Dicembre 2, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Calano i profitti di Morgan Stanley a causa del rallentamento di Wall Street

Calano i profitti di Morgan Stanley a causa del rallentamento di Wall Street

Gli utili del terzo trimestre di Morgan Stanley sono scesi del 9% rispetto a un anno fa a causa del calo dei ricavi derivanti dall’investment banking e dal trading, un altro segnale che Wall Street sta ancora lottando per riprendersi dalla lunga recessione.

Gli investitori hanno espresso disappunto, facendo crollare le azioni della società di quasi il 7% mercoledì mattina. Ciò mette il titolo sulla buona strada per il più grande calo in un solo giorno in più di tre anni.

La performance di Morgan Stanley l’ha collocata in fondo alla classifica delle principali banche. Il calo degli utili è stato inferiore al calo del 33% della rivale Goldman Sachs (GS), ma è rimasto indietro rispetto ai salti degli utili riportati da JPMorgan (JPM), Bank of America (BAC), Wells Fargo (WFC) e Citigroup (C).

L’amministratore delegato di Morgan Stanley, James Gorman. Reuters/Brendan MacDiarmid

I suoi ricavi dall’investment banking sono diminuiti del 27% rispetto a un anno fa, collocandola all’ultimo posto tra le principali banche con grandi operazioni a Wall Street.

Le commissioni di investment banking presso Goldman Sachs, Bank of America e Citigroup sono aumentate rispetto allo scorso anno. Presso JPMorgan, queste commissioni sono diminuite molto meno – 2,6% – nello stesso periodo.

Anche i ricavi di Morgan Stanley derivanti dalla negoziazione di azioni e obbligazioni sono diminuiti del 4%. Le unità di gestione patrimoniale e di investimento hanno realizzato profitti più elevati su base annua, ma inferiori alle aspettative degli analisti.

“Sebbene il contesto di mercato sia rimasto contrastante in questo trimestre, la società ha ottenuto ottimi risultati”, ha affermato il CEO James Gorman, che ha annunciato a maggio i suoi piani di dimettersi dalla carica di leader “entro i prossimi 12 mesi”.

READ  Dow futures: resilienza del mercato in aumento; Apple, Tesla, questi cinque chipset possono usarlo

Prima dei risultati di mercoledì, il suo titolo era sceso del 5,5% da inizio anno, sovraperformando tutti i suoi concorrenti tranne JPMorgan Chase e Wells Fargo.

Ma negli ultimi tre mesi è crollata del 7%, un calo più marcato di quello di tutte le altre grandi banche, ad eccezione di Citigroup.

Gorman ha detto agli analisti che la società “sta vedendo prove crescenti di fusioni e acquisizioni e di calendari di sottoscrizione in costruzione”. Mentre si aspetta che “lo slancio continui quest’anno”, Morgan Stanley prevede che “la maggior parte delle attività si materializzeranno nel 2024”.

“Nonostante i risultati trimestrali più deboli, continuiamo a vedere un’ampia diversificazione settoriale delle nostre operazioni completate, e il portafoglio ordini riflette un modello simile”, ha aggiunto il direttore finanziario della società Sharon Yeshaya in una chiamata con gli analisti.

Clicca qui per un’analisi approfondita delle ultime notizie sul mercato azionario e degli eventi che muovono i prezzi delle azioni.

Leggi le ultime notizie finanziarie e commerciali da Yahoo Finanza