Dicembre 9, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il James Webb Telescope trova due delle galassie più antiche e distanti di sempre Telescopio spaziale James Webb

NASA Telescopio spaziale James Webb Trova galassie luminose e primitive finora nascoste alla vista, comprese galassie che potrebbero essersi formate appena 350 milioni di anni dopo il Big Bang.

Se i risultati saranno verificati, hanno detto gli astronomi giovedì, questo gruppo di stelle appena scoperto supererà la galassia più distante identificata dal telescopio spaziale Hubble, un detentore del record che si è formato 400 milioni di anni dopo l’inizio dell’universo.

Il telescopio Webb, lanciato lo scorso dicembre come successore del telescopio Hubble, indica che le stelle potrebbero essersi formate prima di quanto si pensasse, forse entro due milioni di anni dal Big Bang.

Immagini affiancate di galassie lontane, che appaiono come sfocature rossastre ellittiche contro l'oscurità dello spazio
Primo piano di due galassie appena scoperte. Foto: Agenzia spaziale europea, Agenzia spaziale statunitense, Agenzia spaziale canadese, STScI/AFP/Getty Images

Le ultime scoperte web Dettagliato nelle lettere del diario astrofisico da un team internazionale guidato da Rohan Naidu dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics. L’articolo descrive due galassie eccezionalmente luminose, la prima che si ritiene si sia formata 350 milioni di anni dopo il Big Bang e altre 450 milioni di anni dopo.

Naidoo ha affermato che sarebbero necessarie più osservazioni a infrarossi di Webb prima che potesse rivendicare il nuovo detentore del record.

Gli scienziati hanno detto nella rivista NASA Conferenza stampa. Hanno indicato che alcune di esse potrebbero essere galassie successive che imitano galassie precedenti.

“Questo è un momento molto dinamico”, ha detto Garth Illingworth dell’Università della California, Santa Cruz, coautore dell’articolo pubblicato giovedì. “Ci sono stati molti primi annunci sulle galassie più vecchie e stiamo ancora cercando di capire come comunità quali potrebbero essere reali”.

Le prove fornite finora sono “forti” per la galassia che si pensa si sia formata a 350 metri di distanza dopo il Big Bang, ha affermato Tommaso Treu dell’UCLA, scienziato capo del programma Webb Science Early Launch.

Se i risultati sono verificati e ci sono più galassie precoci, Raido e il suo team scrivono che Webb “si dimostrerà molto efficace nello spingere la frontiera cosmica sull’orlo del Big Bang”.

Due campi stellari con riquadri di posizionamento che mostrano le galassie, con immagini ingrandite trascinabili delle galassie stesse al centro
Un’immagine fornita dalla Near Infrared Camera del Webb Telescope mostra galassie lontane nelle regioni esterne del gigantesco ammasso di galassie Abell 2744. Foto: Agenzia spaziale europea, Agenzia spaziale statunitense, Agenzia spaziale canadese, STScI/AFP/Getty Images

“Quando e come si sono formate le prime galassie rimane una delle domande più intriganti”, scrivono i ricercatori.

Queste galassie “si nascondevano sotto i limiti di ciò che Hubble poteva fare”, ha osservato Jane Rigby della NASA, una scienziata del progetto con Webb.

“Erano lì ad aspettarci”, ha detto ai giornalisti. “Quindi è una felice sorpresa che ci siano così tante di queste galassie da studiare”.

L’osservatorio da 10 miliardi di dollari – il più grande e potente telescopio mai inviato nello spazio – si trova in orbita solare a circa 1 milione di miglia (1,6 milioni di km) dalla Terra. Le operazioni scientifiche complete sono iniziate durante l’estate e da allora la NASA ha rilasciato una serie di Scatti impressionanti Universo.

READ  La NASA conferma che ci sono più di 5.000 mondi al di fuori del nostro sistema solare