Maggio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Justin Trudeau afferma che “accuse credibili” collegano l’India all’uccisione di un leader sikh in Canada

Justin Trudeau afferma che “accuse credibili” collegano l’India all’uccisione di un leader sikh in Canada

Ricevi aggiornamenti gratuiti sul Canada

Il primo ministro canadese ha affermato che ci sono “accuse credibili” secondo cui il governo indiano è stato coinvolto nell’uccisione di un importante leader sikh nella Columbia Britannica, citando l’intelligence delle agenzie di sicurezza nazionale.

Justin Trudeau ha detto lunedì ai parlamentari che le autorità canadesi stanno indagando se dietro l’omicidio di Hardeep Singh Nigar, ucciso a colpi di arma da fuoco nel Surrey, un sobborgo di Vancouver con una grande comunità sikh, ci fossero “agenti” di Nuova Delhi.

“I servizi di sicurezza canadesi stanno attivamente perseguendo accuse credibili di un possibile collegamento tra agenti del governo indiano e l’uccisione di un cittadino canadese”, ha detto Trudeau. Ha aggiunto: “Qualsiasi coinvolgimento di un governo straniero nell’uccisione di un cittadino canadese sul suolo canadese è una violazione inaccettabile della nostra sovranità”.

Il Canada ha espulso lunedì un alto diplomatico indiano dal Canada, ha detto il ministro degli Esteri indiano Melanie Jolie. “Proteggeremo i canadesi in ogni momento”, ha detto Jolie ai giornalisti. “Ci aspettiamo la piena collaborazione dell’India per andare a fondo di questa questione”.

Trudeau ha detto al Parlamento di aver sollevato le accuse al primo ministro indiano Narendra Modi durante un incontro a Nuova Delhi la scorsa settimana durante il vertice del G20.

Martedì il governo indiano ha respinto la dichiarazione di Trudeau al parlamento canadese, così come quelle della Jolie, definendole “ridicole e motivate”.

“Il Primo Ministro canadese ha avanzato accuse simili contro il nostro Primo Ministro, che sono state completamente respinte”, ha affermato in una nota il Ministero degli Affari Esteri indiano. “Siamo una democrazia con un forte impegno per lo stato di diritto”.

READ  L'esercito israeliano trova i corpi di 3 ostaggi a Gaza, tra cui Shani Luke
Le persone in lutto trasportano la bara del leader sikh Hardeep Singh Nigar durante un corteo funebre nel Surrey, in Canada, a giugno. © Darryl Dyke/Pressa canadese/AFP

Le relazioni tra India e Canada sono tese da molto tempo. Nuova Delhi ha accusato Ottawa nel 2020 di interferire dopo che Trudeau si è espresso a favore della protesta degli agricoltori che hanno costretto Modi ad abbandonare una revisione radicale pianificata della legge agricola. La scorsa settimana i due paesi hanno interrotto i colloqui su un previsto accordo di libero scambio.

Il Canada ospita circa 800.000 sikh, molti dei quali vivono nel Surrey e a Brampton, un sobborgo di Toronto. Alcuni canadesi sikh sostengono il movimento indipendentista del Khalistan, che cerca di creare uno stato sovrano nello stato del Punjab, nel nord dell’India.

Il governo indiano condanna il movimento e accusa da tempo il Canada di dare rifugio ai separatisti sikh, che martedì ha descritto come “terroristi ed estremisti khalistani” che “continuano a minacciare la sovranità e l’integrità territoriale dell’India”.

“Il fatto che esponenti politici canadesi abbiano espresso pubblicamente simpatia per tali elementi rimane profondamente preoccupante”, ha affermato New Delhi.

Il governo indiano aveva accusato Nigar, un nazionalista sikh, di terrorismo e aveva offerto una ricompensa per il suo arresto. Nel 2016, Najjar ha scritto una lettera a Trudeau in cui definiva infondate le accuse di Nuova Delhi e affermava che il suo attivismo era “pacifico, democratico e protetto dalla Carta canadese dei diritti e delle libertà”.

L’Organizzazione mondiale sikh del Canada ha definito l’omicidio di Nigar sul terreno del gurdwara – un luogo di culto sikh, di cui era presidente – un “assassinio” e ha esortato Ottawa a indagare sul ruolo dell’India. La polizia della Columbia Britannica ha dichiarato il mese scorso di aver identificato tre sospetti, ma di non averli identificati. Non sono stati effettuati arresti.

READ  Quello che devi sapere sul test missilistico della Corea del Nord sul Giappone

Jagmeet Singh, il leader sikh del Nuovo Partito Democratico del Canada, ha dichiarato su X, precedentemente su Twitter, che non lascerà “nessuna pietra di intentato nel perseguimento della giustizia, compreso il ritenere Narendra Modi responsabile”.

Le proteste pro-Khalistan in Canada e altrove quest’anno hanno fatto arrabbiare il governo nazionalista indù di Modi, con i sostenitori del movimento che hanno attaccato le missioni diplomatiche di Nuova Delhi a San Francisco e Londra.

A luglio, l’India ha convocato l’Alto Commissario canadese a Nuova Delhi dopo che i manifestanti avevano organizzato una “marcia per la libertà del Khalistan” a Toronto e avevano accusato i diplomatici indiani di coinvolgimento nella morte di Najjar.