Dicembre 5, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il maggiore generale Al-Burhan afferma che l'esercito si dimette dal governo |  Notizia

Il maggiore generale Al-Burhan afferma che l’esercito si dimette dal governo | Notizia

Il leader del colpo di stato sudanese, il generale Abdel Fattah Al-Burhan, ha affermato che l’esercito cederà il passo a un governo civile, si ritirerà dai colloqui politici in corso e consentirà ai gruppi politici e rivoluzionari di formare un governo di transizione.

I commenti del generale lunedì arrivano dopo una settimana sanguinosa per il movimento pro-democrazia in Sudan con la continuazione delle proteste su larga scala che chiedono la fine del governo militare nella regione di Khartoum da giovedì.

Nove persone sono state uccise e almeno 629 ferite nella repressione delle proteste da parte delle forze di sicurezza, secondo il Comitato dei medici sudanesi, che ha rintracciato le vittime delle proteste.

Al-Burhan ha affermato in un discorso televisivo che le forze armate non ostacoleranno la transizione democratica, sottolineando l’impegno dell’esercito a lavorare su “elezioni in cui il popolo sudanese sceglie chi lo governerà”.

Ha sottolineato che il consiglio sovrano al potere, guidato da Al-Burhan, composto da militari e civili, sarà sciolto dopo la formazione del nuovo governo.

Il comandante militare ha affermato che dopo la formazione del governo sarà formato un nuovo Consiglio supremo delle forze armate che sarà responsabile dei compiti di sicurezza e difesa e delle “responsabilità correlate” in accordo con il governo.

Ha osservato che il ritiro dell’esercito dai colloqui politici mira a consentire ai gruppi politici e rivoluzionari di formare un governo tecnocratico.

Al-Burhan ha invitato i gruppi ad avviare un “dialogo immediato e serio… che riporterà tutti sulla strada della trasformazione democratica”. Ha sottolineato che l’esercito si impegnerà ad attuare i risultati del dialogo, ma non ha chiarito l’entità del ruolo politico delle forze armate in futuro.

READ  Gli Stati Uniti stanno cercando di confiscare uno yacht alle Fiji. Ma chi lo possiede?

“Molto chiaro sulle loro richieste”

Da quando i militari hanno preso il potere nell’ottobre 2021, le autorità hanno dovuto affrontare proteste di strada quasi settimanali con una repressione mortale che finora ha ucciso 113 persone, tra cui 18 bambini, secondo gli osservatori.

In un rapporto della capitale sudanese, Khartoum, Heba Morgan di Al Jazeera ha affermato che i manifestanti sono stati “molto chiari sulle loro richieste” e “non vogliono che l’esercito rimanga al potere”.

Morgan ha affermato che è improbabile che la dichiarazione del maggiore generale Al-Burhan plachi i manifestanti antimilitari.

“Con la dichiarazione del comandante dell’esercito, generale Abdel Fattah Al-Burhan, è chiaro che l’esercito rimarrà al potere fino a quando i partiti politici non raggiungeranno una sorta di consenso per formare un governo di transizione e fissare una scadenza per le elezioni”, ha affermato Morgan.

“Questo non è d’accordo con i manifestanti. Sette mesi fa hanno chiesto di voler rimuovere l’esercito prima di vedere qualsiasi forma di negoziazione in atto tra i partiti politici per formare un governo di transizione a guida civile.

“Quando si tratta di partiti politici, hanno difficoltà a raggiungere quel consenso”, ha aggiunto Morgan.

E non dimentichiamo che il giorno dell’acquisizione, il maggiore generale Abdel Fattah Al-Burhan ha affermato che sono state le divergenze politiche tra i partiti a spingere l’esercito a prendere il potere e a sciogliere il governo di transizione che avrebbe dovuto portare il Sudan alla democrazia.

Dal colpo di stato che ha portato al potere Al-Burhan, la Missione politica delle Nazioni Unite in Sudan, l’Unione africana e il gruppo dell’Autorità intergovernativa per lo sviluppo regionale di otto paesi dell’Africa orientale hanno cercato di mediare una via d’uscita dall’impasse politica. Ma i colloqui finora non hanno prodotto risultati.

READ  Il giudice mette Biden sul posto a causa dell'immunità del principe ereditario saudita | Maometto bin Salman

I gruppi pro-democrazia hanno ripetutamente affermato che non negozieranno con i militari e li hanno invitati a consegnare immediatamente la questione a un governo civile.

I manifestanti non sono rimasti colpiti dalle parole della brigata e subito dopo il discorso televisivo di Al-Burhan sono emersi nuovi manifestanti nel quartiere Berri di Khartoum.

“Non abbiamo fiducia nelle prove”, ha detto Muhannad Othman, seduto in cima a una barricata allestita dai manifestanti. “Vogliamo solo che se ne vada una volta per tutte”.

Omaima Hussein, un manifestante nel centro di Khartoum, ha affermato che Burhan dovrebbe “essere processato per tutti coloro che sono stati uccisi dopo il colpo di stato” e ha promesso che i manifestanti “lo abbatteranno proprio come abbiamo fatto con Bashir”.

Il Sudan è in subbuglio da quando un colpo di stato militare ha ribaltato la sua breve transizione verso la democrazia dopo 30 anni di governo repressivo dell’ex uomo forte Omar al-Bashir.

L’esercito ha rovesciato Bashir e il governo in una rivolta popolare nell’aprile 2019.