Maggio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Le azioni salgono mentre svaniscono i timori di un rialzo dei tassi da parte della Fed, con Apple in testa

Le azioni salgono mentre svaniscono i timori di un rialzo dei tassi da parte della Fed, con Apple in testa

Le azioni statunitensi sono aumentate giovedì in un contesto di calma dopo la giornata tempestosa della Fed, poiché gli investitori hanno messo da parte per il momento le preoccupazioni sui tassi di interesse per concentrarsi sugli utili di Apple Inc (AAPL) e sul prossimo rapporto mensile sull'occupazione.

L'S&P 500 (^GSPC) è salito di quasi lo 0,5%, mentre il Dow Jones Industrial Average (^DJI) è salito dello 0,5%. Il Nasdaq Composite (^IXIC) ha guidato i guadagni, in rialzo dello 0,9%.

Le azioni si stanno riprendendo da una sessione volatile di mercoledì dominata dall’attesa di una decisione di politica monetaria da parte della Federal Reserve. Il presidente della banca Jerome Powell ha minimizzato la possibilità di aumentare i tassi di interesse, con grande sollievo degli investitori che temono che i recenti segnali di inflazione “vischiosa” possano innescare la mossa.

Per saperne di più: Cosa significa la decisione sul tasso di interesse della Fed per conti bancari, CD, prestiti e carte di credito

Mentre Powell ha ribadito che la Fed fa ancora affidamento sui dati per modellare il suo pensiero, il rapporto sull’occupazione di aprile, previsto per venerdì, è al centro dell’attenzione. Wall Street sta cercando eventuali segni di crepe nel forte mercato del lavoro, un fattore chiave per i politici.

Nel frattempo, l'OCSE ha attribuito alla sovraperformance degli Stati Uniti la ragione per cui l'economia globale sta crescendo più velocemente del previsto, fornendo un altro motivo di ottimismo.

Il clou degli utili sono i risultati trimestrali di Apple, attesi dopo la chiusura del mercato giovedì. Wall Street si sta preparando a un calo dei ricavi e a un calo potenzialmente significativo delle vendite di iPhone in Cina. Ma potrebbero esserci alcuni potenziali punti positivi per Magnificent Seven nei suoi risultati.

Lui vive8 aggiornamenti

  • Indicatori di tendenza giovedì

    Carvana (CVNA)

    Giovedì le azioni Carvana hanno conquistato il primo posto nella lista delle azioni popolari di Yahoo Finance. Le azioni della piattaforma di auto usate sono aumentate del 34% dopo aver pubblicato risultati trimestrali record.

    Il titolo è stato volatile nell’ultimo anno, con brevi strette lungo il percorso. L'interesse a breve sul titolo si aggira al di sopra del 28% del flottante.

    “Si sta verificando sicuramente uno short squeeze in CVNA, ma sono gli acquirenti a lungo termine che stanno spingendo il prezzo delle azioni più in alto coprendo le vendite allo scoperto per facilitare il viaggio verso l'alto”, ha affermato Ihor Dusaniwski, presidente di S3 Partners.

    Qualcomm (QCom)

    Giovedì le azioni di Qualcomm sono aumentate di quasi il 10% dopo che la società di semiconduttori ha superato le aspettative sui risultati trimestrali e ha pubblicato prospettive di vendita ottimistiche.

    Le azioni sono aumentate di circa il 28% da inizio anno.

    Gruppo (Pulsante)

    Le azioni di Peloton sono scese del 12% dopo che il produttore di attrezzature per il fitness connesso ha annunciato che il CEO Barry McCarthy si dimetterà e che la forza lavoro globale dell'azienda sarà ridotta di circa il 15%, colpendo circa 400 lavoratori.

    Il produttore di cyclette stazionarie ha anche riportato risultati trimestrali, che non hanno rispettato le stime sugli utili.

  • Gli acquirenti di case si stanno rivolgendo agli ARM poiché i tassi superano il 7% per la terza settimana consecutiva

    Gli acquirenti di case si rivolgono ai mutui a tasso variabile per concludere un accordo.

    Gabriela Cruz Martinez di Yahoo Finance riporta:

    Secondo Freddie Mac, il tasso d'interesse su un'ipoteca fissa di 30 anni è salito al 7,22% dal 7,17% della settimana precedente. I tassi di interesse sono aumentati di oltre mezzo punto percentuale dalla prima settimana dell’anno e si sono attestati sopra il 7% per tre settimane consecutive.

    Non è chiaro quando i costi di finanziamento potrebbero iniziare a diminuire, alla luce della decisione della Federal Reserve di questa settimana di mantenere i tassi di interesse stabili e mantenerli alti più a lungo. Sebbene la Fed non influenzi direttamente i tassi ipotecari, lo fanno le reazioni del mercato.

    Gli acquirenti di case che subiscono pressioni sui prezzi stanno facendo tutto il possibile per combattere gli alti costi di finanziamento, e ciò significa che i mutui a tasso variabile, o ARM, stanno guadagnando nuovamente popolarità.

    Gli ARM hanno rappresentato quasi l’8% degli ordini totali per la settimana terminata il 26 aprile Associazione dei banchieri ipotecari Rilevato sondaggio settimanale (MBA): la quota più alta registrata quest'anno.

    L’aumento degli ARM è avvenuto anche quando il totale delle richieste di mutuo si è indebolito la scorsa settimana, dopo che il tasso medio dei mutui immobiliari fissi a 30 anni ha raggiunto il livello più alto da novembre 2023.

    Leggi di più qui.

  • I titoli tecnologici salgono, i semiconduttori guidano i guadagni

    Giovedì i titoli dei semiconduttori sono stati tra i maggiori guadagni nel settore tecnologico. L'ETF dell'indice del settore IT (XLK) è salito di oltre l'1% durante le negoziazioni.

    Le azioni di Nvidia (NVDA) sono aumentate di oltre il 2% mentre le azioni di Qualcomm (QCOM) sono aumentate di oltre il 10% dopo le prospettive di ricavi migliori del previsto della società di semiconduttori. Le azioni del produttore di apparecchiature per la produzione di chip ASML (ASML) sono aumentate di oltre il 2%.

  • Bitcoin è rimbalzato a 59.000 dollari dopo l’afflusso record di ETF

    Giovedì il Bitcoin (BTC-USD) è cresciuto di oltre il 3%, superando i 59.000 dollari, a seguito di un afflusso giornaliero record dagli exchange-traded fund (ETF) di Bitcoin.

    Mercoledì la criptovaluta è scesa sotto i 57.000 dollari, poiché gli investitori hanno recuperato 564 milioni di dollari netti dagli ETF bitcoin, secondo i dati di Bloomberg.

    Recentemente la criptovaluta ha registrato un trend al ribasso, cadendo per tre giorni consecutivi prima del rimbalzo di giovedì.

  • Le azioni di Carvana sono aumentate del 34% dopo aver registrato un profitto sorprendente

    Le azioni di Carvana (CRVN) sono aumentate del 34% giovedì dopo che la piattaforma automobilistica online ha registrato utili sorprendenti nel suo ultimo trimestre.

    La società ha riportato un utile trimestrale rettificato di 0,23 dollari rispetto alle aspettative di una perdita di 0,80 dollari. I ricavi sono stati di 3,06 miliardi di dollari, superiori alle stime di Wall Street di 2,76 miliardi di dollari.

    La società ha inoltre stabilito un record di profitto lordo per unità (“GPU”) di 6.432 dollari, ovvero 2.129 dollari in più rispetto allo scorso anno.

    Le azioni si aggiravano intorno ai 120 dollari per azione nelle prime negoziazioni di giovedì. Il titolo è cresciuto di quasi il 143% da inizio anno.

  • Le azioni sono aumentate dopo che la Federal Reserve ha mantenuto i tassi di interesse stabili e gli utili di Apple sono aumentati

    Le azioni sono aumentate giovedì mattina dopo una sessione di negoziazione volatile mercoledì a seguito della decisione di politica monetaria della Federal Reserve.

    L'indice S&P 500 (^GSPC) all'apertura è salito di circa lo 0,6%. Il Dow Jones Industrial Average (^DJI) è salito dello 0,5%. Il Nasdaq Composite (^IXIC) ha guidato i guadagni, in rialzo dello 0,8%.

    Mercoledì la Federal Reserve ha mantenuto invariati i tassi di interesse. Recentemente nei mercati si sono insinuate preoccupazioni circa la possibilità di aumenti dei tassi di interesse piuttosto che di tagli. Gli investitori sono stati rassicurati dal commento del presidente della Federal Reserve Jerome Powell secondo cui difficilmente la banca centrale alzerà i tassi di interesse.

    Sul fronte degli utili, è previsto il resoconto di Apple (AAPL) questo pomeriggio. Giovedì le azioni del produttore di iPhone hanno aperto in rialzo di circa l’1,5%.

  • Porta il tuo feedback macro alla conferenza sugli utili di Apple stasera

    La maggior parte degli investitori si sta preparando ad un trimestre debole da parte di Apple (AAPL) questo pomeriggio.

    A tal fine, le azioni sono scese del 12% da inizio anno rispetto a un guadagno del 5% per l’indice S&P 500.

    Molti si stanno concentrando su come le sfide economiche negli Stati Uniti e in Cina influenzeranno la potente Apple. Se queste sfide si rivelano problematiche per le vendite, gli investitori possono evitare di entusiasmarsi eccessivamente per l’inevitabile discorso sull’intelligenza artificiale durante gli utili.

    Punto utile dell'analista di JPMorgan Samik Chatterjee:

    “Sentimenti [on Apple] Migliorato nonostante i dati impegnativi poiché l'attenzione si è spostata sul possesso del potenziale ciclo di aggiornamento dell'IA; Tuttavia, i prossimi risultati sugli utili saranno comunque importanti per gli investitori perché forniranno informazioni sull’entità delle sfide cicliche dovute alla compressione della spesa al consumo e agli ostacoli riguardanti la moderazione delle quote di mercato in Cina.

  • Ritiro degli aumenti dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve

    Questa mattina The Street sta cantando all'unisono una narrazione crescente nei mercati: la Fed potrebbe effettivamente aumentare i tassi di interesse quest'anno per riportare finalmente l'inflazione al suo obiettivo del 2%.

    Quella canzone è che i maiali hanno maggiori possibilità di volare rispetto alla Fed che alza i tassi di interesse.

    Buon punto su tutto questo da parte di Mike O'Rourke di JonesTrading questa mattina dopo la decisione della Fed di mercoledì:

    “Il timore che il presidente Powell rimettesse sul tavolo gli aumenti dei tassi era ridicolo. Se mai c’è stato un catalizzatore per un rally, è stato proprio questo. La speculazione era altrettanto banale quanto la convinzione di inizio anno che il FOMC non ne avesse nei dati o i commenti della Fed supportano tale speculazione accomodante, ma in qualche modo è diventata l’opinione di consenso ed è già stata scontata dai mercati, e il presidente Powell è stato abbastanza chiaro in ripetute occasioni che, poiché il FOMC è flessibile, manterrà i tassi di interesse stabili purché ciò sia necessario per tenere sotto controllo l’inflazione. Lungi dal rischiare un inasprimento della politica monetaria con l’emergere di alcuni dati economici in rallentamento, c’è anche un’elezione entro sei mesi da 4 trilioni di dollari di quattro anni fa a 9 trilioni di dollari che poi oggi ha detto che lo avrebbe fatto ridurre gradualmente la normalizzazione a 7,4 trilioni di dollari. Il presidente Powell è aggressivo solo quando non ha altra scelta e l’inflazione lo tiene attualmente sotto controllo. Aumentare in modo aggressivo i tassi di interesse un anno dopo non rende l’inflazione più difficile da gestire“.