Aprile 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I ministri israeliani di destra si uniscono a migliaia di persone in un evento che chiede il reinsediamento del loro paese a Gaza

I ministri israeliani di destra si uniscono a migliaia di persone in un evento che chiede il reinsediamento del loro paese a Gaza

GERUSALEMME – Gli avvertimenti emessi dalla Casa Bianca – e dalla Corte Suprema delle Nazioni Unite – sembrano aver fatto ben poco per impedire ad alcuni ministri di destra in Israele di promuovere una visione preoccupante respinta dal primo ministro israeliano: ricostruire gli insediamenti israeliani a Gaza dopo la guerra di Gaza. . la guerra.

Alcuni ministri del governo di destra del primo ministro Benjamin Netanyahu erano tra le migliaia di persone che domenica sera sono accorse a una conferenza a Gerusalemme per chiedere il “reinsediamento” degli israeliani a Gaza, alla presenza del ministro di destra per la Sicurezza nazionale Itamar. Ben Gvir e il ministro delle Finanze. Bezalel Smotrich tiene i discorsi principali.

La conferenza, chiamata “Settlement Brings Security”, è stata guidata in parte dall’organizzazione di destra Nashala, un gruppo che chiede l’espansione degli insediamenti ebraici, che gli organismi internazionali e umanitari considerano illegali. L’evento ha invitato Israele a ricostruire gli insediamenti sia a Gaza che nelle parti settentrionali della Cisgiordania occupata.

Israele ha smantellato i suoi insediamenti a Gaza quando si è ritirato unilateralmente dalla Striscia nel 2005, dopo 38 anni di occupazione. Questa enclave è stata lasciata sotto il controllo dell’Autorità Palestinese, con Hamas che ne ha preso il controllo nel 2007 in seguito alla vittoria nelle elezioni del 2006 e alla conseguente brutale lotta per il potere con il suo principale rivale, Fatah.

Anche se Netanyahu ha affermato che Israele “non ha alcuna intenzione di occupare permanentemente Gaza o di sfollarne la popolazione civile”, restano interrogativi su come sarà il futuro della Striscia una volta terminata la guerra di Israele contro Hamas.

Un partecipante scatta una foto vicino a una mappa che propone una visione degli insediamenti israeliani a Gaza durante la conferenza tenutasi domenica a Gerusalemme.Coby Wolf per NBC News

Domenica, nella sala d’ingresso della conferenza, un’enorme mappa delineava quella che secondo gli organizzatori era la loro visione degli insediamenti a Gaza, dal nord al sud della Striscia.

READ  Biden pranza nella capitale, ignorando le domande sull'Ucraina mentre la crisi con la Russia si aggrava

Daniela Weiss, direttrice di Nachala, nota leader del movimento dei coloni israeliani, ha dichiarato a NBC News che la mappa prevede un futuro “in cui tutti [the] La Striscia di Gaza fa parte dello Stato di Israele, della Terra d’Israele”.

“Dopo il 7 ottobre, la storia è cambiata”, ha aggiunto, riferendosi agli attacchi di Hamas contro Israele di quel giorno, in cui circa 1.200 persone furono uccise e 260 prese in ostaggio a Gaza. “È la fine della presenza araba a Gaza. È la fine.”

“Invece, ci saranno molti, molti ebrei che torneranno negli insediamenti e ne costruiranno di nuovi”, ha detto.

Durante la conferenza, Ben Gvir ha invitato Netanyahu a essere “coraggioso”, dicendo che era tempo di sviluppare insediamenti israeliani a Gaza – e di “incoraggiare” i palestinesi a lasciare la Striscia.

Molte famiglie erano tra la folla alla conferenza di domenica. Coby Wolf per NBC News

Smotrich ha detto di avere “sentimenti contrastanti” riguardo all'evento, poiché Israele è concentrato sulla guerra contro Hamas, ma ha detto che il paese è a un bivio e che “senza una soluzione non c'è sicurezza”.

I loro commenti hanno suscitato gli applausi del pubblico ruggente, con diversi ministri che a un certo punto si sono alzati dai loro posti in prima fila per unirsi agli altri partecipanti mentre cantavano e ballavano.

Oltre a Smotrich e Ben Gvir, erano presenti all'evento anche il ministro del Patrimonio Amihai Eliyahu e il ministro del Turismo Haim Katz, del partito Likud di Netanyahu, insieme a numerosi altri politici.

Ariel Kalner, a sinistra, Shlomo Karhi, Itamar Ben Gvir, Yossi Dagan e Amihai Eliyahu erano tra i politici che hanno ballato alla conferenza tenutasi domenica a Gerusalemme.Coby Wolf per NBC News

Hanno partecipato alla conferenza dopo che la Corte internazionale di giustizia venerdì ha ordinato a Israele di fare tutto ciò che è in suo potere per prevenire atti di genocidio nel suo attacco a Gaza, in cui più di 26.000 persone sono state uccise e più di 64.000 ferite. Con altre migliaia di dispersi e presumibilmente uccisi, secondo i funzionari palestinesi.

READ  Re Carlo dichiarò re, il funerale della regina il 19 settembre

Ministero palestinese degli Affari Esteri e degli Espatriati Condannato il convegno su XDicendo che ciò costituisce una “sfacciata sfida” alla sentenza della Corte Internazionale e incoraggia lo sfollamento forzato dei palestinesi.

La Corte Suprema delle Nazioni Unite non è arrivata al punto di emettere un ordine di cessate il fuoco, come richiesto dal Sud Africa, attore in causa.

I discorsi di incitamento pronunciati da figure di spicco del governo israeliano hanno avuto un ruolo importante nel caso del Sud Africa, che accusa Israele di aver commesso un genocidio, cosa che Israele nega.

Ma domenica, Smotrich e Ben Gvir sono apparsi indifferenti agli eventi dell’Aia e al recente avvertimento dell’amministrazione Biden di mettere un’immediata “pausa” sulla retorica che chiede “il reinsediamento dei palestinesi fuori Gaza”.

Domenica il ministro delle Finanze israeliano Bezalel Smotrich lascia il podio della conferenza.Coby Wolf per NBC News

Il portavoce del Dipartimento di Stato Matthew Miller ha detto: “Questo discorso è provocatorio e irresponsabile”. Lo ha detto in un comunicato Il 2 gennaio, in risposta ai commenti di Smotrich e Ben Gvir.

“Il governo di Israele ci ha ripetutamente informato, incluso il primo ministro, che tali dichiarazioni non riflettono la politica del governo israeliano”, ha detto, aggiungendo che Smotrich e Ben Gvir dovrebbero “fermarsi immediatamente”.

Miller ha affermato che gli Stati Uniti sono stati “chiari, fermi e inequivocabili nel dire che Gaza è terra palestinese e rimarrà terra palestinese”, ma con Hamas “che non controlla più il suo futuro e senza gruppi terroristici in grado di minacciare Israele”.

Una mappa che mostra il punto di vista degli organizzatori su come potrebbe apparire il reinsediamento a Gaza alla conferenza che si terrà a Gerusalemme domenica.Coby Wolf per NBC News/Cobie Wolf

L'ufficio di Netanyahu ha rifiutato di commentare la presenza dei ministri israeliani.

READ  Gli oligarchi russi hanno standard incredibili

Dall’inizio della guerra, Netanyahu ha dovuto affrontare un costante equilibrio tra il tentativo di mantenere il sostegno dell’amministrazione Biden e il tentativo di guidare il governo più di estrema destra nella storia di Israele dopo aver formato una coalizione basata su politici estremisti pro-coloni.

Mentre migliaia di persone sono accorse all’evento di domenica, recenti sondaggi condotti dall’Università Ebraica all’inizio di dicembre hanno rilevato che più della metà degli israeliani si oppone all’annessione della Striscia di Gaza e alla restituzione degli insediamenti che furono smantellati durante il ritiro israeliano del 2005, secondo I tempi di Israele.

Domenica a Gerusalemme un uomo tiene in mano un cartellone pubblicitario che dice: “Solo il trasferimento ai palestinesi porterà la pace”.Coby Wolf per NBC News

Il giornale ha riferito che in un sondaggio che ha coinvolto più di 1.800 persone, il 56% degli israeliani si è detto contrario a questa politica, mentre il 33% la sostiene e l'11% non è sicuro.

Il leader dell'opposizione centrista Yair Lapid Ha detto su X Ha detto che la partecipazione dei ministri israeliani domenica ha rappresentato un “nuovo minimo” per il governo Netanyahu.

Ha anche espresso preoccupazione per il fatto che l'evento potrebbe danneggiare i potenziali negoziati per raggiungere un accordo per il rilascio degli ostaggi detenuti a Gaza, così come la posizione internazionale di Israele in un momento in cui continua ad essere sotto esame per il suo attacco mortale a Gaza.