Dicembre 5, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Scientists Discover Massive

Gli scienziati hanno scoperto un enorme “oceano” vicino al cuore della Terra

L’alto contenuto d’acqua nella zona di transizione ha conseguenze di vasta portata (immagine rappresentativa)

Gli scienziati hanno scoperto un serbatoio d’acqua tre volte più grande di tutti gli oceani sotto la superficie terrestre, secondo uno studio internazionale. L’acqua si trova tra la zona di transizione del mantello superiore e inferiore della Terra. Il team di ricerca ha analizzato il tasso di formazione del diamante a 660 metri sotto la superficie della Terra utilizzando tecniche tra cui la spettroscopia Raman e la spettrometria FTIR, ha riferito ANI.

Lo studio ha confermato qualcosa che era stata a lungo una teoria, ovvero che l’acqua oceanica accompagna le placche di fusione ed entra così nella zona di transizione. Ciò significa che il ciclo dell’acqua sul nostro pianeta include l’interno della Terra.

“Questi spostamenti di minerali ostacolano notevolmente il movimento delle rocce nel mantello”, spiega il professor Frank Brinker dell’Istituto di scienze della terra della Goethe University di Francoforte. Ad esempio, i pennacchi del mantello – pennacchi in aumento di roccia calda dal mantello profondo – a volte si fermano proprio sotto la zona di transizione. Si ferma anche il movimento della massa nella direzione opposta.

“Le placche di collegamento spesso hanno difficoltà a penetrare nell’intera zona di transizione”, afferma Brinker. “Quindi c’è un intero cimitero di queste placche in questa regione subeuropea”.

Tuttavia, non è ancora noto quali saranno gli effetti a lungo termine dell'”aspirazione” dei materiali nella zona di transizione sulla sua composizione geochimica e se vi siano presenti maggiori quantità di acqua. Brinker spiega: “Le placche di subduzione trasportano anche sedimenti di acque profonde sul dorso nel sottosuolo. Questi sedimenti possono contenere grandi quantità di acqua e anidride carbonica. Ma fino ad ora non è chiaro quanto entri nella zona di transizione nella forma più stabile , minerali idratati e carbonati – Quindi non era nemmeno chiaro se vi fossero effettivamente immagazzinate grandi quantità di acqua.

READ  Funzionari dell'amministrazione affermano che i nuovi sistemi missilistici statunitensi consentiranno all'Ucraina di colpire obiettivi a 50 miglia di distanza, il suo raggio più ampio finora.

Certamente, le condizioni prevalenti saranno favorevoli a questo. I minerali densi wadsleyite e ringwoodite (al contrario dell’olivina a profondità inferiori) possono immagazzinare grandi quantità di acqua, in effetti così grandi che la zona di transizione è teoricamente in grado di assorbire sei volte più acqua nei nostri oceani. “Abbiamo appreso che lo strato limite ha un’enorme capacità di immagazzinare acqua”, afferma Brinker. “Tuttavia, non sapevamo se l’avesse fatto davvero”.

Uno studio internazionale che ha coinvolto un geologo di Francoforte ha ora fornito la risposta. Il team di ricerca ha analizzato un diamante del Botswana, in Africa. Si è formato a una profondità di 660 km, proprio all’interfaccia tra la zona di transizione e il mantello inferiore, dove la ringwoodite è il minerale predominante. I diamanti di questa regione sono molto rari, anche tra i diamanti più rari di origine ultra profonda, che rappresentano solo l’1% dei diamanti. Le analisi hanno rivelato che la pietra contiene molte inclusioni di ringwoodite, che mostrano un alto contenuto di acqua. Inoltre, il gruppo di ricerca è stato in grado di determinare la composizione chimica della pietra. Erano quasi esattamente gli stessi che si trovano in ogni parte del mantello roccioso trovato nel basalto in qualsiasi parte del mondo. Questo ha mostrato che il diamante proveniva sicuramente da un normale pezzo del mantello terrestre. “In questo studio, abbiamo dimostrato che la zona di transizione non è una spugna secca, ma piuttosto contiene grandi quantità di acqua”, afferma Brinker, aggiungendo: “Questo ci avvicina anche di un passo all’idea di Jules Verne di un oceano all’interno della Terra “La differenza è che non c’è oceano. Ci sono, ma ci sono rocce acquose che, secondo Brinker, non si sentiranno né bagnate né gocciolanti.

READ  Liz Truss diventa il nuovo Primo Ministro del Regno Unito nel giorno della celebrazione