Maggio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L'immagine di Hubble potrebbe contenere prove di cannibalismo stellare in una nebulosa a forma di manubrio

L'immagine di Hubble potrebbe contenere prove di cannibalismo stellare in una nebulosa a forma di manubrio

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l'universo con notizie di scoperte affascinanti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

Il telescopio spaziale Hubble ha catturato una nuova straordinaria immagine del gas incandescente emanato da una stella morente, che in questo caso assomiglia a un “manubrio cosmico”.

L'immagine potrebbe anche includere prove che la stella abbia divorato un'altra stella, in una forma di cannibalismo stellare, prima di collassare.

La NASA ha pubblicato un'immagine della Nebulosa Piccolo Manubrio, conosciuta anche come Messier 76 o M76, per commemorare il 34° anniversario del lancio dell'osservatorio spaziale il 24 aprile 1990.

Situata a 3.400 anni luce di distanza nella costellazione del Perseo, la nebulosa è un involucro in espansione di gas espulso da una stella gigante rossa morente. Il corpo cosmico è conosciuto come nebulosa planetaria, ma non ha nulla a che fare con i pianeti.

Le nebulose planetarie di solito hanno una struttura rotonda e furono chiamate così perché inizialmente somigliavano ai dischi da cui si formano i pianeti quando l'astronomo francese Charles Messier ne scoprì per la prima volta una nel 1764. Pierre Mischin scoprì la Piccola Nebulosa Manubrio nel 1780, catturando gli astronomi per la prima volta. Una volta uno sguardo alla nebulosa planetaria. Veduta dettagliata della nebulosa fotonica nel 1891. Da allora la nebulosa fotonica è diventata una delle preferite dagli astronomi professionisti e dilettanti grazie alla sua forma unica.

Se i ricercatori confermassero che la nebulosa contiene la prova di un caso di cannibalismo cosmico, potrebbe fornire la prova dell’esistenza della compagna di lunga data della gigante rossa.

READ  Lo studio ha rivelato che il sito fossile era un luogo di nascita per giganteschi rettili marini

La Nebulosa Piccolo Manubrio contiene un anello che dalla nostra prospettiva sembra una barra centrale che collega due lobi su entrambi i lati dell'anello. Prima che l’invecchiamento della stella gigante rossa collassasse, rilasciò un anello di gas e polvere. Quindi, secondo gli astronomi, l’anello era probabilmente formato da una stella compagna, e l’anello di gas e polvere alla fine formò uno spesso disco.

La stella compagna, che era in orbita attorno alla gigante rossa, non può essere vista nell'immagine di Hubble. Gli astronomi credono che la stella gigante rossa abbia inghiottito la sua compagna e, studiando l'anello, possono estrarre “prove forensi” di questo atto cosmico cannibalistico, secondo il sito web americano “space”. Lancio della NASA.

Dopo il suo collasso, la stella gigante rossa si è trasformata in un resto stellare morto noto come stella nana bianca ultra-densa. La nana bianca ha una temperatura di 250.000 ° F (138.871 ° C), che la rende 24 volte più calda della superficie del nostro Sole ed è una delle stelle nane bianche più calde conosciute.

Una nana bianca è la luce bianca brillante al centro della nebulosa nell'immagine di Hubble.

Nel frattempo, i due lobi visibili nell’immagine rappresentano il gas caldo che fuoriesce e viene trasportato con una forza simile a un tornado mentre il materiale viene rilasciato dalla stella morente, spingendola attraverso lo spazio a 2 milioni di miglia all’ora. Il vento stellare proveniente dalla stella si scontra con il gas più freddo e che si muove più lentamente, che la stella inizialmente ha espulso molto presto nella sua vita e che può essere visto nei lobi.

READ  Il nucleo interno della Terra si fermò, poi invertì la sua rotazione. questo è buono.

La radiazione ultravioletta della stella in fiamme fa sì che i gas brillino in diversi colori che rappresentano diversi elementi, come il rosso per l'azoto e il blu per l'ossigeno.

Gli astronomi stimano che entro 15.000 anni la nebulosa scomparirà dal cielo notturno poiché continua ad espandersi e a diventare più scura.

La Nebulosa Piccolo Manubrio è solo uno dei 53.000 oggetti astronomici che Hubble ha osservato in 34 anni e ad oggi il telescopio ha effettuato 1,6 milioni di osservazioni. Gli astronomi di tutto il mondo si affidano al telescopio e al suo database in continua crescita per fare nuove scoperte.

“Il telescopio spaziale è la missione di astrofisica spaziale più scientificamente produttiva nella storia della NASA”, secondo una dichiarazione della NASA.

Hubble e il telescopio spaziale James Webb funzionano come complemento l'uno dell'altro, combinando osservazioni su diverse lunghezze d'onda della luce per gettare uno sguardo più chiaro e profondo sull'universo mentre gli astronomi cercano di svelare i misteri su supernove, galassie distanti, esopianeti e altre anomalie celesti.