Dicembre 4, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Taraneh Alidouosti: l'attrice iraniana pubblica una foto senza hijab a sostegno delle proteste anti-governative

Taraneh Alidouosti: l’attrice iraniana pubblica una foto senza hijab a sostegno delle proteste anti-governative



CNN

La famosa attrice iraniana Taraneh Alidouosti ha pubblicato una sua foto su Instagram senza l’hijab obbligatorio per mostrare il suo sostegno. Proteste antigovernative in corso Che è stato lanciato in Iran quasi due mesi fa.

Nella foto, Alidouosti tiene uno striscione con la scritta “Donne, vita, libertà” in curdo, uno slogan comune che è stato utilizzato in manifestazioni in gran parte guidate da donne.

“La tua recente assenza, la migrazione degli uccelli canori, non è la fine di questa ribellione”, ha scritto Alidoosty nel suo post su Instagram.

L’attore, che ha recitato nel film premio Oscar Il venditore, ha condiviso una serie di post sui social media critici nei confronti del regime ed è stato un pubblico sostenitore delle manifestazioni. È anche conosciuta come sostenitrice dei diritti delle donne in Iran.

All’inizio di questa settimana, Alidoosty ha promesso in un altro post di Instagram di rimanere nella sua terra natale, dicendo: “Sono io quella che resta e non ho affatto intenzione di andarmene”.

“Starò con le famiglie dei prigionieri e dei morti e chiederò i loro diritti”, dice Alidouosti. Condivisione Instagram.

“Lotterò per la mia casa. Pagherò qualsiasi prezzo per pagare il mio diritto”.

Alidouosti è una delle numerose attrici iraniane che si sono tolte il velo obbligatorio Protesta contro l’establishment religioso.

Mercoledì, gli attori iraniani Donia Madani e Khazar Masoumi hanno pubblicato le loro foto su Instagram senza velo.

La Repubblica islamica sta affrontando una delle manifestazioni di opposizione più grandi e tuttavia senza precedenti La morte di Mahsa Aminiuna donna curda iraniana di 22 anni che è stata arrestata dalla polizia della moralità con l’accusa di non aver indossato correttamente il velo.

Dalla sua morte il 16 settembre, i manifestanti in tutto l’Iran si sono riuniti su una serie di lamentele contro il regime. Nel frattempo, le autorità iraniane stanno intensificando i loro sforzi per porre fine alla rivolta.

Secondo l’agenzia di stampa della Repubblica islamica iraniana, circa 1.000 persone sono state accusate nella provincia di Teheran per la loro presunta partecipazione alle proteste.

Fino a 14.000 persone in totale sono state arrestate in tutto il paese, inclusi giornalisti, attivisti, avvocati e insegnanti. Tra questi c’è l’artista rap dissidente iraniano Tomaj Salhiche è accusato di crimini punibili con la morte, secondo i media statali iraniani.

Javed Rehman, Relatore speciale sulla situazione dei diritti umani nella Repubblica islamica dell’Iran, ha affermato che “l’implacabile risposta violenta delle forze di sicurezza” ha provocato almeno 277 morti. nel titolo mercoledì al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, un numero supportato da rapporti di gruppi per i diritti umani.

READ  L'aiutante di Zelensky afferma che Vladimir Putin "vive nella paura per la sua vita mentre l'esercito si ritira"