Luglio 13, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Guerra tra Israele e Hamas: i combattimenti del fine settimana uccidono più di una dozzina di soldati israeliani

Guerra tra Israele e Hamas: i combattimenti del fine settimana uccidono più di una dozzina di soldati israeliani

TEL AVIV, Israele (AP) – L'esercito israeliano ha detto domenica che 14 soldati israeliani sono stati uccisi nei combattimenti nella Striscia di Gaza durante il fine settimana, in alcuni dei giorni di battaglia più sanguinosi dall'inizio dell'offensiva di terra, e in un segno che Hamas è stanno ancora conducendo una battaglia, nonostante settimane di guerra brutale.

Il crescente numero di vittime tra le forze israeliane probabilmente giocherà un fattore importante nel sostegno pubblico israeliano alla guerra, scoppiata quando i militanti guidati da Hamas hanno effettuato un attacco contro Israele. Assalto alle comunità residenziali nel sud di Israele Il 7 ottobre uccise 1.200 persone e ne prese 240 in ostaggio. La guerra ha distrutto e ucciso parti della Striscia di Gaza Circa 20.400 palestinesi Ha causato lo sfollamento di circa l'85% della popolazione di Gaza di 2,3 milioni di persone.

Il Ministero della Sanità di Gaza, controllato da Hamas, ha affermato che lo scorso giorno 166 persone sono state uccise nell'enclave costiera.

Gli israeliani restano fermamente indietro Gli obiettivi dichiarati del Paese Distruggere le capacità militari e di governo di Hamas e rilasciare i restanti 129 prigionieri. Questo sostegno è rimasto per lo più costante nonostante la crescente pressione internazionale contro l’offensiva israeliana e il crescente numero di vittime e sofferenze senza precedenti tra i palestinesi.

Ma il numero crescente di soldati morti potrebbe minare questo sostegno. L’uccisione dei soldati è una questione delicata ed emotiva in Israele, un paese che impone il servizio militare obbligatorio alla maggior parte degli ebrei.

I nomi dei soldati caduti vengono annunciati ogni ora al telegiornale e, in un piccolo Paese di circa 9 milioni di abitanti, quasi ogni famiglia conosce un parente, un amico o un collega che ha perso una persona cara in guerra.

Hamas impone un prezzo elevato

14 soldati israeliani sono stati uccisi venerdì e sabato negli scontri in Cisgiordania Gaza centrale e meridionaleCiò indica che Hamas sta ancora offrendo una dura resistenza all’avanzata delle forze israeliane, anche se Israele afferma di aver inferto un duro colpo al gruppo militante.

Secondo la radio dell'esercito israeliano, quattro soldati sono rimasti uccisi quando il loro veicolo è stato colpito da un missile anticarro. Gli altri furono uccisi in combattimenti separati e sporadici.

READ  Le conseguenze delle elezioni europee colpiscono l'euro e le obbligazioni: i mercati si riorganizzano

Un altro soldato è stato ucciso nel nord di Israele dal fuoco del gruppo sciita libanese Hezbollah, che continua a combattere a basso livello con Israele dallo scoppio della guerra con Hamas. Il che fa temere un conflitto regionale più ampio.

La loro morte porta a 153 il numero dei soldati israeliani uccisi dall’inizio dell’attacco di terra.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato domenica prima della riunione del suo gabinetto: “La guerra ci impone un prezzo molto alto, ma non abbiamo altra scelta che continuare a combattere”. Ha aggiunto: “Continueremo con tutta la nostra forza, fino alla fine, fino alla vittoria, fino a raggiungere tutti i nostri obiettivi”.

Anche se gli israeliani sostengono lo sforzo bellico, c’è stata una rabbia diffusa contro il governo di Netanyahu, che molti criticano per non aver protetto i civili il 7 ottobre. Promuovere politiche che abbiano permesso ad Hamas di guadagnare potere Negli anni.

Sabato sera, migliaia di persone hanno manifestato sotto la pioggia battente a Tel Aviv, cantando “Bibi, Bibi, non ti vogliamo più”, riferendosi a Netanyahu con il suo soprannome.

Netanyahu ha evitato di assumersi la responsabilità Ha parlato dei fallimenti militari e politici che hanno preceduto il 7 ottobre, dicendo che avrebbe risposto alle domande difficili una volta finiti i combattimenti.

Espandi l'attacco

Il portavoce militare israeliano, l'ammiraglio Daniel Hagari, ha detto sabato che le forze stanno espandendo la loro offensiva nel nord e nel sud di Gaza e che stanno combattendo in “aree complesse” a Khan Yunis, la seconda città più grande di Gaza, dove Israele crede che si nascondano i leader di Hamas.

L’attacco israeliano è stato uno di questi attacchi Le campagne militari più distruttive della storia moderna Ha causato pesanti perdite tra i civili palestinesi. Secondo il Ministero della Sanità di Gaza, che non fa distinzione tra civili e combattenti, più di due terzi dei 20.000 morti erano donne e bambini.

La Mezzaluna Rossa palestinese ha annunciato, domenica mattina, la morte di un ragazzo di 13 anni, colpito da un drone israeliano mentre si trovava all'interno dell'edificio dell'ospedale Al-Amal nella città di Khan Yunis. Non sono stati forniti dettagli aggiuntivi.

READ  Treni e scuole colpiscono mentre i sindacati francesi chiedono lo sciopero a causa dell'aumento dell'inflazione

Nella notte, un raid israeliano ha colpito una casa in un campo profughi a ovest della città di Rafah, al confine della Striscia di Gaza con l'Egitto. Almeno due uomini sono stati uccisi e i loro corpi sono stati portati all'ospedale Abu Youssef al-Najjar, secondo i giornalisti dell'Associated Press dell'ospedale.

I palestinesi hanno riferito di pesanti bombardamenti e colpi di arma da fuoco israeliani domenica mattina nella città di Jabalia, un'area a nord di Gaza City di cui Israele aveva precedentemente dichiarato il controllo. Hanno aggiunto che i suoni delle esplosioni e degli spari echeggiavano in tutta la città, mentre gli aerei da guerra israeliani volavano sopra la città. Il braccio militare di Hamas ha affermato che i suoi combattenti hanno bombardato le forze israeliane a Jabalia e nel campo profughi di Jabalia.

Asaad Radwan, un pescatore palestinese di Jabalia, ha detto: “Ci sono state esplosioni e violenti scontri durante la notte”. “I suoni delle esplosioni e degli spari non si sono mai fermati.”

Sabato, soccorritori e funzionari ospedalieri hanno affermato che più di 90 palestinesi, tra cui dozzine appartenenti a famiglie allargate, sono stati uccisi negli attacchi aerei israeliani su due case a Gaza.

Israele è stato sottoposto a severe critiche internazionali a causa dell’elevato numero di vittime civili, dei danni diffusi e del deterioramento della situazione umanitaria a Gaza.

Israele accusa Hamas per l'elevato numero di morti civili, sottolineando l'uso da parte dei militanti di aree residenziali e tunnel affollati. Israele ha lanciato migliaia di attacchi aerei dal 7 ottobre e si è in gran parte astenuto dal commentare attacchi specifici.

Israele afferma di aver ucciso migliaia di attivisti di Hamas, di cui circa 2.000 nelle ultime tre settimane da quando ha espanso la sua offensiva nel sud di Gaza, ma non ha fornito prove. Dice che sta smantellando la vasta rete di tunnel di Hamas e uccidendo i principali leader di Hamas, un processo che secondo i leader potrebbe richiedere mesi.

Pressione internazionale

Il numero crescente di vittime da entrambe le parti è avvenuto pochi giorni dopo l’approvazione da parte del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite Decisione diluita Chiede la rapida consegna di aiuti umanitari ai palestinesi affamati e disperati e il rilascio di tutti gli ostaggi, ma non un cessate il fuoco.

READ  La Russia afferma di aver preso di mira i carri armati occidentali in attacchi aerei su Kiev | Ucraina

A seguito della decisione delle Nazioni Unite, non è stato immediatamente chiaro come e quando il processo di consegna degli aiuti sarebbe stato accelerato. I camion entrano attraverso due valichi: Rafah al confine con l'Egitto e Kerem Shalom al confine con Israele. Le Nazioni Unite hanno riferito che venerdì sono entrati meno di 100 camion, molto al di sotto della media giornaliera di 500 camion prima della guerra.

Funzionari israeliani hanno affermato che entrambi i valichi sono stati chiusi sabato di comune accordo tra Israele, Egitto e Nazioni Unite.

Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati, domenica ha fatto eco alle richieste di altri alti funzionari delle Nazioni Unite per un cessate il fuoco umanitario a Gaza per consentire la consegna di aiuti e aiutare con il rilascio degli ostaggi.

“Affinché gli aiuti raggiungano coloro che ne hanno bisogno, che gli ostaggi vengano rilasciati, che si evitino ulteriori sfollamenti e, soprattutto, che la devastante perdita di vite umane porti a un cessate il fuoco umanitario a Gaza, è l’unica via da seguire”, ha scritto su X.

Gli alleati di Israele in Europa Si sono intensificate anche le richieste di fermare i combattimenti. Ma gli Stati Uniti, il più grande alleato di Israele, sembrano restare fermamente al fianco di Israele, anche se ha intensificato le sue richieste per una maggiore protezione per i civili a Gaza.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha parlato con Netanyahu sabato, il giorno dopo che Washington ha protetto Israele da una risoluzione più dura delle Nazioni Unite. Biden ha detto di non aver chiesto un cessate il fuoco, mentre l'ufficio di Netanyahu ha detto che il primo ministro “ha chiarito che Israele continuerà la guerra finché tutti i suoi obiettivi non saranno raggiunti”.

___

Al-Sharafa ha riferito da Deir Al-Balah nella Striscia di Gaza. Magdy ha riferito dal Cairo.

___

Scopri di più sulla copertura AP su https://apnews.com/hub/israel-hamas-war