclutare ex soldati afgani definendola “una pazza sciocchezza”.

Anche il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti non ha risposto a una richiesta di commento, ma un alto funzionario ha osservato che il reclutamento non era sorprendente dato che Wagner aveva cercato di reclutare soldati in diversi altri paesi.

Non è chiaro quanti membri del personale delle forze speciali afghane fuggiti in Iran siano stati ricevuti dai russi, ma uno di loro ha detto all’AP che sta comunicando tramite un servizio di chat WhatsApp con circa 400 altri commando che stanno valutando offerte.

READ  Treni e scuole colpiscono mentre i sindacati francesi chiedono lo sciopero a causa dell'aumento dell'inflazione

Ha detto che molti come lui temono la deportazione e sono arrabbiati con gli Stati Uniti per averli abbandonati.

“Pensavamo che potessero creare un programma speciale per noi, ma nessuno ha pensato a noi”, ha detto l’ex commando, che ha chiesto di non essere identificato perché temeva per sé e per la sua famiglia. “Ci hanno lasciati tutti nelle mani dei talebani”.

Il commando ha detto che la sua offerta includeva visti russi per lui, i suoi tre figli e sua moglie, che sono ancora in Afghanistan. Ad altri è stato offerto di estendere i loro visti in Iran. Ha detto che sta aspettando di vedere cosa decidono gli altri nei gruppi di WhatsApp, ma pensa che molti accetteranno l’accordo.

I veterani americani che hanno combattuto con le forze speciali afghane hanno descritto all’Associated Press quasi una dozzina di casi, nessuno dei quali è stato confermato in modo indipendente, di talebani che si recavano porta a porta alla ricerca di commando ancora nel paese, torturandoli o uccidendoli, o Fanno lo stesso con i membri della famiglia se non possono essere trovati da nessuna parte.

HRW ha affermato che più di 100 ex soldati afgani, ufficiali dell’intelligence e polizia sono stati uccisi o “scomparsi” con la forza solo tre mesi dopo la presa del potere dei talebani nonostante le promesse di amnistia.

Nel suo rapporto di metà ottobre, le Nazioni Unite hanno documentato 160 esecuzioni extragiudiziali e 178 arresti di ex funzionari governativi e militari.

Il fratello di un commando afgano in Iran che ha accettato l’offerta russa ha affermato che le minacce dei talebani rendevano difficile rifiutare. Ha detto che suo fratello ha dovuto nascondersi per tre mesi dopo la caduta di Kabul e si è trasferito tra le case dei suoi parenti mentre i talebani perquisivano la sua casa.

READ  Il bullismo di Putin si ritorce contro quando Finlandia e Svezia si avvicinano all'adesione alla NATO

“Mio fratello non aveva altra scelta che accettare l’offerta”, ha detto il fratello del commando, Murad, che ha dato il suo nome solo per paura di essere perseguitato dai talebani. “Non è stata una decisione facile per lui”.

L’ex capo dell’esercito afghano Alizai ha affermato che gran parte degli sforzi di reclutamento della Russia si concentrano su Teheran e Mashhad, una città vicino al confine afghano dove molti sono fuggiti. I generali che hanno parlato con l’AP, incluso il terzo, Abdul-Jabbar Wafa, hanno detto che nessuno dei loro conoscenti in Iran era a conoscenza di quanti accettassero l’offerta.

Un messaggio di testo inviato ad Arghandiwal da un ex soldato afgano in Iran recita: “Fai addestramento militare in Russia per due mesi, poi vai sulle linee di battaglia”. Un certo numero di dipendenti ha lasciato, ma ha completamente perso i contatti con le loro famiglie e amici. Le statistiche esatte non sono chiare.

Si stima che da 20.000 a 30.000 forze speciali afghane abbiano combattuto con gli americani durante la guerra di due decenni e solo poche centinaia di alti ufficiali furono trasportati in aereo quando l’esercito americano si ritirò dall’Afghanistan.

Poiché molti commando afgani non lavoravano direttamente con l’esercito americano, non avevano diritto a visti speciali per gli Stati Uniti.

“Hanno combattuto davvero fino all’ultimo minuto. Non hanno mai parlato con i talebani. Non l’hanno mai fatto. Non hanno mai negoziato”, ha detto Alizi. “Lasciarli indietro è l’errore più grande”.