Luglio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Le elezioni francesi sono giunte a un vicolo cieco, con la sinistra che avanza e l’estrema destra che fallisce

Le elezioni francesi sono giunte a un vicolo cieco, con la sinistra che avanza e l’estrema destra che fallisce

La Francia si trova ad affrontare un parlamento sospeso e una profonda apatia politica dopo che i tre principali gruppi politici di sinistra, centro e destra sono emersi dalle elezioni legislative anticipate di domenica con ampie quote di voto ma non vicini alla maggioranza assoluta.

I primi risultati hanno ribaltato le aspettative diffuse di una netta vittoria del Rassemblement National, il partito anti-immigrazione di Marine Le Pen, che aveva dominato il primo turno di votazioni una settimana fa. Invece, il Nuovo Fronte Popolare di sinistra ha ottenuto 178 seggi.

La coalizione centrista del presidente Emmanuel Macron, che un mese fa ha gettato il paese nel caos indire le elezioni, è arrivata al secondo posto con 150 seggi. Il Raggruppamento Nazionale e i suoi alleati sono arrivati ​​al secondo posto, conquistando 142 seggi.

I risultati sono stati compilati dal New York Times utilizzando i dati del Ministero dell’Interno e hanno confermato le previsioni precedenti secondo cui nessun partito o blocco avrebbe ottenuto la maggioranza.

I dettagli del risultato potrebbero cambiare, ma è chiaro che gli sforzi dei centristi e della sinistra per formare un “Fronte repubblicano” per affrontare il Raggruppamento Nazionale nel secondo turno elettorale hanno avuto ampiamente successo. I candidati di tutta la Francia si sono ritirati dalle elezioni che includevano tre partiti e hanno chiesto l’unità contro il partito della Le Pen.

“Ora è dovere del presidente invitare il Nuovo Fronte Popolare a governare”, ha detto Jean-Luc Mélenchon, il leader di estrema sinistra che rappresenta la voce carismatica ma polarizzante dell’Alleanza della Sinistra.

Ma la Francia sembra essere diventata quasi ingovernabile, con l’apertura delle Olimpiadi a Parigi tra meno di tre settimane. La sinistra si è sollevata, il Raggruppamento Nazionale ha aggiunto decine di seggi alla sua presenza nell’Assemblea Nazionale e il partito di Macron ha subito una terribile sconfitta, con i 250 seggi detenuti dal suo partito e dai suoi alleati nell’Assemblea Nazionale ridotti di circa un terzo.

Il risultato è stato che nella Camera dei Deputati, fortemente divisa, dove si trova la maggior parte del potere legislativo, la formazione di una coalizione di governo non era immediatamente concepibile, con i centristi di Macron schiacciati tra gruppi di estrema destra e di estrema sinistra che odiano e detestarsi a vicenda.

Jordan Bardella, un protetto di Le Pen che ha guidato il Rassemblement National alla vittoria delle elezioni del Parlamento europeo e al primo turno di votazioni legislative il mese scorso, ha affermato che gli accordi che hanno ostacolato la sua corsa per la maggioranza assoluta erano una “alleanza disonesta” e ha affermato che Macron aveva condannato la Francia alla “non certezza e all’instabilità.

READ  Il viceministro della Difesa russo arrestato con l'accusa di corruzione

Anche con meno seggi del previsto, il Raggruppamento Nazionale ha ora guadagnato un posto nella politica francese che ha cancellato un panorama politico del secondo dopoguerra costruito attorno all’idea che la storia di palese razzismo e antisemitismo dell’estrema destra la rendesse indegna di posizioni. di potere.

La Le Pen ha scartato questo passato. Ma anche nella sua nuova forma, il messaggio centrale del partito rimane che gli immigrati stanno indebolendo la gloriosa identità nazionale francese e che sono necessari confini e regolamenti più severi per tenerli fuori dal paese o impedire loro di beneficiare della rete di sicurezza sociale francese.

La Francia ha respinto questa visione, ma ha votato a stragrande maggioranza a favore del cambiamento. Non vuole più la stessa cosa. Ha inviato un messaggio feroce alle élite pro-business che si sono radunate attorno a Macron, il cui mandato è scaduto e dovrà lasciare l’incarico nel 2027.

“La Francia è più divisa che mai”, ha affermato Alain Duhamel, eminente politologo e scrittore. “Abbiamo imparato che sciogliere il parlamento e indire queste elezioni è stata una pessima idea per Macron”.

Mentre il vacillante presidente Biden lotta per contrastare il messaggio nazionalistico “America First” dell’ex presidente Donald J. Trump, un prolungato vuoto politico francese potrebbe destabilizzare ulteriormente la situazione internazionale. La Le Pen, da tempo vicina alla Russia, ha cercato di presentarsi come una cauta sostenitrice dell’Ucraina, ma Mosca senza dubbio accoglierà con favore la crescente influenza del Raggruppamento Nazionale.

Il Nuovo Fronte Popolare ha condotto una campagna su una piattaforma che aumenterebbe il salario minimo mensile della Francia, abbasserebbe l’età pensionabile legale da 64 a 60 anni, ripristinerebbe un’imposta sul patrimonio e congelerebbe i prezzi dell’energia e del gas. Invece di ridurre l’immigrazione, come promesso dal Raduno Nazionale, la coalizione ha affermato che avrebbe reso il processo di asilo più generoso e agevole.

La piattaforma ha affermato che la coalizione sostiene la lotta per la libertà dell’Ucraina contro la Russia e ha invitato il presidente Vladimir Putin a “rispondere dei suoi crimini davanti alla giustizia internazionale”.

Non è ancora chiaro come verrà finanziato il programma economico della coalizione in un momento in cui la Francia si trova ad affrontare un deficit di bilancio in aumento, e come verrà attuata una politica a favore dell’immigrazione in un paese dove questa è forse la questione più delicata.

Il partito del Nuovo Fronte Popolare, nettamente diviso tra socialisti moderati e estrema sinistra, ha ottenuto ottimi risultati tra i giovani nel primo turno di votazioni e nei progetti densamente popolati da immigrati nordafricani nelle principali città, tra cui Parigi.

READ  Famiglia: una madre e una figlia fuggono dal conflitto militare in Sudan

La posizione fermamente filo-palestinese di Mélenchon si è rivelata molto popolare in queste zone, anche se suscitò indignazione quando sembrò oltrepassare la linea rossa dell’antisemitismo, quando accusò Yael Braun-Bevier, capo dell’Assemblea nazionale ebraica, di “accamparsi a Tel Aviv per incoraggiare il pogrom”. “Gli amici del sostegno incondizionato al pogrom si sono uniti”, ha detto a proposito di una grande manifestazione dello scorso novembre contro l’antisemitismo.

Non c’era alcun obbligo per Macron di indire elezioni anticipate, ma era disposto a scommettere di poter ancora essere una figura unificante contro gli estremisti. In effetti, durante i suoi sette anni in carica, ha perso la sua appello a farlo. Quando ha preso il potere nel 2017, ha dichiarato che sinistra e destra erano etichette obsolete. Non è più così.

Tuttavia, la coalizione centrista di Macron ha fatto meglio del previsto alle ultime elezioni ed è riuscita a sopravvivere per combattere un altro giorno.

Macron sembra ora avere due opzioni, a parte le dimissioni, che ha promesso di non prendere in considerazione.

La prima opzione è cercare di costruire un’ampia coalizione che possa estendersi dalla sinistra ai restanti conservatori gollisti moderati, alcuni dei quali hanno infranto un tabù durante la campagna elettorale alleandosi con il Raggruppamento Nazionale.

Questa possibilità sembra remota. Macron non ha nascosto il suo intenso odio per Mélenchon; È un sentimento reciproco.

La seconda opzione, meno ambiziosa, è che Macron cerchi di formare un governo di transizione per gestire la situazione attuale.

Ad esempio, Macron potrebbe chiedere agli ex primi ministri dei partiti del blocco centrista – il suo, i socialisti e i repubblicani di centrodestra – di proporre un governo di tecnocrati o figure di alto livello in grado di gestire un’agenda moderata nel prossimo anno.

Secondo la Costituzione, deve trascorrere almeno un anno prima dello svolgimento delle prossime elezioni parlamentari.

Un’area in cui Macron potrebbe ancora essere in grado di esercitare un’influenza significativa, più di quanto avrebbe fatto se fosse stato costretto a “coesistere” con Bardella come primo ministro, sono gli affari internazionali e militari, tradizionalmente appannaggio del governo. presidente della Quinta Repubblica.

Macron, convinto sostenitore dell’Unione Europea composta da 27 nazioni, che il Raggruppamento Nazionale vuole indebolire, continuerà senza dubbio a spingere per una “potenza europea” con eserciti, industrie della difesa e ricerca tecnologica più integrati, ma la sua influenza potrebbe essere diminuita. dalla debolezza interna.

READ  L'Italia punta alle elezioni anticipate dopo il fallimento dell'alleanza Draghi

Macron, una volta attratto dal riavvicinamento con Putin, è diventato un schietto sostenitore della lotta dell’Ucraina per la sua libertà. Con l’avvicinarsi delle elezioni presidenziali americane tra soli quattro mesi, sono aumentati i dubbi sulla volontà dell’Occidente di continuare ad armare e finanziare l’Ucraina.

La Russia crede chiaramente che la Francia oscillerà. In una dichiarazione rilasciata dal Ministero degli Esteri russo pochi giorni fa, si leggeva: “Il popolo francese cerca una politica estera indipendente che serva i propri interessi nazionali, e la separazione dai dettami di Washington e Bruxelles non potrà ignorarla questi profondi cambiamenti nelle posizioni della stragrande maggioranza dei cittadini”.

In breve, la Francia si trova ad affrontare un’estrema incertezza, sia interna che esterna. Sembra che nei prossimi mesi non si possa escludere una crisi costituzionale. Gabriel Attal, il primo ministro centrista uscente che si è dimesso domenica, ha dichiarato che “la maggioranza assoluta stasera non sarà controllata dagli estremisti grazie alla nostra determinazione e ai nostri valori”.

Ha rivendicato una piccola vittoria, ma ovviamente neanche il Centro ha una maggioranza del genere.

A differenza di molti altri paesi europei, tra cui Belgio, Italia e Germania, la Francia non ha una tradizione di negoziati lunghi mesi per formare complessi governi di coalizione tra partiti con opinioni divergenti o stringere alleanze temporanee. Infatti, Charles de Gaulle progettò la Quinta Repubblica nel 1958 per porre fine ai tumulti parlamentari e ai governi di breve durata visti nella Quarta Repubblica.

Una teoria avanzata per spiegare l’ambigua decisione di Macron di indire le elezioni è che con il Raggruppamento Nazionale al potere e Bardella come primo ministro, il lustro del partito di estrema destra sarebbe svanito prima delle elezioni presidenziali del 2027.

Si è trattato di un’altra scommessa basata sull’idea che è più facile criticare a margine che prendere decisioni difficili da parte del governo. Macron non vuole consegnare le chiavi del Palazzo dell’Eliseo, la residenza presidenziale, alla Le Pen tra tre anni.

In questo senso, il risultato elettorale potrebbe confondere Macron e favorire la Le Pen. Ha dimostrato la sua crescente popolarità senza che il suo partito sopportasse gli oneri della carica. D’altro canto, la ferma resistenza della Francia all’idea di un trasferimento del potere all’estrema destra è stata ancora una volta evidente.