Luglio 13, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’ossessione di Matilda attanaglia l’Australia mentre la squadra femminile cattura i cuori dei padroni di casa della Coppa del Mondo

L’ossessione di Matilda attanaglia l’Australia mentre la squadra femminile cattura i cuori dei padroni di casa della Coppa del Mondo

Sydney, Australia – Niente può competere con Matilda.

Incontri annullati. Altri eventi sportivi, riprogrammati. I pub si riforniscono e i centri di osservazione in tutta la capitale allestiscono enormi schermi, stimolando i fan ossessionati da Matildas.

Quando la nazionale femminile australiana, Matilda come è soprannominata qui, scenderà in campo mercoledì sera (6:00 mercoledì ET) nella sua prima semifinale di Coppa del Mondo contro l’Inghilterra, il paese sarà fermo davanti ai suoi televisori. (A meno che, ovviamente, tu non sia uno dei fortunati 80.000 fan che si sono accalcati allo Stadium Australia di Sydney, una delle nove città in Australia e Nuova Zelanda dove si terranno le partite del 2023.)

Ore prima della partita, i fan vestiti con la divisa verde e oro della squadra si stavano già radunando allo stadio e al Tumbalong Park, dove verrà mostrato gratuitamente su schermi giganti.

“Mette queste incredibili donne al centro della scena per loro, sai, hanno il miglior gioco della loro vita”, ha detto Ryali Banerjee fuori dal campo prima della partita di mercoledì.

I progressi dalla fase a gironi della Coppa del Mondo femminile FIFA hanno scosso lo spirito sportivo australiano. E quando la squadra ha combattuto contro la Francia ai rigori più lunghi nella storia della Coppa del Mondo, uomini o donne, l’intero paese ha osato sognare.

“Nessuna squadra nazionale ha unito così magicamente speranze e sogni come i Matildas”, ha dichiarato la prima pagina del Sydney Morning Herald il mercoledì prima della partita contro l’Inghilterra.

Un altro quotidiano australiano, The Daily Telegraph, ha cambiato la sua testata in “Tillygraph” come cenno al team e ha incluso un adesivo lucido “Go Matildas” in ogni numero all’inizio di questa settimana.

READ  Heat vs. Nuggets, come guardare, probabilità, dove trasmettere in streaming e altro ancora
I fan di Matildas hanno festeggiato la vittoria a Sydney sabato dopo che l’Australia ha battuto la Francia nei quarti di finale ai rigori 7-6.Jenny Evans/Getty Images

La migliore prestazione di questa squadra di calcio femminile in una finale di Coppa del Mondo risale al 2007, quando perse nei quarti di finale contro il Brasile. Sedici anni dopo, durante la partita dei quarti di finale dei Matildas contro la Francia sabato scorso, l’annunciatore australiano ha fatto un’osservazione intorno al 72esimo minuto.

Questo è il momento in cui smettiamo di nominarlo per donne “Calcio, è solo calcio”, ha detto, aggiungendo: “Questa Coppa del Mondo passerà alla storia non appena diventerà mainstream”.

“In questo momento è in corso uno spostamento sismico”, ha aggiunto il suo collega.

Il primo ministro australiano Anthony Albanese ha appoggiato le richieste dei leader statali e territoriali per un giorno festivo se i Matilda vincessero la finale il 20 agosto.

“Questo è qualcosa di molto più di un evento sportivo”, ha detto lunedì in un’intervista radiofonica all’emittente statale ABC. “Questo è fonte d’ispirazione per le bambine in particolare, ma anche per i bambini.”

A detta di tutti, l’Australia è una nazione amante dello sport, ma il calcio non è al centro: il rugby e il football australiano sono sempre stati più popolari.

“La cosa più eccitante è quando vedi gruppi di uomini che ne parlano e non ci sono donne”, ha detto Sarah Prestwood fuori dal campo prima della partita mercoledì. “E parlano di sport con la stessa passione con cui parlano di calcio, cioè rugby o NFL o altro”.

READ  Pragnananda: l'India ha catturato il talento degli scacchi adolescenti mentre si preparano ad affrontare Magnus Carlsen per il titolo di Coppa del Mondo

Il ritrovato amore del paese per il calcio femminile ricorda gli Stati Uniti nel 1999, quando la vittoria della Coppa del Mondo della nazionale femminile degli Stati Uniti, simboleggiata da Brandi Chastain che si strappava la maglia dopo il gol della vittoria, ispirò l’orgoglio nazionale per la squadra e per lo sport. . La squadra nazionale femminile degli Stati Uniti rimane l’unico ospite della Coppa del mondo a vincere il torneo.

Il tifo della squadra femminile australiana contrasta anche con il contraccolpo di quest’anno contro la prima classificata statunitense, che alcuni hanno criticato in casa dopo aver perso negli ottavi.

I giocatori australiani dopo la vittoria contro la Francia sabato al Brisbane Stadium.Bradley Canaris/Getty Images

L’Australia’s Seven Network, l’emittente ufficiale del torneo qui, ha riferito di aver avuto un pubblico di 7,2 milioni di persone sabato scorso quando l’Australia ha sconfitto la Francia ai calci di rigore 7-6. Un video di un aereo di persone che guardano gli spari sui loro schermi e applaudono al momento della vittoria è stato ampiamente visto online.

Il quarto di finale è stato visto da una media di 4,17 milioni di telespettatori, ha affermato la rete, rendendolo l’evento più visto dalla televisione australiana quest’anno e l’evento sportivo più visto in oltre due decenni.

Stasera, con i Matildas che affrontano le Leonesse d’Inghilterra, campioni d’Europa, il pubblico dovrebbe cancellare quel record.

Natalie Helm, sua figlia di 6 anni, ha detto che è stato toccante vedere l’effetto che il successo della squadra ha avuto sui bambini: “Qualcuno ci ha detto di aver sentito una bambina dire a un ragazzo: ‘Come si chiama il ragazzo Matildas?'” “