Maggio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La turbolenza tropicale mostra una migliore organizzazione sui Caraibi;  La tempesta tropicale Bonnie si aspetta presto - Orlando Sentinel

La turbolenza tropicale mostra una migliore organizzazione sui Caraibi; La tempesta tropicale Bonnie si aspetta presto – Orlando Sentinel

La turbolenza tropicale nei Caraibi mostra una migliore regolamentazione mercoledì pomeriggio e potrebbe presto essere classificata come tempesta tropicale Bonny più tardi oggi, secondo il National Hurricane Center.

“Tuttavia, i movimenti delle nuvole basse provenienti dalle immagini satellitari visibili ad alta risoluzione e dalle osservazioni radar di Curacao indicano che il sistema non ha ancora una rotazione chiusa”, ha affermato Richard Bash, specialista di cicloni presso NHC. “Sembra possibile un certo rafforzamento, ma è probabile che l’interazione con la massa continentale sudamericana limiti l’intensificazione per il giorno successivo”.

La National Psychic Aircraft & Go Hunter dovrebbe condurre un’indagine questo pomeriggio. Può ben definire la circolazione chiusa e descrivere il disturbo come una tempesta tropicale. Le previsioni mostrano una leggera forza della tempesta, ma nessuna forte intensificazione fino alla fine di questa settimana mentre si avvicina ai Caraibi sudoccidentali, dove il sistema potrebbe diventare il primo uragano della stagione.

È probabile che forti piogge e venti di tempesta tropicale inizino a tarda notte e fino a giovedì mattina per le isole Windward, parti del nord del Venezuela e della Colombia settentrionale per quello che i meteorologi chiamano un possibile ciclone tropicale 2, ha detto mercoledì alle 14 il National Hurricane Center.

Il sistema si trova a circa 85 miglia a est-sud-est di Curacao, con venti massimi sostenuti di 40 mph che si spostano a ovest a 24 mph, a partire dall’aggiornamento delle 14:00. E mentre il sistema è rimasto disorganizzato, gli specialisti degli uragani sospettano che possa cambiare nelle prossime 12 ore.

“Uno dei motivi per cui il sistema non è stato in grado di interrompere la circolazione finora è perché la velocità è troppo alta”, ha detto Blake. Ma i modelli mostrano che la turbolenza è stabile la sera. Dopodiché, il sistema dovrebbe smettere di condensare per due giorni. Entro venerdì, ha detto Blake, potrebbe saltare di nuovo.

READ  Il Cremlino afferma che l'annessione e la ritirata non sono una contraddizione tra i successi dell'Ucraina

A partire dalle 14:00 è stato emesso un avviso di tempesta tropicale per Trinidad e Tobago; Grenada e le sue dipendenze e parti della costa colombiana. Mentre prosegue verso ovest, il sistema dovrebbe essere vicino o sopra il Nicaragua venerdì notte.

Il sistema ha venti di burrasca tropicale che si estendono verso l’esterno fino a 60 miglia dal centro del sistema. Se chiamato, sarebbe Tropical Storm Bonnie. NHC dà una probabilità del 90% di formarsi nei prossimi cinque giorni.

“Secondo le previsioni, il sistema passerà vicino ai Caraibi meridionali e alla costa settentrionale del Venezuela oggi, vicino alla penisola di Guajira in Colombia all’inizio di giovedì, e sopra i Caraibi sudoccidentali venerdì”, l’NHC.

I meteorologi stanno anche osservando altri due disturbi che hanno il potenziale per diventare un sistema tropicale.

La zona di turbolenza ha aumentato le precipitazioni e i temporali durante la notte e sul Golfo del Messico nord-occidentale. È possibile un ulteriore sviluppo, ma al momento il sistema non è ancora regolamentato. L’NHC gli dà una probabilità del 40% di formarsi in un sistema tropicale nei prossimi due o cinque giorni mentre si sposta lentamente verso ovest attraverso il Golfo del Messico settentrionale e verso il Texas. Si prevede che si sposterà all’interno del Texas giovedì.

Un aereo Hurricane Hunter della Air Force Reserve è stato schierato per indagare ulteriormente sulla turbolenza.

“Potrebbe diventare una depressione tropicale di breve durata vicino alla costa prima di spostarsi nell’entroterra”, ha affermato l’NHC. “Indipendentemente dallo sviluppo, alla fine di questa settimana saranno possibili forti piogge lungo parti della costa del Texas”.

READ  Israele afferma di aver riaperto un passaggio principale verso Gaza, ma le Nazioni Unite affermano che non sono entrati aiuti

Inoltre, un’onda tropicale sopra l’Oceano Atlantico medio tropicale produce acquazzoni e temporali non regolamentati. L’onda dovrebbe toccare un’altra onda tropicale alla fine di questa settimana e potrebbe svilupparsi. L’NHC ha dato all’onda una probabilità del 10% di diventare una depressione nei due giorni successivi e del 30% nei cinque giorni successivi.

Se uno qualsiasi dei sistemi venisse sviluppato, sarebbe il secondo sistema della stagione dopo la tempesta tropicale Alex, che ha scaricato quasi un piede di pioggia su parti della Florida all’inizio di questo mese.

Dopo Bonnie, i prossimi nomi saranno Colin e Danielle.

Un sistema tropicale può essere chiamato depressione tropicale senza diventare una condizione di tempesta tropicale. Non è stato nominato fino a quando il sistema non ha resistito a venti di 39 mph e non è stato chiamato uragano fino a quando non ha resistito a venti di 74 mph.

La stagione 2022 va dal 1 giugno al novembre. L’anno dovrebbe essere di altri 30 anni al di sopra del normale per le tempeste successive alle 30 tempeste designate per il 2020 e alle 21 del 2021.

Jpedersen@orlandosentinel.com