Dicembre 4, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Le foto di James Webb eccitano e sorprendono gli scienziati: NPR

Le foto di James Webb eccitano e sorprendono gli scienziati: NPR

Il piccolo punto rosso evidenziato all’interno del quadrato bianco in questa immagine del James Webb Space Telescope è una galassia primordiale, vista solo 350 milioni di anni dopo il Big Bang.

STScI/NASA


Nascondi didascalia

Cambia didascalia

STScI/NASA

Il piccolo punto rosso evidenziato all’interno del quadrato bianco in questa immagine del James Webb Space Telescope è una galassia primordiale, vista solo 350 milioni di anni dopo il Big Bang.

STScI/NASA

Le nuove foto dell’universo, scattate dal James Webb Space Telescope, mostrano che le galassie stanno iniziando a formarsi più velocemente e prima del previsto.

Il telescopio è stato lanciato a dicembre e ora orbita attorno al sole a circa un milione di miglia dalla Terra. Il suo specchio gigante gli consente di rilevare la debole luce che ha viaggiato attraverso la storia dell’universo di circa 13,8 miliardi di anni. Ciò significa che può effettivamente vedere come apparivano le galassie nel passato.

Il filmato finora ha stupito e sconcertato gli scienziati, perché si scopre che molte galassie luminose esistevano quando l’universo era molto giovane.

“Solo poche centinaia di milioni di anni dopo il Big Bang, ci sono già molte galassie”, dice. Tommaso Trio, astronomo dell’Università della California, Los Angeles. “JWST ha aperto nuovi orizzonti, avvicinandoci alla comprensione di come tutto è iniziato.”

nella ricerca Foglie pubblicato in Lettere del diario astrofisicoTrieu e altri astronomi riportano la scoperta di una galassia risalente a soli 450 milioni di anni dopo l’inizio e un’altra risalente a 350 milioni di anni fa.

Quest’ultima scoperta ha battuto un record stabilito dal telescopio spaziale Hubble nel 2016, quando è riuscito a intravedere una galassia chiamata GN-z11, che esisteva circa 400 milioni di anni dopo il Big Bang.

READ  L'astronauta James McDevitt, che ha guidato le missioni Gemini e Apollo, è morto all'età di 93 anni

astronomo Garth Illingworth Dalla University of California, Santa Cruz era un membro del team che ha costruito il GN-z11, e dice che vederlo è stata una “grande sorpresa”. Ma ora, con l’aiuto del loro nuovo telescopio spaziale, gli scienziati sanno che non era solo uno strano alieno, perché hanno almeno altri due esempi.

Il blob rossastro è una galassia appena scoperta vista 350 milioni di anni dopo il Big Bang.

STScI/NASA


Nascondi didascalia

Cambia didascalia

STScI/NASA

“Queste galassie di cui stiamo parlando sono luminose, e quindi si sono nascoste sotto i limiti di ciò che Hubble può fare”, dice Gene RigbyScienziato del progetto operativo per il telescopio spaziale James Webb. “Erano lì ad aspettarci”.

Da quando gli astronomi hanno iniziato a utilizzare la teoria del pianeta Terra, alcuni hanno affermato di aver individuato galassie di epoche precedenti, come 250 milioni di anni dopo il Big Bang. Ma queste sono osservazioni più empiriche.

“Ci sentiamo molto fiduciosi su queste due cose, ma meno fiduciosi sulle altre”, afferma Illingworth. “C’è sicuramente un sacco di discussione in corso.”

Le due galassie appena viste sono molto più piccole della nostra, la Via Lattea, e una di esse sembra essere inaspettatamente allungata.

Poiché JWST ha visto così tante prime galassie luminose, gli astronomi devono ripensare le loro vecchie idee sull’evoluzione dell’universo.

“È eccitante per noi, da un punto di vista teorico, che ci possano essere alcune domande aperte su come queste galassie abbiano formato le loro stelle così presto da essere in grado di rilevarne un gran numero”. Cihan Kartaltepe dal Rochester Institute of Technology.

READ  La sonda Artemis 1 Orion vede la luna per la prima volta in video

Trovare galassie come queste e costruire una maggiore comprensione di come l’universo si è evoluto per essere quello che è oggi, è il motivo per cui gli astronomi hanno speso decenni e 10 miliardi di dollari per progettare e lanciare il JWST.

“Possiamo vedere che siamo davvero sulla strada giusta per realizzare il sogno di comprendere le galassie il prima possibile”, afferma Illingworth. “Gli ultimi mesi sono stati entusiasmanti, ma abbiamo ancora molto da imparare”.