Maggio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La guerra tra Israele e Hamas: Hamas accetta la proposta di cessate il fuoco egiziano-qatariana

La guerra tra Israele e Hamas: Hamas accetta la proposta di cessate il fuoco egiziano-qatariana

Gerusalemme (AFP) – Il Movimento di resistenza islamica (Hamas) ha annunciato lunedì di aver accettato la proposta di cessate il fuoco egiziano-qatariana in corso da sette mesi. La guerra con Israele a GazaCiò è avvenuto poche ore dopo che Israele ha emesso l’ordine a circa 100.000 palestinesi di iniziare l’evacuazione dalla città del sud di Israele. RafaSuggerendo che un’invasione di terra promessa da tempo potrebbe essere imminente.

Non c’è stato alcun commento immediato da parte di Israele sull’accordo, e i dettagli della proposta non sono ancora stati pubblicati. Nei giorni scorsi funzionari egiziani e di Hamas avevano affermato che sarebbe avvenuto un cessate il fuoco Una serie di fasi Durante la quale Hamas rilascerà gli ostaggi in suo possesso in cambio del ritiro delle forze israeliane da Gaza.

Non è chiaro se l’accordo soddisferà la principale richiesta di Hamas di porre fine alla guerra e completare il ritiro israeliano.

Hamas ha affermato in un comunicato che il suo leader, Ismail Haniyeh, ha annunciato la notizia nel corso di una telefonata con il primo ministro del Qatar e il ministro dell’Intelligence egiziano. Dopo il rilascio della dichiarazione, i palestinesi hanno iniziato a cantare nelle tendopoli intorno a Rafah, sperando che l’accordo potesse scongiurare un attacco israeliano.

I più stretti alleati di Israele, compresi gli Stati Uniti, hanno ripetutamente affermato che Israele non dovrebbe attaccare Rafah. L’operazione incombente potrebbe Lanciato l’allarme globale Per quanto riguarda la sorte di circa 1,4 milioni di palestinesi che vi si sono rifugiati.

Le agenzie di soccorso hanno avvertito che l’attacco peggiorerebbe la catastrofe umanitaria a Gaza e porterebbe a un più alto bilancio delle vittime civili nella campagna israeliana che per quasi sette mesi ha ucciso 34.000 persone e devastato la Striscia.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha parlato lunedì con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e ha ribadito le preoccupazioni degli Stati Uniti sull’invasione di Rafah. Biden ha affermato che un cessate il fuoco con Hamas è il modo migliore per proteggere la vita degli ostaggi israeliani tenuti a Gaza, ha detto un portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale, a condizione di restare anonimo, per discutere la richiesta prima di una dichiarazione ufficiale della Casa Bianca.

READ  Un lavoratore scompare dopo aver ricevuto accidentalmente 300 volte il suo stipendio

Hamas e il principale mediatore del Qatar hanno affermato che l’invasione di Rafah Ostacolerà gli sforzi Mediatori internazionali per raggiungere un cessate il fuoco. Giorni prima, Hamas stava discutendo una proposta sostenuta dagli Stati Uniti che, secondo quanto riferito, sollevava la possibilità di porre fine alla guerra e di ritirare le forze israeliane in cambio del rilascio di tutti gli ostaggi detenuti dal movimento. I funzionari israeliani hanno respinto questa contropartita e si sono impegnati a continuare la loro campagna fino alla distruzione di Hamas.

Netanyahu ha detto lunedì che la cattura di Rafah, che secondo Israele sarà l’ultima, è importante La roccaforte di Hamas Ciò era necessario per garantire che i militanti non fossero in grado di ricostruire le loro capacità militari e ripetere l’attacco del 7 ottobre contro Israele che portò allo scoppio della guerra.

Il tenente colonnello Nadav Shoshani, portavoce dell’esercito, ha affermato che circa 100.000 persone hanno ricevuto l’ordine di spostarsi da alcune zone di Rafah verso una vicina zona umanitaria dichiarata da Israele chiamata Le mie condoglianzeUn accampamento temporaneo sulla costa. Ha detto che Israele ha ampliato le dimensioni dell’area per includere tende, cibo, acqua e ospedali da campo.

Tuttavia, non è stato immediatamente chiaro se questi materiali fossero già predisposti per accogliere i nuovi arrivati.

Circa 450.000 sfollati palestinesi si stanno già rifugiando a Mawasi. L’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi, nota come UNRWA, ha affermato che sta fornendo loro aiuti. Ma le condizioni sono terribili, con pochi bagni o strutture igienico-sanitarie in un’area prevalentemente rurale, costringendo le famiglie a scavare latrine private.

Dopo che lunedì è stato annunciato l’ordine di evacuazione, i palestinesi di Rafah hanno avuto difficoltà a sradicare ancora una volta le loro famiglie allargate verso un destino sconosciuto, esausti dopo mesi di vita in campi tentacolari o stipati in scuole o altri rifugi dentro e intorno alla città. Pochi di coloro che hanno parlato con l’Associated Press volevano rischiare di restare.

Muhammad Jundia ha detto che all’inizio della guerra, ha cercato di resistere nella sua casa nel nord di Gaza dopo che Israele ha ordinato l’evacuazione in ottobre. Ha finito per subire pesanti bombardamenti prima di fuggire a Rafah.

READ  L'Ucraina pianifica una risposta mentre la battaglia si trasforma in Avdiivka "post-apocalittica".

Questa volta ha obbedito, ma ora non era sicuro se trasferirsi ad Al-Mawasi o in un’altra città nel centro di Gaza.

“Siamo 12 famiglie e non sappiamo dove andare. Non esiste una zona sicura a Gaza”.

Sahar Abu Nahl, sfollata a Rafah con 20 membri della sua famiglia, compresi figli e nipoti, si è asciugata le lacrime dalle guance, disperata per il nuovo passo.

“Non ho soldi né altro. Sono così stanca, e lo sono anche i bambini”, ha detto. “Forse sarebbe più onorevole per noi morire. “Siamo umiliati.”

Sono stati lanciati volantini militari israeliani accompagnati da mappe che descrivevano in dettaglio un certo numero di quartieri orientali di Rafah che sarebbero stati evacuati, avvertendo che un attacco era imminente e che chiunque fosse rimasto avrebbe “esposto se stesso e i suoi familiari al pericolo”. Messaggi di testo e trasmissioni radiofoniche ripetevano il messaggio.

Scott Anderson, direttore dell’agenzia a Gaza, ha detto che l’UNRWA non evacuerà Rafah in modo da poter continuare a fornire aiuti a coloro che rimarranno lì.

“Forniremo assistenza alle persone ovunque scelgano di essere”, ha detto all’AP.

Le Nazioni Unite affermano che l’attacco a Rafah potrebbe interrompere la distribuzione degli aiuti che mantengono in vita i palestinesi in tutta Gaza. Il valico di Rafah verso l’Egitto, il principale punto di ingresso degli aiuti a Gaza, si trova nella zona di evacuazione. Il valico è rimasto aperto lunedì dopo l’ordine israeliano.

Jan Egeland, segretario generale del Consiglio norvegese per i rifugiati, ha condannato l’ordine di evacuazione “forzata e illegale” e l’idea che le persone debbano andare a Moasi.

“L’area è davvero estesa e priva di servizi vitali”, ha detto Egeland. Ha detto che qualsiasi attacco israeliano potrebbe portare alla “fase più sanguinosa di questa guerra”.

I bombardamenti e gli attacchi di terra israeliani a Gaza hanno provocato la morte di oltre 34.700 palestinesi. Due terzi di loro sono bambini e donneSecondo i funzionari sanitari di Gaza. Questo risultato non fa differenza tra civili e combattenti. Secondo le Nazioni Unite, oltre l’80% della popolazione di 2,3 milioni di persone è stata sfollata dalle proprie case e centinaia di migliaia nel nord del paese sono sull’orlo della carestia.

Le tensioni sono aumentate domenica quando Hamas ha lanciato razzi contro le forze israeliane di stanza al confine con Gaza, vicino al principale passaggio di Israele verso Israele. Consegna di aiuti umanitariIl risultato è l’uccisione di quattro soldati. Israele ha chiuso il valico, ma Shoshani ha detto che ciò non influirà sulla quantità di aiuti che entrano a Gaza mentre gli altri lavorano.

READ  Shireen Abu Akleh: I palestinesi permetteranno agli Stati Uniti di esaminare il proiettile che ha ucciso il giornalista di Al-Jazeera

Nel frattempo, secondo un ospedale, gli attacchi aerei israeliani su Rafah hanno ucciso 22 persone, tra cui bambini e due neonati.

La guerra è scoppiata perché Un raid senza precedenti il ​​7 ottobre nel sud di Israele Hamas e altri militanti hanno ucciso circa 1.200 persone, la maggior parte delle quali civili, e hanno rapito circa 250 ostaggi. Dopo uno scontro a fuoco durante il cessate il fuoco di novembre, si ritiene che Hamas detenga ancora circa 100 israeliani e i corpi di altre 30 persone.

I mediatori del cessate il fuoco – Stati Uniti, Egitto e Qatar – sembravano fare di tutto per salvare l’accordo di cessate il fuoco che avevano cercato di far approvare la scorsa settimana. L’Egitto ha dichiarato di essere stato in contatto con tutte le parti lunedì “per evitare che la situazione sfuggisse al controllo”.

Un funzionario a conoscenza della questione ha detto che il direttore della CIA William Burns, che era al Cairo per discutere dell’accordo, è andato a incontrare il primo ministro del Qatar. Non era chiaro se il successivo viaggio programmato in Israele avrebbe avuto luogo. Il funzionario ha parlato in condizione di anonimato per discutere di trattative a porte chiuse.

In un infuocato discorso di domenica sera per celebrare il Giorno della Memoria dell’Olocausto in Israele, Netanyahu ha respinto le pressioni internazionali per fermare la guerra, affermando che “se Israele è costretto a restare da solo, Israele resterà da solo”.

Lunedì Netanyahu ha accusato Hamas di “silurare” l’accordo non rinunciando alla sua richiesta di fine della guerra e di ritiro completo delle forze israeliane in cambio del rilascio degli ostaggi, che ha definito “estremisti”.

___

Basem Marwa riferisce da Beirut. Zeke Miller ha contribuito a questo rapporto da Washington.