Luglio 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Cinque americani rilasciati in seguito ad un accordo di scambio di prigionieri con l’Iran arrivano negli Stati Uniti

Cinque americani rilasciati in seguito ad un accordo di scambio di prigionieri con l’Iran arrivano negli Stati Uniti

Cinque americani, rilasciati dopo essere stati ingiustamente imprigionati per anni in Iran, sono tornati sul suolo americano martedì.

Un aereo che trasportava i cinque americani e due dei loro parenti è atterrato alle 5:25 ET in un aeroporto militare vicino a Washington, DC. Erano originari dello stato del Golfo del Qatar, il che ha contribuito a facilitare il trasferimento.

Il gruppo è stato rilasciato come parte di un accordo di scambio di prigionieri che ha consentito a Teheran di accedere a 6 miliardi di dollari di proventi petroliferi congelati a causa delle sanzioni statunitensi, e ha visto anche il rilascio di cinque cittadini iraniani dalla custodia statunitense.

Il raro accordo ad alto rischio arriva nonostante le crescenti tensioni tra i due paesi su una serie di questioni tra cui il programma di arricchimento dell’uranio dell’Iran e la repressione del dissenso interno – e il fine settimana che segna un anno dalla morte di Mahsa Amini ha scatenato un’ondata di disordini interni .

NBC News ha riferito per la prima volta dei negoziati sullo scambio di prigionieri a febbraio.

Ci sono state scene emozionanti sull’asfalto mentre gli americani rilasciati lasciavano l’aereo per riunirsi alle loro famiglie e ai loro amici, molti sventolavano piccole bandiere americane mentre si abbracciavano in lacrime.

Gli ex detenuti hanno poi scattato una foto di gruppo insieme alle loro famiglie, cantando: “Libertà!”

“Non vedevamo l’ora che arrivasse questo giorno”, ha detto Roger Carstens, inviato speciale presidenziale per la questione degli ostaggi. Ha detto che il gruppo “continuerà a combattere” per aiutare a riportare indietro altri americani detenuti.

Siamak Namazi, 51 anni, è stato imprigionato per quasi otto anni, il più lungo dei cinque detenuti americani. Fu arrestato nel 2015 con l’accusa di spionaggio e condannato in un processo durato poche ore.

READ  Almeno 46 persone sono morte in Cile a causa degli incendi boschivi che hanno devastato aree densamente popolate.
Siamak Namazi abbraccia la sua famiglia martedì all’aeroporto internazionale di Dulles.Jonathan Ernst/Pool tramite AFP – Getty Images

Imad Sharqi, 59 anni, un uomo d’affari di origine iraniana trasferitosi negli Stati Uniti da giovane, è stato arrestato nel 2018. Sebbene sia stato rilasciato e assolto da tutte le accuse nel 2019, le autorità iraniane hanno trattenuto il suo passaporto, prima che fosse nuovamente accusato. Un altro nel 2020. È stato condannato con l’accusa di spionaggio senza processo.

Il terzo ex detenuto è Murad Tahbaz (67 anni), americano di origini iraniane che possiede anche la cittadinanza britannica. Faceva parte di un gruppo di attivisti ambientali che conducevano ricerche sui ghepardi in via di estinzione in Iran. È stato arrestato nel 2018 e condannato per spionaggio nel 2019.

Funzionari statunitensi hanno affermato che le famiglie degli altri due ex prigionieri hanno chiesto che le loro identità fossero tenute segrete.

Due membri della famiglia, le cui identità non sono state rivelate, erano sull’aereo proveniente dal Qatar.

Gruppi per i diritti umani accusano l’Iran di accusare i prigionieri di spionaggio senza alcuna base, ma l’Iran afferma che sono stati trattati secondo la legge.

L’accordo arriva mentre il presidente Joe Biden e il presidente iraniano Ebrahim Raisi dovevano partecipare martedì all’incontro annuale dei leader mondiali dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York.

Biden è stato criticato dai repubblicani per aver accettato un accordo che secondo loro equivale al pagamento di un “riscatto” che probabilmente incoraggerà Teheran a imprigionare più stranieri.

L’amministrazione ha sottolineato che l’Iran potrà utilizzare solo i fondi che gli Stati Uniti hanno raccolto per medicine, cibo o altri acquisti umanitari.

READ  La Fed ha aumentato il tasso di interesse di riferimento di 0,75 punti percentuali, il più grande aumento dal 1994

Ma Raisi ha detto a Lester Holt di NBC News in un’intervista esclusiva che Teheran deciderà come spendere i 6 miliardi di dollari. Ha aggiunto che i soldi verranno spesi “dove ne abbiamo bisogno”.