Dicembre 5, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Putin Russia Notizie sulla guerra in Ucraina: aggiornamenti in tempo reale

Putin Russia Notizie sulla guerra in Ucraina: aggiornamenti in tempo reale

a lui attribuito…Eve Hermann/Reuters

Venerdì i ministri dell’Energia dell’Unione europea hanno concordato di tassare i profitti delle società energetiche nell’ambito di un pacchetto di misure di emergenza volte a mitigare l’impatto dell’aumento dei prezzi dell’energia su imprese e consumatori.

La crisi energetica dell’Europa, esacerbata dalla periodica interruzione da parte della Russia di parti dell’approvvigionamento energetico del blocco per punirlo per aver sovvenzionato l’Ucraina, ha portato a bollette del riscaldamento e dell’elettricità storicamente elevate nel blocco di 27 nazioni.

Il mese scorso, decine di migliaia di europei sono scesi in piazza in almeno quattro paesi – Repubblica Ceca, Slovacchia, Germania e Belgio – per protestare contro l’impennata dei prezzi dell’energia e l’inflazione record. Con l’avvicinarsi dell’inverno, i governi sono sottoposti a crescenti pressioni per proteggere gli europei da blackout e fallimenti, garantendo nel contempo che l’energia continui a fluire da fornitori alternativi.

Le misure approvate dai ministri dell’Energia del blocco si sono concentrate sulla tassazione degli utili delle società energetiche – i cui proventi saranno utilizzati per finanziare benefici per le imprese e le famiglie in difficoltà – e una riduzione obbligatoria del consumo di elettricità. Ma i ministri si sono fermati prima di imporre un tetto al prezzo del gas, una misura più drastica ricercata da molti membri del blocco che secondo i sostenitori non solo aiuterebbe i consumatori a pagare le bollette dell’energia, ma taglierebbe anche quelle bollette.

“Oggi abbiamo completato un altro pezzo del puzzle, ma di certo non l’ultimo”, ha detto venerdì ai giornalisti Josef Sekila, il ministro dell’Energia della Repubblica Ceca che ha guidato i negoziati sulla legislazione. Siamo in una guerra energetica con la Russia, che sta colpendo fortemente anche il nostro settore. È necessaria un’azione più coordinata da parte dell’Unione europea”.

READ  Ucraini evacuati costretti a tornare

I ministri dell’Energia riuniti a Bruxelles venerdì hanno deciso di limitare le entrate dei fornitori di energia nucleare e rinnovabile a 180 dollari per megawattora, nonché una tassa di “solidarietà” sulle società di combustibili fossili. Le tasse combinate dovrebbero portare a circa 140 miliardi di dollari, che saranno diretti verso i sussidi. Per la prima volta nella sua storia, il blocco ha imposto un taglio politicamente sensibile ai consumi energetici.

Quei passi sarebbero stati inimmaginabili fino a pochi mesi fa, ma l’inverno si avvicina rapidamente. L’urgenza della crisi è stata sottolineata questa settimana quando Perdite rilevate nei gasdotti che collegano la Russia con la Germania che i funzionari europei hanno accusato di sabotaggio, evidenziando la fragilità delle sue infrastrutture.

Le misure approvate venerdì non sono sufficienti per alcuni paesi dell’UE. In una lettera al braccio esecutivo del blocco all’inizio di questa settimana, i ministri dell’Energia di 15 dei 27 Stati membri hanno chiesto un tetto massimo generale del prezzo del gas, qualcosa a cui le nazioni più ricche come Germania e Paesi Bassi si oppongono.

Nella lettera al comitato, hanno affermato che il limite ai prezzi del gas era “l’unica misura” per “ridurre la pressione inflazionistica, gestire le aspettative e fornire un quadro in caso di potenziali interruzioni dell’approvvigionamento e limitare ulteriori profitti nel settore”.

Ma alcuni esperti hanno avvertito che una tale misura potrebbe ritorcersi contro.

“Qualsiasi intervento volto a limitare i prezzi dell’energia rischia di rimuovere uno stimolo importante – l’aumento dei prezzi – per ridurre la domanda, peggiorando la situazione dell’Europa”, ha affermato Simon Tagliabitra di Bruegel, un istituto di ricerca economica con sede a Bruxelles. L’Europa deve prepararsi per una nuova normalità senza il gas russo. La prossima primavera, per ottenere i 150 miliardi di metri cubi di gas di cui abbiamo bisogno, dobbiamo aumentare le importazioni di forniture alternative e mantenere bassa la domanda”.

READ  Il Messico afferma di non accettare l'invasione russa dell'Ucraina

“Qualsiasi azione che intraprendiamo oggi non dovrebbe danneggiare la nostra capacità di farlo”, ha aggiunto.