Giugno 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Le azioni asiatiche sono frastagliate, lo yen è fragile in vista dei dati sull’inflazione statunitense

Le azioni asiatiche sono frastagliate, lo yen è fragile in vista dei dati sull’inflazione statunitense

La gente cammina davanti a uno schermo che mostra l’indice azionario Hang Seng nel distretto centrale, a Hong Kong, Cina, il 25 ottobre 2022. REUTERS/Lam Yik/file Photo Ottenere i diritti di licenza

SINGAPORE (Reuters) – Le azioni asiatiche sono salite martedì alla vigilia della pubblicazione di un importante rapporto sull’inflazione statunitense che potrebbe incidere pesantemente sulle prospettive politiche della Federal Reserve (banca centrale americana), mentre il fragile yen si è avvicinato ai livelli più bassi degli ultimi 33 anni, riportandolo nell’intervento. zona.

Il più ampio indice MSCI delle azioni dell’area Asia-Pacifico al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) è ​​salito dello 0,23%, sulla buona strada per il secondo giorno consecutivo di guadagni.

Il prezzo dello yen giapponese ha raggiunto 151,71 yen per dollaro durante le ore asiatiche, dopo aver toccato lunedì il livello più basso dell’anno a 151,92. Se la valuta in difficoltà supererà il minimo dello scorso anno di 151,94, raggiungerà un nuovo minimo di 33 anni.

Il ministro delle Finanze giapponese Shunichi Suzuki ha dichiarato martedì che il governo adotterà tutte le misure necessarie per rispondere ai movimenti valutari, ripetendo il suo solito mantra secondo cui un’eccessiva volatilità è indesiderabile.

Si prevede che anche i titoli europei rimarranno deboli, con i futures Eurostoxx 50 in ribasso dello 0,05%, i futures tedeschi sul DAX in ribasso dello 0,01% e i futures FTSE in ribasso dello 0,15%.

Gli investitori attendono il rapporto sull’inflazione statunitense, previsto per oggi, dopo che il presidente della Federal Reserve Jerome Powell e altri politici hanno affermato di non essere ancora sicuri che i tassi di interesse siano abbastanza alti da domare l’inflazione.

READ  Rapporto sugli utili di TSMC per il terzo trimestre del 2023

Gli economisti intervistati da Reuters prevedono che l’inflazione complessiva dei prezzi al consumo negli Stati Uniti rallenterà al 3,3% a ottobre dal 3,7% di settembre, con il cosiddetto tasso di inflazione core, che esclude le componenti volatili, che rimarrà invariato al 4,1%.

“Questi dati hanno un impatto significativo sulla futura direzione politica della Fed”, ha affermato Anderson Alves, un trader di ActivTrades.

“Un errore, soprattutto nella componente meno volatile dell’inflazione core, potrebbe indurre i trader a ritenere che la Fed potrebbe trattenersi da ulteriori rialzi. Al contrario, qualsiasi vittoria potrebbe portare a una notevole rivalutazione della curva dei tassi di interesse a breve termine degli Stati Uniti.”

Le azioni cinesi sono scese marginalmente, con l’indice CSI 300 (.CSI300) in ribasso dello 0,19% mentre l’indice Hang Seng di Hong Kong (.HSI) è salito dello 0,09%, in vista di un vertice tra i massimi leader delle due maggiori economie del mondo. Più tardi questa settimana.

I rendimenti sui titoli del Tesoro a 10 anni sono stati del 4,630%, in leggero calo rispetto al massimo di una settimana di lunedì del 4,696%.

I mercati hanno preso spunto soprattutto dalla decisione di Moody’s di declassare l’outlook del rating del credito americano AAA da “stabile” a “negativo” venerdì. La decisione di Moody’s arriva dopo che il suo concorrente, Fitch, ha abbassato il rating di credito massimo degli Stati Uniti in agosto.

“A solo un anno dalle elezioni presidenziali, è improbabile che il governo annunci proposte significative per affrontare questi problemi, data l’impopolarità di promesse di tagli alla spesa e aumenti delle tasse”, ha affermato Gary Duggan, responsabile degli investimenti di Delma Capital.

READ  Le vendite di case esistenti sono diminuite a maggio quando i prezzi delle case hanno raggiunto un livello record

Gli Stati Uniti dovranno affrontare un altro shutdown parziale del governo a partire da sabato se il Congresso non approverà un disegno di legge di spesa temporanea.

Riprende a guardare Elaine

L’ampio calo dello yen spinge gli operatori a guardare se le autorità giapponesi interverranno, con i dati sull’inflazione statunitense che probabilmente saranno il motore dietro la prossima grande mossa.

L’ultima volta che il Giappone è intervenuto sul mercato valutario vendendo dollari e acquistando yen è stato nell’ottobre dello scorso anno. I dati di intervento pubblicati il ​​mese scorso hanno mostrato che da allora le autorità si sono allontanate dall’adottare ulteriori misure di questo tipo.

Quest’anno la valuta è scesa di circa il 14% rispetto al dollaro.

Lo yen è balzato brevemente contro il dollaro lunedì nelle ore di New York, dopo aver raggiunto il livello più basso dall’inizio dell’anno, cosa che gli analisti hanno attribuito ad un’ondata di scambi di opzioni che scadranno questa settimana.

Nicholas Shea, stratega della Standard Chartered Bank, ha affermato che le fluttuazioni dello yen segnalano che i mercati sono preoccupati per un potenziale intervento, che aiuta a frenare la speculazione eccessiva.

“In un certo senso, i partecipanti al mercato stanno facendo il lavoro del Tesoro per loro, poiché i mercati iniziano a indovinare il movimento dei prezzi dietro ogni improvviso calo del dollaro rispetto allo yen”, ha detto.

L’indice del dollaro, che misura la valuta statunitense rispetto a sei valute concorrenti, è salito dello 0,057% a 105,69. L’indice è sceso dell’1% a novembre, sulla buona strada per porre fine a una serie di vittorie consecutive durata tre mesi.

I prezzi del petrolio sono aumentati leggermente dopo che un rapporto dell’OPEC ha affermato che i fondamentali del mercato sono rimasti forti. Il greggio statunitense è salito dello 0,27% a 78,47 dollari al barile, mentre il greggio Brent ha registrato 82,73 dollari, in rialzo dello 0,25% durante la giornata.

READ  Il servizio postale degli Stati Uniti propone nuove tariffe per "compensare" l'inflazione

Reporting di Ankur Banerjee, montaggio di Shri Navaratnam e Miral Fahmi

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda