Maggio 20, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il tanto atteso Starliner della Boeing è pronto per il suo primo volo di prova verso la Stazione Spaziale Internazionale

Il tanto atteso Starliner della Boeing è pronto per il suo primo volo di prova verso la Stazione Spaziale Internazionale

Dopo anni di ritardo sulla tabella di marcia e oltre 1 miliardo di dollari sotto budget, la capsula Starliner di Boeing si sta finalmente preparando per il suo primo lancio pilota lunedì, un importante volo di prova che trasporterà due astronauti veterani alla Stazione Spaziale Internazionale, dimostrando così un’alternativa alla navicella spaziale operativa di SpaceX .In effetti la Ciurma del Drago.

Mentre SpaceX ha lanciato in orbita 50 astronauti, astronauti e civili su 13 voli di prova della Crew Dragon da maggio 2020, Boeing ha riscontrato diversi problemi tecnici che hanno richiesto ampie rielaborazioni – e un ulteriore volo di prova senza equipaggio – per essere risolti.

Ma i responsabili della missione affermano che tutti i problemi noti sono stati corretti, sono stati implementati numerosi aggiornamenti e altri miglioramenti e la navicella spaziale è stata accuratamente testata per verificare che sia finalmente pronta a trasportare in sicurezza gli astronauti da e verso la stazione spaziale.

La nave dell’equipaggio degli astronauti Starliner della Boeing galleggia su un razzo Atlas 5 della United Launch Alliance presso la stazione spaziale di Cape Canaveral in attesa del lancio sul terzo volo di prova della navicella, il primo con gli astronauti a bordo.

Alleanza di lancio unita


Nessuno è più entusiasta del lancio dell’equipaggio dello Starliner, entrambi astronauti della NASA in servizio attivo.

“Ho completa fiducia nel management che prende le decisioni che arrivano al team operativo, e completa fiducia nella NASA e nella Boeing”, ha affermato il comandante della missione Barry “Butch” Wilmore. “Ci sono stati alcuni problemi in passato. Questo è il passato. Questo non è adesso.”

Il copilota Sunita Williams è d’accordo, aggiungendo: “Sento che abbiamo imparato molte lezioni e che sono state integrate. … Non diremo che siamo preparati se non lo siamo. “

Il tanto atteso lancio dello Starliner è previsto a bordo di un razzo Atlas 5 della United Launch Alliance presso la stazione spaziale di Cape Canaveral alle 22:34 EDT di lunedì, più o meno nel momento in cui la rotazione della Terra mantiene il Launch Complex 41 in allineamento con l’orbita della stazione spaziale.

Wilmore e Williams sono particolarmente adatti per portare lo Starliner nel suo primo giro di prova. Sono entrambi ex piloti collaudatori della Marina e due degli astronauti più esperti della NASA, con quattro voli spaziali, 11 passeggiate spaziali e 500 giorni in orbita tra di loro. Entrambi volarono nello spazio a bordo dello Space Shuttle e del traghetto russo Soyuz.

Ora stanno pilotando un nuovo veicolo spaziale nel suo primo volo di prova.

Gli astronauti Sunita Williams, a sinistra, e Barry “Butch” Wilmore pianificano di mettere alla prova la navicella spaziale Starliner nel suo cammino verso la stazione spaziale, durante l’attracco e nel ritorno sulla Terra per verificare la sua disponibilità a trasportare regolarmente gli equipaggi degli astronauti da e per l’avamposto.

NASA


“Ricordo di essere stato selezionato per la scuola di pilota collaudatore e (mi chiedevo) se sarei stato il primo a fare qualcosa su un aereo che non era mai stato fatto prima”, Wilmore, ex pilota di F/A-18, veterano e pastore di Desert Storm, ha detto a CBS News. “Mai nei miei sogni più sfrenati avrei immaginato di essere l’equipaggio del primo volo di un veicolo spaziale. Ed eccoci qui.”

Oltre a segnare il primo volo di prova dello Starliner, questo sarà il primo lancio di un astronauta utilizzando un razzo Atlas dall’ultimo volo di Gordon Cooper a bordo di Mercury più di 60 anni fa.

Mentre da allora sono stati lanciati centinaia di razzi Atlas, l’ultima generazione di razzi Atlas 5, equipaggiati con un motore di primo stadio RD-180 di fabbricazione russa, è ancora una volta “di classe umana”, con componenti altamente affidabili e in buone condizioni. – Avanzato sistema di rilevamento guasti di emergenza progettato per stimolare una fuga sicura in caso di imminente fallimento del lancio.

“Siamo andati ad alcuni lanci”, ha detto Williams. “Uno era un carico dell’Air Force. Ho scoperto il prezzo di quel carico e ho detto: ‘Bene, se lo sparano sull’Atlas 5, mi sento molto a mio agio seduto sull’Atlas 5! È un razzo fantastico. ‘

Se Atlas 5 incontra un problema inaspettato, lo Starliner, come il Crew Dragon di SpaceX, è dotato di potenti motori di interruzione in grado di far esplodere la nave dal suo booster in qualsiasi punto dalla piattaforma di lancio all’orbita. La capsula scenderà quindi per un atterraggio assistito con paracadute nell’Oceano Atlantico al largo della costa orientale degli Stati Uniti.

Sebbene Wilmore e Williams siano completamente automatizzati, se necessario possono eseguire il processo di aborto manualmente. La navicella spaziale è inoltre dotata di due sistemi autonomi che forniscono ai piloti il ​​controllo manuale diretto assistito da computer in caso di problemi importanti di guida, navigazione o computer durante il lancio o in orbita.

Williams, a sinistra, e Wilmore eseguono le procedure nel simulatore Starliner presso il Johnson Space Center di Houston. Sebbene lo Starliner sia progettato per incontrarsi e attraccare autonomamente con la Stazione Spaziale Internazionale, può anche volare in modalità completamente manuale. Willmore e Williams intendono testare questi controlli durante il primo volo di prova della nave.

NASA


Il volo dello Starliner segna solo la sesta volta che la NASA mette gli astronauti a bordo di un nuovo veicolo spaziale per la prima volta. Jim Frey, amministratore associato della NASA per le operazioni spaziali, ha definito il test di volo dell’equipaggio dello Starliner, o CFT, una “pietra miliare molto, molto importante”.

Ha aggiunto: “Sono in gioco le vite dei membri del nostro equipaggio, Sonny Williams e Butch Wilmore”. “Permettetemi di ricordare ancora una volta a tutti che questa è una nuova navicella spaziale. E vi ricorderò anche che questo è un volo di prova… Sicuramente abbiamo alcune incognite in questa missione e potremmo incontrare cose che non ci aspettiamo . Ma la nostra missione ora è restare vigili e continuare a cercare i problemi”.

Pur dicendosi fiducioso che lo Starliner fosse pronto a volare, Frye ha detto che non voleva “spingersi troppo oltre” perché l’equipaggio doveva ancora completare una missione con successo. “Ma quando lo faremo, e quando certificheremo Starliner, gli Stati Uniti avranno due funzioni uniche di trasporto spaziale umano che forniranno una ridondanza fondamentale per l’accesso alla Stazione Spaziale Internazionale”, ha aggiunto.

Supponendo che il lancio si svolga senza problemi, ci vorranno circa 15 minuti per raggiungere la sua orbita iniziale. Il piano di volo prevede che Wilmore e Williams osservino un incontro per lo più automatizzato con la stazione spaziale, prendendo due timeout per far volare manualmente la navicella, verificando la capacità dell’equipaggio di regolare la rotta o intervenire dopo un grave malfunzionamento.

Avvicinandosi alla stazione da dietro e dal basso, gli astronauti attraccheranno al complesso del laboratorio mercoledì mattina presto e attraccheranno all’avantreno della stazione alle 00:46 dell’8 maggio.

Saranno accolti a bordo dal comandante della Expedition 71 Oleg Kononenko e dai suoi compagni di equipaggio della Soyuz MS-25, Nikolai Chub e Tracy Dyson della NASA, insieme al comandante della Crew 8 della NASA Matthew Dominick, Michael Barratt, Janet Epps e l’astronauta Alexander Grebenkin.

Wilmore e Williams intendono trascorrere poco più di una settimana a bordo della stazione, trasportando 750 libbre di attrezzature al laboratorio, smantellando lo Starliner e assicurandosi che possa essere utilizzato come “rifugio sicuro” per gli equipaggi in visita per periodi prolungati. Il piano attuale prevede lo sganciamento il 15 maggio, ma ciò potrebbe cambiare a seconda delle condizioni meteorologiche sul luogo di atterraggio.

A differenza del traghetto astronauta Crew Dragon di SpaceX, che termina la sua missione atterrando nell’oceano, lo Starliner di Boeing è progettato per atterrare con l’aiuto di un paracadute e di un airbag nei siti governativi negli Stati Uniti occidentali.

Boeing


A differenza del Crew Dragon di SpaceX, che atterra nell’oceano alla fine di una missione, lo Starliner è progettato per atterrare sulla Terra, utilizzando paracadute e due serie di airbag che si gonfiano in sequenza per attutire lo shock dell’atterraggio. Per i test di volo dell’equipaggio, lo sgancio del 15 maggio avrà come obiettivo un atterraggio allo spazioporto di White Sands nel New Mexico.

Ma poiché si tratta di un volo di prova, la NASA approverà lo sgancio solo se la velocità del vento sul luogo di atterraggio raggiungerà i 6 nodi o meno. La velocità massima di atterraggio effettivo è di 10 nodi. Di conseguenza, la NASA potrebbe riprogrammare un atterraggio notturno, quando i venti del deserto in genere si attenuano, in un luogo diverso.

Supponendo che il volo vada bene, i manager della NASA sperano di certificare Starliner per le missioni operative sui traghetti con equipaggio a partire dal prossimo anno e di lanciare Crew Dragon e Starliner ogni anno per cambiare l’equipaggio della stazione spaziale fino al pensionamento del programma alla fine del decennio.

Il Commercial Crew Program rappresenta un importante cambiamento nel volo spaziale umano

In seguito al ritiro dello Space Shuttle, nel 2014 la NASA ha assegnato due contratti al Commercial Crew Program, uno a SpaceX per 2,6 miliardi di dollari e uno a Boeing per 4,2 miliardi di dollari, per stimolare lo sviluppo di veicoli spaziali autonomi in grado di trasportare astronauti da e verso lo spazio. Stazione Spaziale Internazionale.

L’obiettivo era porre fine alla dipendenza post-shuttle della NASA dalla navicella spaziale russa Soyuz e riprendere il lancio di astronauti americani dal suolo americano a bordo di razzi e veicoli spaziali americani. Altrettanto importante per la NASA: due veicoli spaziali indipendenti per i voli dell’equipaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale nel caso in cui la nave traghetto di una compagnia dovesse riscontrare problemi che potrebbero portarla a terra per un lungo periodo.

La data prevista per i primi voli del PCC era il 2017. La mancanza di finanziamenti al Congresso e ostacoli tecnici hanno ritardato lo sviluppo, inclusa un’esplosione durante un test a terra che ha distrutto il veicolo SpaceX Crew Dragon.

Ma il produttore di razzi della California è riuscito comunque a lanciare voli di prova nel maggio 2020, lanciando con successo due astronauti della NASA su un volo di prova della Crew Dragon verso la stazione spaziale.

Da allora, SpaceX ha lanciato otto voli operativi a rotazione dell’equipaggio verso la stazione, tre missioni di ricerca nel laboratorio finanziate da Axiom Space con sede a Houston e un volo puramente commerciale per due uomini e due donne verso l’orbita terrestre bassa pagato dal miliardario. . Pilota e uomo d’affari Jared Isaacman. In tutto, 50 persone sono volate in orbita a bordo della Crew Dragons.

La navicella spaziale Starliner durante l’elaborazione finale presso l’impianto di produzione del Kennedy Space Center della Boeing prima di essere installata su un razzo Atlas 5 della United Launch Alliance.

William Harwood/CBS Notizie


La storia del Boeing Starliner è stata diversa.

Durante un primo volo di prova senza pilota nel dicembre 2019, Errori imprevisti nel software e nelle comunicazioni Ha impedito un incontro programmato con la stazione spaziale. La Boeing ha corretto questi problemi e ha deciso di effettuare un secondo volo di prova senza equipaggio, a proprie spese.

Ma durante il secondo conto alla rovescia, gli ingegneri hanno avuto dei problemi Le valvole del sistema di propulsione sono bloccate Nel modulo di servizio Starliner. Alla fine, gli ingegneri attribuirono il problema alle infiltrazioni di umidità e alla corrosione, che portarono ad un altro lungo ritardo.

Il secondo volo di prova dello Starliner nel maggio 2022 è stato un successo, attraccando alla stazione spaziale come previsto e tornando sulla Terra con un atterraggio di precisione. Ma dopo il volo, gli ingegneri hanno scoperto nuovi problemi: Problema con i connettori del cablaggio del tettuccio E preoccupatevi del nastro protettivo avvolto attorno ai fili, che potrebbe incendiarsi in caso di cortocircuito.

Il lavoro per correggere questi problemi ha spinto il primo volo con equipaggio a quest’anno. Alla fine, Boeing ha speso più di 1 miliardo di dollari per pagare il volo di prova aggiuntivo e le azioni correttive.

Missione critica per Boeing

Il lancio del CFT arriva in un momento critico per Boeing, a seguito dei due incidenti molto pubblicizzati del 737 MAX nel 2018 e nel 2019 e, più recentemente, La presa della porta della cabina è esplosa durante un volo dell’Alaska Airlines Ciò ha sollevato nuove domande sulla cultura della sicurezza dell’azienda.

Da parte sua, Wilmore ha detto di non vedere il lancio dello Starliner nel contesto del problema della Boeing con i suoi aerei.

“Non penso che si tratti necessariamente di Boeing o di un volo”, ha detto. “Sono tutte di vitale importanza. Questo è il volo spaziale umano. Quell’adagio che avete sentito dai tempi dell’Apollo 13, il fallimento non è un’opzione? Questo non ha nulla a che fare specificamente con Boeing o questo programma. Queste sono tutte le cose che facciamo nell’umanità.” volo spaziale.” .

“Quindi, questo non è né più né meno importante di qualsiasi altra cosa che facciamo”, ha aggiunto. “Questa sembra essere la cosa più importante che facciamo in questo momento.”

Williams ha riconosciuto la strada rocciosa che lo Starliner ha dovuto affrontare per decollare. “Non direi che sia stato facile. È una specie di montagne russe emotive.”

Ma ha aggiunto: “Sapevamo che prima o poi saremmo arrivati ​​qui. È una navicella spaziale solida. E non credo che vorrei davvero essere altrove in questo momento.”

READ  La nave cargo SpaceX Dragon CRS-28 si apre dalla Stazione Spaziale Internazionale per il ritorno sulla Terra