Giugno 16, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Inondazioni a Sydney: la crisi climatica diventa la nuova normalità nel NSW, lo stato più popoloso dell'Australia

Inondazioni a Sydney: la crisi climatica diventa la nuova normalità nel NSW, lo stato più popoloso dell’Australia

Ma per la quarta volta in 18 mesi, il proprietario del caffè Darren Osmotherley si sta affrettando a spostare la sua attrezzatura su un terreno più alto mentre le inondazioni si riversano nella grande Sydney dopo giorni di forti piogge.

“Ogni sei-otto ore[cerchiamo]di fare una doccia calda e cambiarci di nuovo i vestiti e cercare di trovare una stanza per la pausa caffè o una breve dormita in mezzo”, ha detto Osmotherley, che dice di aver dormito a malapena per tre giorni.

Quando Osmotherly aprì la caffetteria 15 anni fa per offrire alle persone disabili sulle barche un posto facile dove ormeggiare per il pranzo, la proprietà di Lower Portland non era stata allagata in 30 anni. Ma questa è la quarta alluvione dallo scorso febbraio e la più recente da marzo.

Disse: “Li abbiamo costruiti tutti a prova di inondazione per affrontare le inondazioni di tanto in tanto, ma per il bene di quattro inondazioni…”.

Le inondazioni nello stato più popoloso dell’Australia sono diventate la nuova normalità, poiché i residenti della regione della Greater Sydney devono affrontare fluttuazioni stagionali sempre più irregolari.

La regione, che ospita 8,12 milioni di persone, ovvero circa un terzo della popolazione totale del paese, ha sempre subito un certo grado di inondazione durante i primi mesi estivi.

Ma quello che una volta era un evento irripetibile è diventato un luogo comune, sollevando interrogativi sulla sostenibilità a lungo termine delle comunità soggette a inondazioni.

Più di mezzo metro (1,6 piedi) di pioggia ha inondato parti del New South Wales orientale nelle ultime 48 ore, con fuoriuscite da diversi argini che hanno innescato allarmi di inondazioni in tutta la regione.

Nella parte occidentale di Sydney, la diga di Warragamba, il più grande bacino idrico urbano dell’Australia, ha iniziato ad allagarsi alle 2 del mattino di domenica e al suo apice il 515 GL stava allagando le sue mura, la stessa quantità d’acqua del porto di Sydney.

Un portavoce dell’autorità idrica statale ha affermato che la diga non ha una componente di mitigazione delle inondazioni, quindi non è stata rilasciata acqua prima delle piogge, che si sono verificate quando la rete statale della diga era già piena al 97%. Ha detto che la diga non era responsabile dell’allagamento.

READ  McDonald's per vendere la sua attività in Russia, cercando di mantenere i lavoratori

“È un evento meteorologico molto insolito”, ha detto il portavoce. “Il Warragamba si è sicuramente infiltrato in un certo sistema fluviale, ma ci sono intere vaste aree di Sydney che sono state allagate che non sono a valle del Warragamba”.

È un’incredibile inversione di tendenza appena 15 anni fa, quando il paese ha deciso di costruire un impianto di desalinizzazione per proteggere l’approvvigionamento idrico di Sydney dopo anni di siccità.

Ma quest’anno il sistema meteorologico di La Nina ha causato più pioggia e il Met Office dice che c’è una probabilità del 50-50 che si formi più tardi nel 2022, il doppio della probabilità normale. Si prevede che la crisi climatica aumenterà la frequenza e l’intensità sia di La Nina che di El Nino, causando siccità, il che significa che se La Nina si forma di nuovo quest’anno, potrebbero esserci più piogge.

Persone che remano su una strada allagata a Windsor, in Australia, il 5 luglio 2022

Migliaia di persone sono state invitate a evacuare

Per la gente del posto nella Grande Sydney, le inondazioni sono diventate un incubo ricorrente.

Molti si stanno ancora riprendendo dalle recenti inondazioni di marzo, quando molte delle stesse aree sono state inondate, costringendo le attività a chiudere e i soccorritori che hanno guadato il fango avariato per aiutare i residenti intrappolati.

L’evento ha causato perdite per 4,8 miliardi di dollari, rendendolo il terzo disastro più costoso di sempre del paese, secondo l’Australian Insurance Council.

Carlin York, commissario dei servizi di emergenza del New South Wales (SES), lunedì ha avvertito che centinaia di millimetri di pioggia potrebbero cadere durante il fine settimana, con altre ancora in arrivo.

“Non siamo ancora fuori pericolo in questo importante evento aereo”, ha detto York. “Vorrei ricordare alle persone di prendere decisioni ragionevoli che tengano te e la tua famiglia al sicuro”.

Più di 70 ordini di evacuazione sono stati emessi lunedì per la più ampia regione di Sydney, coprendo più di 30.000 persone, e a pochi giorni dall’inizio delle vacanze scolastiche, quando molte famiglie viaggiano, a milioni di persone è stato consigliato di rimanere a casa.

“Per favore, evita qualsiasi viaggio essenziale”, ha detto York. “Se devi viaggiare per favore aspettati ritardi, ci sono molte strade bloccate … e ci sono molte deviazioni”.

I segnali stradali sono stati visti sommersi dalle acque alluvionali lungo il fiume Hawkesbury, nel sobborgo di Windsor, il 4 luglio 2022.

Alcune aree della grande Sydney hanno avuto più piogge rispetto all’intero mese di luglio, ha affermato Jane Golding, del Bureau of Meteorology.

READ  Tre feriti nell'abbattimento russo di un drone ucraino a sud di Mosca

“I numeri sono paragonabili a (precipitazioni di) marzo. La cosa diversa di questo evento è che le piogge si sono accumulate per diversi giorni e questo aumenta i rischi che i fiumi rispondano”, ha detto.

Insieme alle forti piogge, sono stati registrati venti fino a 100 chilometri (62 miglia) all’ora sulla terraferma e sono in atto avvisi di forza della tempesta al largo della costa, dove sono presenti onde fino a cinque metri (16 piedi).

Condizioni pericolose hanno costretto le autorità ad abbandonare gli sforzi per salvare 21 membri dell’equipaggio intrappolati a bordo di una nave mercantile registrata a Hong Kong, Portland Bay, che era bloccata senza elettricità al largo delle coste del New South Wales. Invece, la polizia di stato ha detto che un rimorchiatore è stato inviato per rimorchiare la nave in mare aperto, dove l’Autorità australiana per la sicurezza marittima cercherà di recuperare le forze.

Una nave mercantile con 21 membri dell'equipaggio a bordo rimane bloccata al largo della costa orientale dell'Australia, il 4 luglio 2022.

Crisi climatica in Australia

con il Elezione del Partito Laburista Federale A maggio, l’Australia tenta di tracciare un nuovo corso in risposta alla crisi climatica. E nei recenti viaggi all’estero per incontrare i leader mondiali, il primo ministro Anthony Albanese si è adoperato per garantire che il paese ora prenda sul serio il cambiamento climatico.

“Ogni leader che ho incontrato negli ultimi giorni ha dichiarato di accogliere con favore il cambio di posizione dell’Australia”, ha detto Albanese ai giornalisti venerdì dopo aver incontrato i leader dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico a Parigi.

L’Australia ha ora formalmente firmato per ridurre le emissioni del 43% rispetto ai livelli del 2005 entro il 2030, ma dopo decenni di inazione da parte dei governi precedenti, c’è molto lavoro da fare.

Greg Mullins, ex commissario per i vigili del fuoco e il soccorso del NSW e leader dell’Emergency Leaders Group for Climate Action (ELCA), ha avvertito il mese scorso che con i bacini idrografici saturi e le dighe ostruite, è necessario più lavoro per prepararsi alle inondazioni.

I prezzi dell'energia stanno causando il caos in Asia.  Ecco perché il resto del mondo è preoccupato

In un piano in sei punti presentato al governo, il gruppo ha affermato che era “miope e insostenibile” perché l’Australia spende più soldi per la risposta al disastro e il recupero che per le misure di riduzione del rischio.

READ  Biden promette 500 milioni di dollari per fermare la deforestazione in Brasile

Secondo l’analisi pubblicata da Conservation Australia prima delle elezioni, la spesa del bilancio federale per i programmi ambientali e climatici è diminuita di quasi un terzo sotto il precedente governo di coalizione.

Amanda Mackenzie, amministratore delegato del Climate Council, afferma che l’Australia è “impreparata” per le catastrofi climatiche e ha bisogno di spendere più soldi per costruire la resilienza nelle regioni più vulnerabili.

“Solo una piccola parte della spesa per i disastri è destinata alla preparazione e allo sviluppo della resilienza. Ci aspetteremmo di vedere un cambiamento significativo in quella proporzione per vedere una maggiore attenzione alla preparazione, dato il crescente rischio di disastri causati dal clima”, ha affermato.

Il NSW ha un proprio fondo per i cambiamenti climatici che ha speso più di 224 milioni di dollari australiani (153 milioni di dollari) nel 2020-2021 in programmi per aiutare le comunità a diventare più resilienti, comprese 140.000 persone che vivono nella Hawkesbury-Nepean Valley. Il luogo più vulnerabile dello stato alle inondazioni.

Darren Osmotherly'  s Paradise Café a Lower Portland, New South Wales, è stato allagato quattro volte in 18 mesi.

Ciò include il proprietario della caffetteria Osmotherly, il quale afferma che le autorità possono fare di più per mitigare i rischi di inondazione gestendo meglio le dighe in modo che non trabocchino e inviando più acqua nelle aree già allagate. Ha in programma di riunire un gruppo locale per capire meglio come funziona la diga.

Ma per ora, ci sono questioni più urgenti.

Osmotherly dice che circa 100 persone sono intrappolate nelle loro case lungo un tratto di strada di 10 chilometri (6,2 miglia) vicino al bar, incluso un 80enne, che ha preparato i bagagli e sta aspettando nel suo convoglio per aiutarlo a uscire.

Osmotherly ha detto che finora non può vedere nessun servizio di soccorso locale nella zona e ha intenzione di portare l’anziano a casa a dormire a casa sua.

“In questo momento, non c’è modo di arrivare qui”, ha detto. “Ho una barca di salvataggio dove possiamo portare le persone dentro e fuori. Ma praticamente non c’è nessun posto dove andare”.

Sandy Seidu e Akanksha Sharma della CNN hanno contribuito a questo rapporto.