Febbraio 2, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il ministro del Kosovo afferma che la Serbia mira a destabilizzare il Paese

Mitrovica, Kosovo (Reuters) – Il ministro dell’Interno del Kosovo Djelal Svekla ha dichiarato martedì che la Serbia, sotto l’influenza della Russia, mira a destabilizzare il Kosovo sostenendo la minoranza serba nel nord che blocca le strade e protesta da quasi tre settimane. .

I serbi nella città etnicamente divisa di Mitrovica, nel nord del Kosovo, hanno eretto nuove barricate martedì, ore dopo che la Serbia ha dichiarato di aver messo il suo esercito in massima allerta dopo settimane di crescenti tensioni tra Belgrado e Pristina.

“È proprio la Serbia, che è stata influenzata dalla Russia, che ha innalzato lo stato di prontezza militare e ordinato l’erezione di nuove barriere, al fine di giustificare e proteggere i gruppi criminali che terrorizzano… i cittadini serbi che vivono in Kosovo”, ha detto Svekla in una dichiarazione.

La Serbia nega che stia cercando di destabilizzare il suo vicino e dice che vuole solo proteggere la sua popolazione minoritaria. Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha dichiarato martedì che la Serbia “continuerà a lottare per la pace e cercherà compromessi”.

Belgrado aveva detto lunedì scorso che, alla luce dei recenti avvenimenti nella regione e della sua convinzione che il Kosovo si stesse preparando ad attaccare i serbi e rimuovere le barriere con la forza, aveva ordinato che il suo esercito e la sua polizia fossero messi in massima allerta.

Dal 10 dicembre, i serbi nel nord del Kosovo hanno istituito diversi posti di blocco dentro e intorno a Mitrovica e hanno avuto uno scontro a fuoco con la polizia dopo che un ex poliziotto serbo è stato arrestato con l’accusa di aver aggredito agenti di polizia in servizio.

READ  Aggiornamenti in tempo reale dell'Ucraina: Kiev è stata scossa da attacchi di droni

Il Kosovo a maggioranza albanese ha dichiarato l’indipendenza dalla Serbia nel 2008 con il sostegno occidentale, in seguito alla guerra del 1998-1999 in cui la NATO è intervenuta per proteggere i cittadini albanesi.

Il Kosovo non è membro delle Nazioni Unite e cinque paesi dell’UE – Spagna, Grecia, Romania, Slovacchia e Cipro – si rifiutano di riconoscere il Kosovo.

La Russia, storico alleato della Serbia, bandisce il Kosovo dall’adesione alle Nazioni Unite.

Circa 50.000 serbi vivono nella parte settentrionale del Kosovo e si rifiutano di riconoscere il governo o lo stato di Pristina. Vedono Belgrado come la loro capitale.

Il governo del Kosovo ha affermato che la polizia ha la capacità e la volontà di agire, ma sta aspettando che la forza di mantenimento della pace della NATO della Forza del Kosovo (KFOR) risponda alla sua richiesta di rimuovere i blocchi stradali.

Vucic ha detto che sono in corso colloqui con diplomatici stranieri su come risolvere la situazione.

E a Mitrovica martedì mattina i camion sono stati fermati per bloccare la strada che collega la parte della città a maggioranza serba con quella a maggioranza albanese.

I serbi chiedono la liberazione dell’ufficiale arrestato e hanno altre richieste prima di rimuovere le barriere.

I sindaci di etnia serba dei comuni del nord del Kosovo, insieme a giudici locali e circa 600 agenti di polizia, si sono dimessi il mese scorso per protestare contro la decisione del governo del Kosovo di sostituire le targhe dei veicoli emesse dalla Serbia con quelle emesse da Pristina.

READ  Rapporto: Long-Covid tiene fuori dalla forza lavoro 2-4 milioni di americani

L’invasione russa dell’Ucraina ha spinto i paesi dell’UE a dedicare maggiori energie al miglioramento delle relazioni con i sei paesi balcanici di Albania, Bosnia-Erzegovina, Kosovo, Montenegro, Macedonia del Nord e Serbia, sebbene rimangano riluttanti ad espandere ulteriormente l’UE.

(Copertura) Di Fatos Paetsi e Ivana Sekularac, Montaggio di Alexandra Hudson

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.