Maggio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli scienziati scoprono una “sorpresa” che cambia la loro comprensione dell'universo

Gli scienziati scoprono una “sorpresa” che cambia la loro comprensione dell'universo

Tornare agli albori dell'universo sembra qualcosa che può essere realizzato solo nella fantascienza, ma gli esperti sono riusciti a trovare qualcosa di reale da molto lontano, nelle profondità del tempo.

Alcuni dei più importanti astronomi del mondo hanno scoperto qualcosa di “veramente sorprendente” miliardi di anni fa che potrebbe cambiare completamente la comprensione del nostro universo.

Ciò è il risultato dello studio dei risultati della Near-Infrared Camera (NIRCam) sul telescopio spaziale James Webb della NASA.

Questa tecnologia altamente avanzata consente agli esperti di studiare le galassie più antiche dell'universo, fornendo un'indicazione delle condizioni che esistevano molto tempo fa.

L'universo ha circa 13,7 miliardi di anni e un team di ricercatori dell'Università di Durham è stato in grado di osservare i dati noti come la formazione delle barre solo pochi miliardi di anni dopo la formazione dell'universo: qualcosa di assolutamente sorprendente da comprendere.

Ciò risale a ben più indietro rispetto alle precedenti informazioni fornite dal telescopio spaziale Hubble, che forniscono informazioni sulle condizioni di nove miliardi di anni fa.

I risultati del team sono pubblicati sulla rivista Avvisi mensili della Royal Astronomical Society.

iStock

Le nuove scoperte sono più importanti che fornire semplicemente una visione che risale ancora più indietro nel tempo. In effetti, la natura dei risultati potrebbe significare che potrebbe essere necessario rivalutare la nostra comprensione dei primi giorni dell’universo.

Si tratta di formazioni a barre, per cui la presenza di queste forme più stabili è indice di ambienti più stabili, rispetto alla natura più caotica delle galassie nel loro primo periodo di gestazione.

Zoe Le Conti è una ricercatrice PhD presso il Center for Extragalactic Astronomy del Dipartimento di Fisica dell'Università di Durham, nonché autrice principale dell'articolo.

READ  I ghiacciai della Groenlandia si stanno sciogliendo cinque volte più velocemente rispetto a 20 anni fa

“Le galassie nell’universo primordiale maturarono molto più velocemente di quanto pensassimo”, ha detto Le Conte. Questa è una vera sorpresa perché ci si aspetterebbe che l'universo a quel punto fosse molto turbolento, con molte collisioni tra galassie e molto gas che non si era ancora trasformato in stelle.

“Tuttavia, grazie al telescopio spaziale James Webb, vediamo molte di queste barre molto presto nella vita dell’universo, il che significa che le galassie si trovavano in uno stadio della loro evoluzione più stabile di quanto si pensasse in precedenza.

“Ciò significa che dovremo modificare le nostre opinioni sull'evoluzione iniziale della galassia.”

sottoscrizione Per la nostra newsletter settimanale gratuita indy100

Come unirsi a il canale WhatsApp gratuito di indy100

Condividi la tua opinione nelle nostre notizie democratiche. Fai clic sull'icona del voto positivo nella parte superiore della pagina per contribuire a far salire questo articolo nella classifica Indy100