Maggio 20, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Elon Musk ha ricevuto una causa di licenziamento da 128 milioni di dollari dall'ex amministratore delegato di Twitter e da altri dirigenti.

Elon Musk ha ricevuto una causa di licenziamento da 128 milioni di dollari dall'ex amministratore delegato di Twitter e da altri dirigenti.

Sono molti più di 140 caratteri, ma la causa class and benefit intentata contro Elon Musk e X Corp da un quartetto di ex dirigenti di Twitter invia un messaggio molto chiaro.

Consegnaci i soldi che ci devi!

Si tratta di una lettera del valore totale di 128 milioni di dollari che l'ex CEO Parag Agrawal, l'ex CFO Ned Segal, l'ex COO Vijaya Gade e l'ex General Counsel Sean Edgett chiedono in una denuncia presentata oggi al tribunale federale della California settentrionale.

“Poiché Musk ha deciso di non voler pagare l'indennità di fine rapporto ai querelanti, li ha semplicemente licenziati senza motivo, poi ha inventato un caso fasullo e ha assunto dipendenti nelle sue varie società per sostenere la sua decisione”, le note di deposito delle rivendicazioni in qualche modo redatte dei sei.

Leggi la denuncia presentata dall'ex CEO, CFO, Chief Legal Officer e General Counsel di Twitter contro Elon Musk qui.

Indicando il “numero sconcertante di cause legali intentate dai suoi venditori e fornitori di servizi in una vasta gamma di settori” e le crescenti azioni legali da parte di “migliaia di ex dipendenti non dirigenti” contro Musk e la piattaforma di social media precedentemente nota come Twitter dai tempi dell'eccentrico miliardario ha acquistato l'azienda, l'azienda è stata costretta a 44 miliardi di dollari nel 2022, e i quattro amministratori delegati continuano a sfidare il modus operandi di Musk quando si tratta di ex dipendenti e altri. “Queste sono le regole di Musk: tenersi i soldi che deve agli altri e costringerli a fargli causa”, insistono. “Anche in caso di sconfitta, Musk può imporre ritardi, fastidi e spese ad altri che sono meno in grado di sopportarli”.

READ  Uber aggiungerà supplementi temporanei su corse e consegne di cibo a causa dell'aumento del costo del gas

A tal fine, potenti magnati della tecnologia, rappresentati dagli uffici di Sidley Austin a San Francisco e Chicago, stanno usando le parole spesso perseguite e controverse di Musk contro di lui.

“Musk ha detto al suo biografo, Walter Isaacson, che avrebbe perseguitato tutti gli amministratori delegati e direttori di Twitter fino al giorno della loro morte”, si legge nella denuncia di 38 pagine. “Queste dichiarazioni non erano solo le invettive di un miliardario egoista circondato da suoi sostenitori non disposti a confrontarlo con le conseguenze legali delle sue scelte. Musk si è vantato con Isaacson in particolare di come aveva pianificato di truffare i dirigenti di Twitter con l'indennità di fine rapporto per salvare 200 milioni di dollari, un dollaro per sé.

L’ago nel pagliaio qui è che Agrawal, Segal, Gadd e Edgett avevano tutti clausole di “buona causa” nei rispettivi contratti che assicuravano loro il pieno risarcimento nel caso in cui una circostanza come Twitter cessasse di essere una “entità quotata in borsa”. ” — Come è successo con Twitter nell'ottobre 2022. Musk e i suoi seguaci sembrano aver ignorato questi termini quando hanno mostrato la porta ad Agrawal (che da solo avrebbe ricevuto una stretta di mano d'oro da 60 milioni di dollari), Segal, Gadd e Edget.

Dopo che Musk ha trascorso la giornata esprimendo il suo sgomento per le statistiche sull'immigrazione e la sua gioia per lo Spazio I rappresentanti di X non hanno risposto alla richiesta di Deadline di commentare la mossa da parte dell'ex CEO Agrawal, dell'ex CFO Segal, dell'ex capo legale/politico Gadde e dell'ex consigliere generale Edgett.

Se Musk o X hanno qualcosa da dire sulla denuncia di oggi, questo post verrà aggiornato.

READ  Le azioni di Hong Kong hanno guadagnato oltre il 5% con il rialzo dei mercati asiatici dopo il rapporto sull'inflazione statunitense