Maggio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Inondazioni in Kenya: ordini di evacuazione di massa prima del ciclone

Inondazioni in Kenya: ordini di evacuazione di massa prima del ciclone

Commenta la foto, Ai residenti delle zone in cui si prevede l'alluvione è stato ordinato di evacuare entro venerdì sera

  • autore, Alex Phillips
  • Ruolo, notizie della BBC

Il governo del Kenya ha ordinato l’evacuazione delle persone che vivono vicino a 178 dighe e bacini idrici mentre continuano le forti piogge.

Il Ministero degli Interni ha avvertito che i corpi idrici “sono pieni o stanno per essere pieni e potrebbero fuoriuscire in qualsiasi momento, rappresentando un grande pericolo per le persone che vivono nel loro quartiere”.

Ai residenti che vivono nelle vicinanze – così come a quelli che vivono all’interno del corridoio delle zone umide di 30 metri (98 piedi) sul fiume Nairobi – sono state concesse 24 ore a partire dalle 18:30 ora locale di giovedì per andarsene.

Le recenti forti piogge hanno causato gravi inondazioni e smottamenti in Kenya e Tanzania.

Sono circa 188 le persone morte in Kenya dallo scorso marzo, mentre altre 90 sono considerate disperse, secondo le ultime stime ufficiali. Altre 155 persone sono morte in Tanzania.

Le autorità si aspettano che la situazione peggiori nei prossimi giorni con l’arrivo di condizioni meteorologiche più estreme.

L'ufficio del presidente keniota William Ruto ha dichiarato: “È probabile che la regione costiera sia testimone del ciclone Hidaya, che porterà forti piogge, forti onde e forti venti che potrebbero influenzare le attività marine nell'Oceano Indiano”.

Il Dipartimento meteorologico del Kenya ha affermato che Nairobi dovrebbe essere tra le aree più colpite dalla tempesta.

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto, Si prevede che le inondazioni peggioreranno poiché l’uragano scarica forti piogge su terreni già saturi

Ha sottolineato che le evacuazioni non dovrebbero avvenire di notte, ma dovrebbero iniziare venerdì alle 6 del mattino.

Il ministero ha aggiunto di aver allestito rifugi temporanei e fornito cibo e generi di prima necessità agli sfollati, che sarebbero stati collocati nei punti di raccolta.

Le evacuazioni includevano aree vicino alla diga di Nairobi e alla diga del Titanic. Il Ministero degli Interni ha affermato che gli edifici all’interno della zona umida sul fiume Nairobi saranno rimossi.

Non è chiaro quante persone saranno interessate dall’ordine di evacuazione.

Il governo keniota è stato criticato per la rapidità con cui ha risposto al disastro naturale in corso.

Ruto ha difeso la sua amministrazione, dicendo lunedì alla BBC che “l'approccio globale del governo è in fase di attuazione”.

Dopo una riunione di gabinetto giovedì, l'ufficio di Ruto ha affermato che le vittime delle inondazioni “ricevono sempre più aiuti alimentari e beni non alimentari” e hanno attribuito il clima estremo al cambiamento climatico.

“[The] Il Consiglio dei ministri ha deciso che il governo, d’ora in poi, mobiliterà il Paese nell’attuazione di misure, programmi e politiche che mitigheranno gli effetti del cambiamento climatico”.

Uno dei maggiori fattori che determinano le precipitazioni è il dipolo dell’Oceano Indiano, aree opposte di acque superficiali calde e fredde, spesso chiamate “El Niño indiano” a causa della sua somiglianza con El Niño nell’Oceano Pacifico.