Dicembre 4, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L'ultimo a Kherson: aggiornamenti in tempo reale sulla guerra Russia-Ucraina

L’ultimo a Kherson: aggiornamenti in tempo reale sulla guerra Russia-Ucraina

a lui attribuito…foto di Serge Boblev

Molti fan russi dell’invasione dell’Ucraina mercoledì hanno descritto l’ordine del ministro della Difesa di ritirarsi dalla città di Kherson come una colossale sconfitta, la più devastante per Mosca, secondo qualcuno, dalla caduta dell’Unione Sovietica.

Il ritiro annunciato ha cristallizzato i fallimenti dello sforzo bellico del presidente Vladimir Putin. Sarebbe una perdita umiliante per la più grande città ucraina che la Russia ha catturato durante la sua invasione di nove mesi, poche settimane dopo che Putin l’ha dichiarata parte integrante della Russia in una festa fiorita sulla Piazza Rossa.

Ma gli analisti che seguono da vicino Putin l’hanno visto come un promemoria della volontà di Putin di fare concessioni tattiche in quello che vede come un conflitto su larga scala con l’Occidente che, secondo coloro che lo conoscono, crede ancora di poterlo fare. conquistare.

“Evidenzia solo, a mio avviso, quanto sia pragmatico Putin”, ha detto in un’intervista telefonica Tatiana Stanovaya, un’analista che studia il signor Putin presso la sua società di analisi politica R Politik. “Non è pazzo come pensavamo.”

Lo stesso Putin ha taciuto sulla questione e ha permesso ai suoi funzionari di parlare. Invece, Putin ha visitato un ospedale neurologico e ha parlato a un evento in occasione del 75° anniversario della fondazione dell’Istituto nazionale di salute pubblica russo, lodandolo per aver combattuto il coronavirus e aver aiutato a prendersi cura dei nostri “eroi” in Ucraina.

Il ritiro annunciato è arrivato una settimana dopo che Putin ha accettato di aderire all’accordo che consente di spedire il grano ucraino attraverso il Mar Nero, invertendo la rotta dopo che la Russia ha minacciato di bloccarlo in risposta. Attacco con droni al quartier generale della flotta russa del Mar Nero In Crimea è stato attribuito all’Ucraina, ma Kiev lo ha negato.

READ  Draghi incontra il presidente mentre il governo italiano rischia il collasso

Arriva quando i vicini al Cremlino stanno sempre più speculando sulla possibilità di un accordo di cessate il fuoco con l’Ucraina e sottolineando il Rapporti in I media occidentali hanno affermato che Washington stava incoraggiando Kiev ad aprirsi ai colloqui.

“C’è una certa logica qui”, ha detto Andrei Kortunov, direttore generale del Consiglio per gli affari internazionali della Russia, un’organizzazione di ricerca vicina al governo russo, dell’ordine di ritirarsi dalla sponda occidentale del fiume Dnipro.

Spostandosi sulla sponda orientale più difensiva del fiume, ha detto Kortunov, l’esercito russo stava cercando di abilitare quella che ha descritto come la priorità a breve termine del Cremlino: “stabilizzazione, stabilizzazione” della linea del fronte.

Ma Konrad Muzica, analista militare e direttore di Roshan Consulting, con sede a Danzica, in Polonia, ha affermato che i motivi alla base dell’annuncio erano sconcertanti. “Da un punto di vista militare, una tale dichiarazione non ha senso, a meno che non ci sia un secondo fondo nella storia”, ha detto mercoledì in un’intervista telefonica.

In ritiro, i militari di solito cercano di mantenere l’aspetto di una forte difesa mentre si ritirano in segreto. Tuttavia, l’esercito russo ha annunciato pubblicamente il suo ritiro dal nord della capitale Kiev in primavera e dalla regione nord-orientale di Kharkiv alla fine dell’estate, dopo essere stato sconfitto dalle forze ucraine.

“Devi darlo a loro”, ha detto il signor Muzica. “Sono coerenti.”

La retorica della linea dura stava emergendo da Mosca poche settimane fa, quando l’annessione da parte del Cremlino di sole quattro regioni ucraine che controlla – inclusa la regione di Kherson – sembrava indicare una significativa escalation della guerra e forse un precursore dell’uso di armi nucleari.

READ  Terremoto Taiwan: allerta tsunami dopo terremoto di magnitudo 6,9

Ma da allora Putin ha ritirato la sua retorica nucleare e mercoledì alcune delle voci più influenti della Russia a favore della guerra hanno espresso sostegno al ritiro di Kherson.

Ramzan Kadyrov, l’uomo forte che governa la repubblica russa di Cecenia, l’ha descritta come una “scelta difficile ma giusta tra sacrifici insignificanti per dichiarazioni di alto profilo e salvare vite inestimabili di soldati”.

Ora è importante “non soffrire, non contorcersi in paranoia, ma trarre conclusioni ed elaborare errori”, ha affermato Yevgeny Prigozhin, un uomo d’affari che dirige l’esercito privato noto come Gruppo Wagner.

Quelle dichiarazioni erano un segno che il Cremlino aveva gettato con cura le basi propagandistiche per il ritiro, cercando di evitare questo genere Il cecchino interno che seguì Il caos russo si è placato all’inizio di questo autunno nell’Ucraina orientale e settentrionale.

Tuttavia, l’ho fatto Non mettere a tacere completamente l’ira dei falchi. Un analista filo-Cremlino, Sergei Markov, descrivilo Ritiro come “la più grande sconfitta geopolitica per la Russia dal crollo dell’Unione Sovietica”

Andrew E. Cramer E il Marco Santora Contribuire alla redazione dei rapporti.