Maggio 20, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Shanghai ha eretto una recinzione attorno alle aree colpite dal Corona virus, che ha portato a nuove proteste

Shanghai ha eretto una recinzione attorno alle aree colpite dal Corona virus, che ha portato a nuove proteste

SHANGHAI, 24 aprile (Reuters) – Le autorità di Shanghai, combattendo lo scoppio del virus COVID-19, hanno eretto recinzioni all’esterno dei condomini, suscitando nuova rabbia nell’opinione pubblica per il blocco che ha costretto molti dei 25 milioni di residenti della città al chiuso.

Le immagini di lavoratori in tuta bianca che bloccano gli ingressi ai condomini e che bloccano intere strade con una recinzione verde lunga circa due metri si sono diffuse sui social media, suscitando domande e lamentele da parte dei residenti.

“Questa è una mancanza di rispetto per i diritti delle persone all’interno, usando barriere di metallo per chiuderle come animali domestici”, ha affermato un utente sulla piattaforma di social media Weibo.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Uno dei video mostrava i residenti che urlavano dai balconi ai lavoratori che cercavano di erigere una recinzione prima che si ritirassero e la prendessero. Altri video mostravano persone che cercavano di rimuovere le recinzioni.

“Non è un pericolo di incendio?” ha chiesto un altro utente Weibo.

Molte recinzioni sono state erette attorno ai complessi designati come “aree chiuse”: edifici in cui almeno una persona è risultata positiva al COVID-19, il che significa che ai residenti è impedito di uscire dalle porte di casa.

Non è chiaro cosa abbia spinto le autorità a ricorrere alla scherma. Un avviso datato sabato da un’autorità locale pubblicata online affermava che stava imponendo una “quarantena rigorosa” in alcune aree.

La Reuters non è stata in grado di verificare l’autenticità dell’avviso o di tutte le foto, ma domenica ha visto una recinzione verde in una strada nel centro di Shanghai.

READ  Le ultime notizie della guerra tra Russia e Ucraina: aggiornamenti in tempo reale

Questa settimana, Reuters ha anche visto la polizia in tute ignifughe pattugliare le strade di Shanghai, installare posti di blocco e dire ai pedoni di tornare a casa.

Il governo di Shanghai non ha risposto a una richiesta di commento.

La città più popolosa della Cina e il più importante centro economico sta combattendo il più grande focolaio di COVID-19 del paese con una politica di spingere tutti i casi positivi nei centri di quarantena.

Il blocco, che dura da più di tre settimane per molti residenti, ha alimentato la frustrazione per l’accesso al cibo e alle cure mediche, la perdita di salari, la separazione familiare e le condizioni di quarantena.

Ha anche paralizzato la seconda economia più grande del mondo, con la produzione industriale interrotta da catene di approvvigionamento congestionate e le difficoltà di una popolazione chiusa che torna al lavoro. Leggi di più

Shanghai sta conducendo test COVID-19 quotidiani in tutta la città e sta accelerando il trasferimento dei casi positivi alle strutture centrali per eliminare la trasmissione del virus al di fuori delle aree di quarantena.

La scorsa settimana, le autorità hanno anche spostato intere comunità, comprese le persone non infette, dicendo che avevano bisogno di disinfettare le loro case, secondo i residenti e i post sui social media.

Molti residenti si sono rivolti a Internet per sfogarsi sul blocco ed esprimere dissenso, usando eufemismi e altri mezzi per combattere la censura del governo che spesso rimuove i contenuti critici nei confronti delle autorità.

READ  L'Ucraina afferma che decine di migliaia di persone sono state uccise a Mariupol e accusa la Russia di abusi

I dati dell’app di chat hanno mostrato che i video “Senti cantare?” sono stati ripubblicati. , un inno di protesta di “Les Miserables”, poiché sabato il titolo del musical francese ha ricevuto oltre 90 milioni di menzioni su WeChat.

Shanghai ha riportato 39 decessi per COVID-19 il 23 aprile, rispetto ai 12 del giorno prima e di gran lunga il più grande durante l’attuale epidemia.

Nelle prime settimane non sono stati segnalati decessi, sollevando dubbi tra i residenti su queste cifre. Da allora ha riportato 87 decessi, tutti negli ultimi sette giorni.

La città ha registrato 19.657 nuovi casi asintomatici trasmessi localmente, rispetto ai 20.634 del giorno prima, e 1.401 asintomatici, contro 2.736.

Il numero totale di casi al di fuori delle aree di quarantena è stato di 280 dai 218 del giorno precedente. Altre città che erano sotto blocco hanno iniziato ad allentare le restrizioni una volta che i casi hanno raggiunto lo zero.

La Cina è ampiamente riuscita a tenere a bada il COVID-19 dopo l’epidemia iniziale a Wuhan alla fine del 2019, con una politica di “zero dinamico” volta a eliminare le catene di infezione.

Questo approccio è stato messo in discussione dalla diffusione di una variante di Omicron altamente contagiosa ma meno letale, che ha spinto le città a imporre diversi livelli di restrizioni di movimento.

A livello nazionale, la Cina ha segnalato oggi 20.285 nuovi casi di coronavirus, sabato, rispetto ai 21.423 casi del giorno precedente, con 1.580 casi sintomatici, rispetto a 2.988 casi.

Pechino ha registrato 22 nuovi casi di COVID-19 – tutti trasmessi localmente – rispetto ai sei del giorno prima, spingendo un certo numero di palestre e fornitori di attività doposcuola a sospendere le lezioni di persona.

Ulteriori servizi di Brenda Goh, Jacqueline Wong, Martin Pollard, Norihiko Shiroso e David Stanway, redazioni di Shanghai e Pechino; Montaggio di Tony Munro e Christopher Cushing

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.