Luglio 2, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L'UE propone il divieto alle importazioni di petrolio russo, rimuove Sberbank da Swift

L’UE propone il divieto alle importazioni di petrolio russo, rimuove Sberbank da Swift

Ma il piano ha subito incontrato l’opposizione dei paesi dell’UE che cercavano un periodo di transizione più lungo, inclusa l’Ungheria, che avrebbe già offerto un anno in più per rinunciare al petrolio russo.

“Il periodo più breve, su questo siamo stati chiari, le nostre compagnie petrolifere sono state chiare su questo, è da tre a cinque anni”, ha detto alla CNN il portavoce del primo ministro Viktor Orban, Zoltan Kovacs.

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha dichiarato mercoledì che le misure faranno parte del sesto round di sanzioni contro la Russia per l’invasione dell’Ucraina.

“Ora proponiamo un embargo sul petrolio russo”, ha detto in un discorso al Parlamento europeo. Sia chiaro: non sarà facile. Ma dobbiamo semplicemente lavorarci sopra. Faremo in modo che il petrolio russo venga gradualmente eliminato in modo ordinato, per aumentare la pressione sulla Russia, riducendo al minimo l’impatto sulle nostre economie. “

Ha aggiunto che le forniture di petrolio greggio saranno gradualmente eliminate entro sei mesi e le importazioni di prodotti petroliferi raffinati entro la fine del 2022.

La notizia della proposta ha fatto aumentare i prezzi del greggio di circa il 4%. Il greggio Brent, il benchmark globale, è stato scambiato a circa $ 109 al barile, mentre i futures sul petrolio statunitense hanno superato $ 106 al barile alle 12:30 ET.

I prezzi del petrolio sono aumentati di circa il 40% dall’inizio dell’anno a causa dei timori che l’invasione russa dell’Ucraina possa portare a uno shock dell’offerta, facendo salire l’inflazione e mettendo sotto pressione le economie europee.

I paesi dell’Unione Europea hanno già deciso di eliminarli Importazioni russe di carbone Ma il blocco ha trovato più difficile raggiungere un consenso sull’embargo petrolifero Nonostante settimane di conversazioni.

L’Ungheria ha affermato di non poter sostenere la proposta nella sua forma attuale perché era preoccupata per ciò che ciò potrebbe significare per la sicurezza energetica del paese. Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia, nel 2021 quasi il 60% del petrolio importato proveniva dalla Russia.

READ  Gli ucraini fermano il gas russo in uno degli hub e guadagnano a est

“Il fulcro del processo decisionale in Europa è il consenso”, ha affermato Kovacs. “Abbiamo detto a Bruxelles ea tutti i paesi europei che, a nome dell’Ungheria, questo non può essere fatto come richiesto”.

Reuters ha riferito che anche la Slovacchia – che l’anno scorso ha ottenuto il 92% delle sue importazioni di petrolio dalla Russia – e la Repubblica Ceca hanno cercato periodi di transizione più lunghi di quelli previsti nel piano dell’Unione Europea.

La Russia è il secondo esportatore mondiale di greggio e l’anno scorso ha rappresentato circa il 27% delle importazioni di petrolio dell’Unione europea. Stati Uniti, Canada, Regno Unito e Australia hanno già vietato le importazioni.

Queste sanzioni – e gli embarghi de facto da parte di alcune raffinerie e commercianti di petrolio europei – hanno colpito i prezzi del petrolio russo. Il suo greggio Urals di riferimento viene ora scambiato con uno sconto di $ 35 al barile rispetto al Brent, rispetto a meno di $ 1 prima dell’invasione.

Si dice che alcuni clienti in Asia stiano acquistando più petrolio russo ma non in quantità sufficienti per compensare la perdita di acquirenti occidentali.

“La capacità della Russia di reindirizzare tutte le spedizioni indesiderate dall’Occidente all’Asia è limitata, il che significa che in caso di embargo, la Russia dovrà ridurre ulteriormente la produzione perché non dispone della capacità di stoccaggio per ulteriori volumi di greggio”, analisti di Rystad Energia ha scritto. Il rapporto di ricerca di lunedì.

L'Europa ha acquistato energia russa per un valore di 46 miliardi di dollari dall'inizio della guerra in Ucraina

L’Agenzia internazionale per l’energia ha recentemente stimato che le forniture di petrolio russe diminuiranno di 1,5 milioni di barili al giorno ad aprile con il calo della domanda, con queste perdite che accelereranno a 3 milioni di barili al giorno questo mese.

READ  Guerra russo-ucraina: civili evacuano lo stabilimento Mariupol Azovstal | notizie di guerra tra Russia e Ucraina

Ma l’aumento dei prezzi globali del petrolio e del gas naturale significa che Mosca continua a raccogliere enormi somme dalle sue esportazioni di energia. Rystad stima che quest’anno la Russia raccoglierà più di 180 miliardi di dollari di entrate fiscali sull’energia, il 45% in più rispetto al 2021, nonostante i tagli alla produzione di petrolio.

isolamento finanziario

I paesi occidentali continuano a cercare altri modi per rendere difficile al presidente russo Vladimir Putin finanziare il suo sforzo bellico. Von der Leyen ha affermato che l’Unione europea propone la rimozione Sberbank (SBRCY)e altre due grandi banche, da SWIFT, la rete sicura utilizzata da oltre 11.000 istituti finanziari per inviare messaggi e pagare ordini.
Sberbank è la banca più grande della Russia.

L’Association for Worldwide Interbank Financial Telecommunication, con sede in Belgio, deve rispettare le normative dell’Unione Europea. Senza un’alternativa universalmente accettata, questo è un impianto idraulico essenziale della finanza globale.

“Abbiamo colpito le banche che sono sistemicamente importanti per il sistema finanziario russo e la capacità di Putin di devastare”, ha detto von der Leyen. Ciò rafforzerà il completo isolamento del settore finanziario russo dal sistema globale.

Anche tre importanti stazioni radio statali russe saranno bandite dalle onde radio europee.

Anna Cuban e Julia Horowitz hanno contribuito a questo articolo.