Luglio 20, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I profitti di Tesla diminuiscono del 55% e la società afferma che le vendite di auto elettriche sono “sotto pressione” da parte delle auto ibride

I profitti di Tesla diminuiscono del 55% e la società afferma che le vendite di auto elettriche sono “sotto pressione” da parte delle auto ibride

Crediti immagine: Justin Sullivan/Getty Images

I profitti di Tesla sono diminuiti del 55% a 1,13 miliardi di dollari nel primo trimestre rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso a causa di una strategia prolungata di riduzione dei prezzi delle auto elettriche e “parecchi inaspettato “Sfide” Incidere negativamente sui profitti dell'industria automobilistica.

Tesla ha riportato ricavi di 21,3 miliardi di dollari Nel primo trimestre un calo del 9% rispetto al primo trimestre 2023. Gli analisti intervistati da Yahoo Finance prevedevano utili di 0,51 dollari per azione su un fatturato di 22,15 miliardi di dollari. Tesla ha riportato un utile operativo di 1,2 miliardi di dollari nel primo trimestre, in calo del 54% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Lo ha detto la società Rapporto sugli utili del primo trimestre Ha affermato di aver dovuto affrontare “diverse sfide” nel primo trimestre, tra cui il conflitto del Mar Rosso, un incendio doloso alla Gigafactory di Berlino e il graduale lancio del Modello 3 aggiornato nella sua fabbrica di Fremont, in California. Tesla ha anche osservato che le vendite globali di veicoli elettrici rimangono sotto pressione poiché molte case automobilistiche danno priorità agli ibridi rispetto ai veicoli elettrici. Il lato positivo è che questo approccio ibrido significa che le case automobilistiche continuano ad acquistare crediti regolamentari; Tesla ha ricevuto 442 milioni di dollari in crediti d’imposta a zero emissioni nel primo trimestre.

“Il tasso di adozione globale dei veicoli elettrici è sotto pressione e molte altre case automobilistiche si stanno ritirando dai veicoli elettrici e perseguono invece gli ibridi”, ha affermato il CEO di Tesla, Elon Musk, nel suo discorso di apertura alla conferenza sugli utili. “Crediamo che questa non sia la strategia giusta e che i veicoli elettrici alla fine domineranno il mercato”.

Azioni pop sulle promesse future

I risultati sono stati pubblicati martedì dopo la chiusura dei mercati. Inviato azioni fino al 12% Dopo il rilascio, gli investitori sembravano concentrarsi maggiormente sulle dichiarazioni lungimiranti di Tesla sui prodotti futuri, inclusa una tabella di marcia del prodotto capovolta per portare sul mercato molti veicoli più economici entro il 2025.

READ  Nvidia ha chiuso con una valutazione di 2mila miliardi di dollari mentre Dell ha alimentato l’ascesa dell’intelligenza artificiale

Nonostante la tendenza al ribasso degli utili, Tesla ha utilizzato il suo rapporto del primo trimestre per concentrarsi sul futuro, in particolare sull’uso dell’intelligenza artificiale per fare progressi nella guida autonoma e introdurre nuovi prodotti, compresi quelli costruiti sulla sua piattaforma di veicoli di prossima generazione. La società ha speso 1,1 miliardi di dollari in ricerca e sviluppo nel primo trimestre, con un aumento del 49% rispetto allo stesso trimestre del 2023.

Musk ha sottolineato che, nonostante la pressione al ribasso, la società si sta concentrando e investendo nel futuro. Nello specifico, Musk ha affermato che la società sta accelerando i lavori su una nuova gamma di veicoli con produzione prevista all’inizio del 2025, se non alla fine di quest’anno.

“Questi nuovi veicoli, compresi modelli più convenienti, utilizzeranno aspetti della nostra piattaforma di prossima generazione così come aspetti delle nostre piattaforme esistenti”, ha affermato. “Saremo in grado di produrre sulle stesse linee di produzione della nostra attuale gamma di veicoli”.

Costo delle riduzioni di prezzo

Tesla ha visto crescere le vendite di veicoli elettrici negli ultimi anni, raggiungendo un nuovo record di 1,8 milioni di veicoli nel 2023. Ma i profitti dell’azienda hanno sofferto a causa dei ripetuti tagli dei prezzi iniziati alla fine del 2022.

Sebbene queste riduzioni dei prezzi abbiano fornito un aumento temporaneo delle vendite, non hanno avuto effetti duraturi. Tesla ha consegnato 386.810 veicoli nel primo trimestre del 2024, in calo del 20% rispetto ai 484.507 veicoli consegnati nel quarto trimestre del 2023. E non è stato nemmeno solo un trimestre trimestrale; Tesla ha consegnato l’8,5% di veicoli in meno rispetto al primo trimestre del 2023. I margini di profitto lordi del settore automobilistico, esclusi i crediti regolamentari, si sono contratti al 16,35% nel primo trimestre rispetto al 18,96% nello stesso periodo dell’anno scorso.

Tesla aveva avvertito a gennaio che la crescita delle vendite di auto “potrebbe essere significativamente inferiore” nel 2024, sottolineando all’epoca che si trovava tra “due grandi ondate di crescita” e preparandosi a lanciare una nuova piattaforma di veicoli per costruire un’auto elettrica più piccola che costa circa $ 25.000. L’azienda sta inoltre preparando un “taxi robot” costruito sulla stessa piattaforma. Nel frattempo, l’unico nuovo modello di Tesla è il costoso (e pignolo) Cybertruck; L'azienda ha lanciato nuove varianti sui modelli esistenti, inclusa la Tesla Model 3 Performance.

READ  Il governo degli Stati Uniti potrebbe lanciare un nuovo sforzo per impossessarsi della proprietà privata, afferma il CEO di JPMorgan: ecco perché

Il veicolo elettrico più piccolo ed economico entrerà in produzione alla fine del 2025 nello stabilimento dell’azienda in Texas e alla fine si espanderà in una fabbrica ancora da costruire in Messico, ha detto Musk durante la conferenza sugli utili dell’azienda di gennaio.

Tre mesi dopo, Musk sembra aver cambiato le regole del gioco per i veicoli elettrici a basso costo dell’azienda. Secondo quanto riferito, Musk ha sostituito il progetto di un veicolo elettrico a basso costo appositamente costruito sulla nuova piattaforma. Invece, ora vuole spingere forte sul robotaxi, che sarà presentato in una forma o nell’altra ad agosto, lanciando anche “nuovi modelli” che in qualche modo utilizzano ciò che è stato sviluppato per quella nuova piattaforma.

Meno di due settimane dopo aver annunciato la data di lancio di Robotaxi, Musk ha supervisionato una riduzione del 10% dell’organico e una ristrutturazione che mette al centro l’autonomia. Anche due importanti dirigenti hanno lasciato l’azienda: Drew Baglino, vicepresidente senior per il potere e l’energia di Tesla, e Rohan Patel, vicepresidente delle politiche pubbliche e dello sviluppo aziendale. Lo ha detto martedì il CFO di Tesla Vaibhav Taneja durante una conferenza sugli utili risparmio sono nato Di riduzione della forza lavoro è è prevista A Lui è Bene In eccesso A $1 un miliardo SU Quello annuale Base.

Altre fonti di reddito

Mentre i ricavi del settore automobilistico sono diminuiti, si sono registrati guadagni in altri settori del business, in particolare nello stoccaggio dell’energia.

La società ha riferito che le implementazioni di stoccaggio dell’energia sono aumentate fino al livello record di 4,1 gigawattora. Ciò ha spinto i ricavi della produzione di energia (ovvero solare) e dello stoccaggio a 1,6 miliardi di dollari nel primo trimestre, con un aumento del 7% rispetto allo stesso trimestre dell’anno scorso. Tesla ha osservato che la maggior parte di questa crescita deriva dall’aumento delle implementazioni di Megapack, che è stato parzialmente compensato da un calo delle installazioni solari.

READ  I funzionari affermano che probabilmente l’errore umano ha causato l’incidente e il deragliamento della metropolitana

La società ha inoltre registrato ricavi da servizi per 2,28 miliardi di dollari, compreso il capitale generato dalla sua rete Supercharger. Si prevede che questa fonte di entrate aumenterà man mano che sempre più case automobilistiche, tra cui Ford, GM, Rivian e VW, adotteranno la tecnologia di Tesla nota come North American Charging Standard.

Tesla semi ritardato

Mentre Tesla avanza con la sua autonomia e la roadmap di nuovi prodotti, altri progetti continuano a essere ritardati. La produzione in serie della Tesla Semi, presentata per la prima volta nel novembre 2017, sarà ora rinviata di un altro anno.

La produzione della Tesla Semi, originariamente prevista per il 2019, è stata più volte rinviata. L’azienda ha presentato un’auto quasi pronta per la produzione nel dicembre 2022 e ne ha consegnate alcune a Pepsi, il suo primo cliente, come versione di prova. Ma non ha ancora aumentato il volume di produzione.

Lo scorso giugno, Musk aveva dichiarato che la società non avrebbe nemmeno iniziato la produzione del grande impianto di Classe 8 Fine del 2024. Secondo Tesla, la produzione del primo Semirimorchio è ora prevista per la fine del 2025, mentre i clienti terzi inizieranno nel 2026.

Tesla sta finalizzando la progettazione del Semi per consentire una “produzione altamente conveniente ed altamente efficiente”, secondo le informazioni condivise durante la chiamata. La società ha condiviso nel suo rapporto sugli utili del primo trimestre di aver iniziato la costruzione di una fabbrica Tesla Semi vicino alla cosiddetta Gigafactory a Sparks, Nevada.